Età da Adriano al Medioevo - Letteratura Latina

Floro

Scheda di letteratura latina su: Floro

La critica più recente identifica con Lucio Anneo (o Annio) Floro

sia l'omonimo poeta e maestro di retorica dell'epoca di Adriano, autore di versi scherzosi e di epigrammi, sia lo storico

Floro, scrittori che sino a poco tempo fa si consideravano come due persone diverse.

La vita e l'opera



Della sua vita si sa solo quel poco che lo stesso Floro dice nel dialogo, di genere autobiografico, Vergilius orator an

poeta (Virgilio oratore o poeta), di cui è pervenuta la parte iniziale. Di origine africana, partecipò a Roma a una gara di

poesia nella quale ingiustamente non fu premiato per la gelosia di Domiziano. Floro lasciò allora, indispettito, la capitale e

viaggiò a lungo nel Mediterraneo; si fermò in Spagna, a Tarragona, dove insegnò retorica. Ritornato nella capitale, divenne

amico dell'imperatore Adriano e si dedicò alla poesia e alla storia. Non si conosce l'anno della morte.



Epitoma de Tito Livio


La sua opera storica Epitoma de Tito Livio bellorum omnium annorum DCC (Riassunto di 700 anni

di guerre secondo Tito Livio) ha un titolo probabilmente non autentico, perché l'autore, se attinge soprattutto a Livio, se

ne differenzia nello spirito e nell'impostazione e utilizza ampiamente altre fonti, quali Sallustio, Cesare e Seneca il

Retore, registrando inoltre avvenimenti successivi alla trattazione liviana. Floro divide la storia romana in quattro età, come

quelle della vita umana, secondo un criterio che aveva adottato Seneca il Vecchio nelle sue Historiae: il periodo monarchico

(infanzia), l'età repubblicana fino alla conquista di tutta le penisola italica (adolescenza), la costruzione di un impero e

la pacificazione di Augusto (maturità), l'età imperiale fino ad Adriano (vecchiaia). L'opera è un panegirico, pieno di

retorica e di enfasi, del valore militare di tutto il popolo romano, di cui esalta le gesta dalle origini. Di Floro poeta ci

sono rimasti alcuni epigrammi in trimetri trocaici e alcuni versi scherzosi indirizzati ad Adriano con relativa ironica

risposta dell'imperatore-poeta.