Versione di Catullo

Carme30

Traduzione della Versione "Carme30" di Catullo

Testo Originale Latino

Alphene immemor atque unanimis false sodalibus, iam te nil miseret, dure, tui dulcis amiculi? iam me prodere, iam non dubitas fallere, perfide? nec facta impia fallacum hominum caelicolis placent. quae tu neglegis ac me miserum deseris in malis. eheu quid faciant, dic, homines cuive habeant fidem? certe tute iubebas animam tradere, inique, me inducens in amorem, quasi tuta omnia mi forent. idem nunc retrahis te ac tua dicta omnia factaque ventos irrita ferre ac nebulas aereas sinis. si tu oblitus es, at di meminerunt, meminit Fides, quae te ut paeniteat postmodo facti faciet tui.

Traduzione Italiana

Alfeno immemore e falso per tutti gli amici, per nula hai più compassione, crudele, del tuo dolce amico? Non esiti più a tradirmi, né ad ingannarmi, perfido? Neppure ai celesti piacciono i fatti empi di uomini bugiardi. Questo lo trascuri e lasci me misero nei mali. Ahimè che posson far, dimmi, gli uomini o in chi aver fiducia? Proprio tu certo mi consigliavi a buttar l'anima, iniquo, trascinandomi nell'amore, come se tutto fosse sicuro per me. Adesso tu ti ritrai e lasci che i tuoi detti e tutte le azioni i venti le trasportino vane e le aeree nebbie. Se tu ti sei dimenticato, lo ricordano però gli dei, lo ricorda Fede, che più tardi farà sì che ti penta della tua azione.