Versione di Catullo

Carme 39

Traduzione della Versione "Carme 39" di Catullo

Testo Originale Latino

Egnatius, quod candidos habet dentes, renidet usque quaque. si ad rei ventum est subsellium, cum orator excitat fletum, renidet ille; si ad pii rogum fili lugetur, orba cum flet unicum mater, renidet ille. quidquid est, ubicumque est, quodcumque agit, renidet: hunc habet morbum, neque elegantem, ut arbitror, neque urbanum. quare monendum est te mihi, bone Egnati. si urbanus esses aut Sabinus aut Tiburs aut pinguis Vmber aut obesus Etruscus aut Lanuvinus ater atque dentatus aut Transpadanus, ut meos quoque attingam, aut quilubet, qui puriter lavit dentes, tamen renidere usque quaque te nollem: nam risu inepto res ineptior nulla est. nunc Celtiber es: Celtiberia in terra, quod quisque minxit, hoc sibi solet mane dentem atque russam defricare gingivam, ut quo iste vester expolitior dens est, hoc te amplius bibisse praedicet loti.

Traduzione Italiana

Egnazio, perché ha candidi denti, sorride ad ogni momento. Se si è giunti al banco del reo, quando l'avvocato muove al pianto, lui sorride; se si geme presso il rogo del pio figlio, quando la madre vedova piange il suo unico, lui sorride. Qualunque cosa sia, dovunque sia, qualunque cosa faccia, sorride: ha questa malattia, non elegante, come ritengo, ne civile. Perciò bisogna che io ti richiami, buon Egnazio. Se fossi un cittadino o Sabino o di Tivoli o grasso Umbro o Etrusco obeso o Lanuvino nero e dentuto o transpadano, per toccare anche i miei, o chiunque, che semplicemente si lava i denti, tuttavia non vorrei che tu sorridessi ad ogni momento: non c'è nessuna cosa più stupida d'un riso stupido. Orbene tu sei Celtibero: in terra Celtibera, con ciò che uno ha pisciato, al mattino suole sfregarsi i denti e la rossa gengiva, così che quanto più questa vostra dentatura è pulita, tanto più proclamerà che tu hai bevuto porcheria.