Grammatica Latina

Gradazione aggettivi latini

I Gradi dell'aggettivo e di comparazione in latino

 

 In latino, come in italiano, i gradi degli aggettivi sono tre:

POSITIVO

COMPARATIVO SUPERLATIVO

è il semplice aggettivo senza idea di confronto

stabilisce un confronto tra due termini

esprime l'eccellenza di una qualità

 

Il grado comparativo può essere:

• maggioranza

• minoranza

• uguaglianza

Il grado superlativo può essere:

• assoluto

• relativo

 

Comparativo di uguaglianza

Il comparativo di uguaglianza si esprime in latino in modo analogo all'italiano, tramite degli avverbi correlativi:

tam ... quam tanto...quanto
ita (sic) ... ut così...come
aeque ... ac (atque) ugualmente...che

Il secondo termine di paragone va nel caso del primo termine.

 

Comparativo di minoranza

Il comparativo di minoranza si esprime in latino in modo analogo all'italiano, tramite degli avverbi correlativi:

minus ... quam meno...che (di)

Il secondo termine di paragone va nel caso del primo termine, più raramente in ablativo semplice senza quam.

 

Comparativo di maggioranza

In italiano il comparativo di maggioranza si forma premettendo l'avverbio più all'aggettivo di grado positivo. Nel latino classico invece si ricorre ad una perifrasi, ma si modifica l'aggettivo, aggiungendo alla radice il suffisso -ior (ge. -ioris) per il maschile e per il femminile, -ius (gen. -ioris) per il neutro.

La declinazione del comparativo di altus, a, um è la seguente:

CASI SINGOLARE PLURALE
  M. e F. N. M. e F. N.
Nominativo
Genitivo
Dativo
Accusativo
Vocativo
Ablativo
alt-ior
alt-ior
is
alt-iori
alt-iorem
alt-ior
alt-iore
alt-ius
alt-ior
is
alt-iori
alt-ius
alt-ius
alt-iore
alt-iores
alt-iorum
alt-ioribus
alt-iores
alt-iores
alt-ioribus
alt-iora
alt-iorum
alt-ioribus
alt-iora
alt-iora
alt-ioribus

 

Il secondo termine di paragone si può rendere in due modi:

IL SECONDO TERMINE SI RENDE CON

SE IL PRIMO TERMINE È IN

 quam + caso del primo termine

 ablativo semplice

caso diretto (nominativo, accusativo e vocativo)

 quam + caso del primo termine

 caso obliquo (genitivo, dativo e ablativo)

 

Superlativo dell'aggettivo

In italiano il superlativo può essere:

• relativo: indica una qualità posseduta al massimo grado relativamente ad un termine di confronto.

• assoluto indica una qualità posseduta al massimo grado senza alcun termine di confronto

In latino si forma aggiungendo il suffisso -issimus, -issima, -issimum alla radice dell'aggettivo.

Es. altus          gen. alti                    sup. alt-issimus, a, um
       fortis          gen. fortis                sup. fort-ssimus, a, um
: