Versione di Catullo

Carme 34

Traduzione della Versione "Carme 34" di Catullo

Testo Originale Latino

Dianae sumus in fide puellae et pueri integri: Dianam pueri integri puellaeque canamus. o Latonia, maximi magna progenies Iovis, quam mater prope Deliam deposivit olivam, montium domina ut fores silvarumque virentium saltuumque reconditorum amniumque sonantum: tu Lucina dolentibus Iuno dicta puerperis, tu potens Trivia et notho es dicta lumine Luna. tu cursu, dea, menstruo metiens iter annuum, rustica agricolae bonis tecta frugibus exples. sis quocumque tibi placet sancta nomine, Romulique, antique ut solita es, bona sospites ope gentem.

Traduzione Italiana

Di Diana siamo nella protezione ragazze e ragazzi puri: a Diana ragazzi puri e ragazze cantiamo. O Latonia, grande famiglia del massimo Giove, che la madre depose presso l'olivo di Delo, perché fossi la regina dei monti delle selve verdeggianti e delle foreste nascoste e dei ruscelli risonanti: tu chiamata Giunone Lucina per le dolenti puerpere tu sei detta potente Trivia e per la luce non propria, Luna. Tu con la rotta mensile, dea, misurando il percorso annuale, sazi le umili case dell'agricoltore di buoni raccolti. Santa con qualunque nome ti piaccia, benigna proteggi come sei solita sempre con cura il popolo di Romolo.