Versione di Catullo

Carme 61

Traduzione della Versione "Carme 61" di Catullo

Testo Originale Latino

Collis o Heliconii cultor, Uraniae genus, qui rapis teneram ad virum virginem, o Hymenaee Hymen, o Hymen Hymenaee; 5 cinge tempora floribus suave olentis amaraci, flammeum cape laetus, huc huc veni, niveo gerens luteum pede soccum; 10 excitusque hilari die, nuptialia concinens voce carmina tinnula, pelle humum pedibus, manu pineam quate taedam. 15 namque Iunia Manlio, qualis Idalium colens venit ad Phrygium Venus iudicem, bona cum bona nubet alite virgo, 20 floridis velut enitens myrtus Asia ramulis quos Hamadryades deae ludicrum sibi roscido nutriunt umore. 25 quare age, huc aditum ferens, perge linquere Thespiae rupis Aonios specus, nympha quos super irrigat frigerans Aganippe. 30 ac domum dominam voca coniugis cupidam novi, mentem amore revinciens, ut tenax hedera huc et huc arborem implicat errans. 35 vosque item simul, integrae virgines, quibus advenit par dies, agite in modum dicite, o Hymenaee Hymen, o Hymen Hymenaee. 40 ut libentius, audiens se citarier ad suum munus, huc aditum ferat dux bonae Veneris, boni poliptoto coniugator amoris. 45 quis deus magis est ama- tis petendus amantibus? quem colent homines magis caelitum, o Hymenaee Hymen, o Hymen Hymenaee? 50 te suis tremulus parens invocat, tibi virgines zonula solvunt sinus, te timens cupida novos captat aure maritus. 55 tu fero iuveni in manus floridam ipse puellulam dedis a gremio suae matris, o Hymenaee Hymen, o Hymen Hymenaee. 60 nil potest sine te Venus, fama quod bona comprobet, commodi capere, at potest te volente. quis huic deo compararier ausit? 65 nulla quit sine te domus liberos dare, nec parens stirpe nitier; ac potest te volente. quis huic deo compararier ausit? 70 quae tuis careat sacris, non queat dare praesides terra finibus: at queat te volente. quis huic deo compararier ausit? 75 claustra pandite ianuae. virgo adest. viden ut faces splendidas quatiunt comas? * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * tardet ingenuus pudor. quem tamen magis audiens, flet quod ire necesse est. 85 flere desine. non tibi Au- runculeia periculum est, ne qua femina pulcrior clarum ab Oceano diem viderit venientem. Allitterazione 90 talis in vario solet divitis domini hortulo stare flos hyacinthinus. sed moraris, abit dies. prodeas nova nupta. 95 prodeas nova nupta, si iam videtur, et audias nostra verba. viden? Faces allitterazione aureas quatiunt comas: prodeas nova nupta. 100 non tuus levis in mala deditus vir adultera, probra turpia persequens, a tuis teneris volet secubare papillis, 105 lenta sed velut adsitas vitis implicat arbores, implicabitur in tuum complexum. sed abit dies: prodeas nova nupta. 110 o cubile, quod omnibus * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * candido pede lecti, 115 quae tuo veniunt ero, quanta gaudia, quae vaga nocte, quae medio die gaudeat! sed abit dies: prodeas nova nupta. 120 tollite, o pueri, faces: flammeum video venire. allitterazione ite concinite in modum "io Hymen Hymenaee io, io Hymen Hymenaee." 125 ne diu taceat procax Fescennina iocatio, nec nuces pueris neget allitterazione desertum domini audiens concubinus amorem. 130 da nuces pueris, iners concubine! satis diu lusisti nucibus: lubet iam servire Talasio. concubine, nuces da. 135 sordebant tibi villicae, concubine, hodie atque heri: nunc tuum cinerarius tondet os. miser a miser concubine, nuces da. 140 diceris male te a tuis unguentate glabris marite abstinere, sed abstine. io Hymen Hymenaee io, io Hymen Hymenaee. 145 scimus haec tibi quae licent sola cognita, sed marito ista non eadem licent. io Hymen Hymenaee io, io Hymen Hymenaee. 150 nupta, tu quoque quae tuus vir petet cave ne neges, allitterazione ni petitum aliunde eat. io Hymen Hymenaee io, io Hymen Hymenaee. 155 en tibi domus ut potens et beata viri tui, quae tibi sine serviat (io Hymen Hymenaee io, io Hymen Hymenaee) 160 usque dum tremulum movens cana tempus anilitas omnia omnibus annuit. io Hymen Hymenaee io, io Hymen Hymenaee. 165 transfer omine cum bono limen aureolos pedes, rasilemque subi forem. io Hymen Hymenaee io, io Hymen Hymenaee. 170 aspice intus ut accubans vir tuus Tyrio in toro totus immineat tibi. io Hymen Hymenaee io, io Hymen Hymenaee. 175 illi non minus ac tibi pectore uritur intimo flamma, sed penite magis. io Hymen Hymenaee io, io Hymen Hymenaee. 180 mitte brachiolum teres, praetextate, puellulae: iam cubile adeat viri. io Hymen Hymenaee io, io Hymen Hymenaee. 185 vos bonae senibus viris cognitae bene feminae, collocate puellulam. io Hymen Hymenaee io, io Hymen Hymenaee. 190 iam licet venias, marite: uxor in thalamo tibi est, ore floridulo nitens, alba parthenice velut luteumve papaver. 195 at, marite, ita me iuvent caelites, nihilo minus pulcer es, neque te Venus neglegit. sed abit dies: perge, ne remorare. 200 non diu remoratus es: iam venis. bona te Venus iuverit, quoniam palam quod cupis cupis, et bonum non abscondis amorem. 205 ille pulveris Africi siderumque micantium subducat numerum prius, qui vestri numerare volt multa milia ludi. 210 ludite ut lubet, et brevi liberos date. non decet tam vetus sine liberis nomen esse, sed indidem semper ingenerari. 215 Torquatus volo parvulus matris e gremio suae porrigens teneras manus dulce rideat ad patrem semihiante labello. 220 sit suo similis patri Manlio et facile insciis noscitetur ab omnibus, et pudicitiam suae matris indicet ore. 225 talis illius a bona matre laus genus approbet, qualis unica ab optima matre Telemacho manet fama Penelopeo. 230 claudite ostia, virgines: lusimus satis. at boni coniuges, bene vivite et munere assiduo valentem exercete iuventam. 235

