Versione di Anonimi

Elogio di Pirro, re dell'Epiro

Traduzione della Versione "Elogio di Pirro, re dell'Epiro" di Anonimi

Testo Originale Latino

Repulsus a Spartanis, Pyrrhus Argos petit: ibi, cum Antigonum in urbe clausum expugnare conaretur, inter confertissimos hostes violentissime dimicans, saxo de muris iacto occiditur. Caput eius Antigono refertur, qui, ut mitem se praeberet, filium eius, cum Epirotis sibi deditum, in patriam remisit, eique insepulti patris ossa tradidit, ut ea in patriam referret. Inter omnes auctores fama est nullum eius aetatis regem cum eo conferri posse. Nam raro, non inter reges tantum, verum etiam inter illustres viros, sanctioris vitae aut probatioris iustitiae exemplum novimus. Scientia rei militaris in eo viro tanta fuit ut cum bella Lysimacho, Demetrio, Antigono, qui tanti reges fuerunt, intulisset, invictus semper fuerit. Illyriis quoque, Siculis, Romanisque bellum intulit; et patriam suam, antea angustam ignobilemque, fama rerum gestarum inter omnes gentes illustrem reddidit.

Traduzione Italiana

Cacciato dagli spartani, Pirro si diresse ad argo: qui, cercò di espugnare Antigono chiuso in città, lottando tra i più feroci nemici assai violentemente, fu ucciso con un sasso gettato dalle mura. La sua testa fu portata ad Antiogono, per mostrarsi mite rimandò in patria suo figlio (deditum) agli epiroti, e gli consegnò le ossa del padre non sepolto, perchè le riportasse in patria. Tra tutti gli autori è fama che nessun re di quel tempo possa essere paragonato a quello. Infatti raramente, non tanto tra i re, ma tra gli illustri uomini, abbiamo conosciuto esempio di più santa vita o onestà di giustizia. La perizia di arte militare in tale uomo fu tanta da portare guerre a Lisimaco, Demetrio, Antigono che furono re, sempre sarà invinto. Anche agli illirici, ai siculi, ai romani portò guerra, e rese la sua patria, prima angusta e ignobile, per fama di imprese tra tutti i popoli illustre.