Versione di Anonimi

Le stelle

Traduzione della Versione "Le stelle" di Anonimi

Testo Originale Latino

Praeter duodecim signa potentissima sidera in caelo: Septemtriones duo, maior et minor, qui numquam merguntur ideoque navium cursus regunt. Quorum alter Cynosura dicitur, Bootes, idem Arcturus. Orion, qui magnitudine sua dimidiam caeli obtinet partem. Pliades, quae latine Virgiliae dicuntur. Hyades, quae a nobis Subuculae dicuntur; quarum ortus et occasus a nautis et ab agricolis observantur. Canicula, cuius vis praecipue solstitio est. Stellae potentissimae in caelo sunt septem: Saturnus Sol Luna Mars Mercurius Iuppiter Venus. Quae a Graecis planetae, a nobis erraticae dicuntur, qui ad arbitrium suum vagantur et motu suo hominum fata moderantur. Item adverso cursu contra caelum feruntur.

Traduzione Italiana

Oltre ai 12 segni, in cielo sono visibili costellazioni di grande "magnitudo" e lucentezza: le due Orse [Septemtriones], Maggiore e Minore, sempre visibili e per questo costante punto di riferimento per i marinai: una è detta “Cinosura” [la Minore], l’altra “Bootes”, o “Arturo”. Abbiamo poi Orione, che, con la sua “magnitudo”, occupa mezza parte del cielo. Le Pleiadi, dette in lingua latina “Vergilie”, le Iadi – in latino “Subucule” – l’alba e il tramonto delle quali son presi qual punto di riferimento da naviganti ed agricoltori. Infine, Canicola [Sirio], il cui influsso maggiore si fa sentire al solstizio. 7 sono, invece, le stelle più grandi e luminose – Saturno, Sole, Luna, Marte, Mercurio, Giove, Venere – dette dai Greci “pianeti”, dai Latini “stelle erratiche”, che non seguono un’orbita ben definita e che, col proprio moto, influenzano il destino degli uomini. Parimenti, con corso contrario, si portano all’altro lato del cielo.