Versione di Catullo

Carme 32

Traduzione della Versione "Carme 32" di Catullo

Testo Originale Latino

Amabo, mea dulcis Ipsitilla, meae deliciae, mei lepores, iube ad te veniam meridiatum. et si iusseris, illud adiuvato, ne quis liminis obseret tabellam, neu tibi lubeat foras abire, sed domi maneas paresque nobis novem continuas fututiones. verum si quid ages, statim iubeto: nam pransus iaceo et satur supinus pertundo tunicamque palliumque.

Traduzione Italiana

Amerò, mia dolce Ipsitilla, mia delizia, mio tesoro, fammi venire da te a far la siesta. E se lo farai, organizzati sì che nessuno chiuda il battente dell'ingresso, e non decida d'andartene fuori, e che resti in casa e ci prepari nove ininterrotte scopate. Anzi se farai qualcosa, ordinalo subito: Ristorato riposo e sazio supino perforo tunica e mantello.