Versione di Anonimi

Duello tra Achille ed Ettore

Traduzione della Versione "Duello tra Achille ed Ettore" di Anonimi

Testo Originale Latino

Ante lucem Achilles sua divina arma induit et copias suas contra Troianos ducit. Sed sub Troiae moenibus Hectorem, Troianorum ducem, aspicit et, ira motus, eum ad singolare certamen provocat. Achilles primus in Hectorem hastam iacit, sed hasta per aerem super eius caput volat et in in terram figitur. Hector invicem hastam suam in Achillem iacit; hasta scutum percutit sed Achillem non vulnerat. Tum Troianus gladium arripit et ad hostem accedit, sed Achilles magna vi hastam iacit et Hectoris collum transfigit: hic in terram cadit et animam efflat. Tum saevus Achilles Hectoris corpus ad currum alligat et circum urbis monenia trahit. Pater materque Hectoris de moenibus horrendum spectaculum conspiciunt et frusta Achillis misericordia implorant. Sed nocte Priamus rex, a Mercurio ductus, ad Achillis tabernaculum venit, ad eius pedes procumbit et sic eum orat: “Achilles, filii mei corpus redde mihi, ego deos pro te orabo et pro te faustum in patriam reditum petam”. Tum Achilles, senis Regis verbis commotus, Priamum e terra levat et Hectoris corpus misero patri reddit.

Traduzione Italiana

Prima dell'alba Achille indossò le sue armi divine e condusse le sue truppe contro i troiani. Ma sotto le mura di troia (cerca aspicio) Ettore, comandante dei troiani e, mosso da ira, lo provoca ad un duello. Achille per primo lancia l'asta contro Ettore ma l'asta attraverso l'aria vola sulla sua testa e si infrange per terra. Ettore invece getta la lancia contro Achille, la lancia percuote lo scudo ma non ferisce Achille. Allora il Troiano prende la spada e avanza contro il nemico, ma Achille getta la lancia con grande forza e trafigge il collo di Ettore: questo cade a terra e muore. Allora il feroce Achille lega al carro il corpo di Ettore e lo trascina intorno le mura della città. Il padre e la madre di Ettore vedono dalle mura l'orrendo spettacolo e inutilmente implorano la misericordia di Achille. Ma di notte Priamo, condotto da Mercurio, viene nel tabernacolo di Achille, si getta ai suoi piedi e così lo prega: Achille, ridammi il mio corpo, io pregherò gli dei per te e chiederò per te un favorevole ritorno in patria. Allora Achille, commosso dalle parole del vecchio re, solleva da terra Priamo e ridiede il corpo di Ettore al misero padre.