Versione di Catullo

Carme 37

Traduzione della Versione "Carme 37" di Catullo

Testo Originale Latino

Salax taberna vosque contubernales, a pilleatis nona fratribus pila, solis putatis esse mentulas vobis, solis licere, quidquid est puellarum, confutuere et putare ceteros hircos? an, continenter quod sedetis insulsi centum an ducenti, non putatis ausurum me una ducentos irrumare sessores? atqui putate: namque totius vobis frontem tabernae sopionibus scribam. puella nam mi, quae meo sinu fugit, amata tantum quantum amabitur nulla, pro qua mihi sunt magna bella pugnata, consedit istic. hanc boni beatique omnes amatis, et quidem, quod indignum est, omnes pusilli et semitarii moechi; tu praeter omnes une de capillatis, cuniculosae Celtiberiae fili, Egnati. opaca quem bonum facit barba et dens Hibera defricatus urina.

Traduzione Italiana

Sporca osteria e voi compagnoni, nono pilastro dai fratelli imberrettati, pensate di avere voi soli le minchie, a voi soli esser lecito, tutte quelle che son ragazze, fotterle e pensare bechhi gli altri? O, perché sedete insulsi in fila in cento o duecento, non pensate che io oserei irrumarne insieme duecento seduti? Perciò riflettete: per voi cazzoni scriverò sul frontone di tutta l'osteria. La ragazza, che fuggì dal mio amplesso, da me tanto amata quanto nessun altra sarà amata, per la quale io ho combattuto molte guerre, siede lì con voi. La amate tutti felici e contenti e senz'altro, che è cosa indegna, tutti piccolini e puttanieri di strada; tu unico sugli altri tra i capelloni, figlio della Celtiberia dei conigli, Egnazio.Ti fa bello una barba scura e la dentatura strofinata da urina spagnola.