Traduzione Italiana

Abitatore del colle eliconio, stirpe di Urania, che rapisci la tenera vergine per il marito, o Imeneo Imen, o Imen Imeneo; cingi le tempia di fiori dell'amaraco che profuma soave, lieto prendi il fiammante (velo), qui, vieni qui, calzando col niveo piede il fangoso zoccolo; eccitato dal gioioso giorno, cantando inni di nozze con voce tintinnante, batti il suolo coi piedi, con la mano scuoti la fiaccola di pino. Giunia viene da Manlio, come Venere che abita l'Idalio venne dal frigio giudice, una buona vergine si sposa con buon augurio come in Asia il mirto splendente di rametti floridi, Che le dee amadriadi nutrono come gioco per sé d'umore rugiadoso. Perciò su, facendo l'ingresso qui, affrettati a lasciare le grotte aonie della rupe tespia, che la ninfa Aganippe dall'alto irriga rinfrescandole. E chiama a casa la padrona bramosa del nuovo sposo, avvincendo d'amore il cuore, come qua e là l'edera tenace vagando abbraccia l'albero. Ugualmente voi insieme, pure vergini, cui giunge un giorno simile, ballate a ritmo, dite, o Imeneo Imen, o Imen Imeneo. Perché più volentieri, udendo di esser chiamato al suo compito, qui faccia l'ingresso il maestro della buona Venere, conciliatore del buon amore. 45 Quale dio è più da invocare dahli amati amanti? Chi gli uomini adoreranno di più tra i celesti; Imeneo o Imen, o Imen Imeneo? 50 Te per i suoi invoca il genitore tremante, a te le vergini sciolgono i grembi dalla cinturina, te esitando con bramoso orecchio capta il nuovo marito 55 Tu stessa affidi nelle mani al fiero giovane la florida fanciulletta dal grembo della madre, o Imeneo Imen, o Imen Imeneo. 60 Nulla di piacere può senza te prendereVenere, che il buon nome approvi, ma lo può volendolo tu. Chi oserebbe paragonarsi a questo dio? 65 Nessuna casa può senza te dare figli, nessun padre appoggiarsi alla radice, elo può volenodlo tu. Chi oserebbe paragonarsi aquesto dio? 70 La terra che mancasse dei tuoi riti, non potrebbe dare difensori ai territori: ma lo potrebbe volendolo tu. Chi oserebbe paragonarsi a questo dio? 75 Spalancate i passaggi della porta. La vergine s'avvicina. Non vedi che le fiaccole scotono le splendide chiome? * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * ritardi il nobile pudore. Ma ascoltando di più, piange, perché bisogna andare. 85 Cessa di piangere. Per te, Aurunculea, non cè pericolo, che una donna più bella veda venire un chiaro giorno dall'Oceano. 90 Tale suole stare nel colorato giardinetto del ricco signore il fiorellino di giacinto. Ma ti fermi, parte il giorno. Avanza nuova sposa. 95 Avanza nuova sposa, se ormai ti pare, ed ascolta le nostre parole. Non vedi? Le fiaccole scuotono le chiome dorate: avanza nuova sposa. 100 No, il leggero sposo (non) dedito a malvagia adultera, inseguendo brutti vizi, non vorrà dormire lontano dalle tue morbide mammelle, 105 ma come la vite flessuosa abbraccia l'albero posto accanto della vite, si abbraccerà nel tuo amplesso. Ma parte il giorno: avanza nuova sposa. 110 O letto, che per tutti * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * per il candido piede del letto, 115 quali vengono al tuo signore, quante gioie, quali nella vaga notte, quali nel pieno giorno le goda! Ma passa il giorno: avanza nuova sposa. 120 Alzate, o ragazzi, le fiaccole: vedo venire il velo fiammante. Andate, cantate insieme a ritmo "Evviva Imen Imeneo, evviva, evviva Imen Imeneo." 125 Non tacciano a lungo l'impudente scherzo fescennino, il compagno non neghi le noci ai ragazzi sentendo l'amore silenzioso del signore. 130 Da' noci ai ragazzi compagno! Abbastanza a lungo giocasti con le noci: ormai è bello servire Talasio. Compagno, da' le noci. 135 Ti ripugnavan le campagnole, compagno, oggi e ieri: ora il tuo barbiere raderà il tuo capo. Povero, ah, povero compagno, da' le noci. 140 Unguentato marito, si dice che male ti astieni dai tuoi depilati, astieniti. Evviva Imen Imeneo, evviva, evviva Imen Imeneo. 145 Sappiamo che ti è noto solo il lecito, ma al marito queste stesse non piacciono. Evviva Imen Imeneo, evviva, evviva Imen Imeneo. 150 Sposa, pure tu quel che tuo marito chiederà, guarda di non negarlo, che non vada a chiederlo altrove. Evviva Imen Imeneo, evviva, evviva Imen Imeneo. 155 Eccoti la casa del tuo uomo, quanto ricca e felice, lascia che ti serva (Evviva Imen Imeneo, evviva, evviva Imen Imeneo.) 160 fin che la bianca vecchiezza muovendo la fronte tremula annuisce tutto a tutti. Evviva Imen Imeneo, evviva, evviva Imen Imeneo. 165 Oltrepassa la soglia con buon auspicio per i piedini dorati, affronta il levigato stipite. Evviva Imen Imeneo, evviva, evviva Imen Imeneo. 170 Guarda dentro come sdraiandosi tuo marito sul letto tirio tutto ti desidera. Evviva Imen Imeneo, evviva, evviva Imen Imeneo. 175 A lui non meno che a te brucia nel profondo del petto la fiamma, più profondamente. Evviva Imen Imeneo, evviva, evviva Imen Imeneo. 180 Lascia il braccino tornito della fanciullina, amico: s'avvicini ormai al letto del marito. Evviva Imen Imeneo, evviva, evviva Imen Imeneo. 185 Voi brave donne ben Note ad uomini anziani, adagiate la fanciullina. Evviva Imen Imeneo, evviva, evviva Imen Imeneo. 190 Ormai dunque vieni, marito: hai la moglie sul letto, splendente nel visetto florido, come bianca partenice o papavero acceso. 195 Ma, mi proteggano così gli dei, marito, non sei meno bello, né Venere ti trascura. Ma passa il giorno: affrettati, non attardarti. 200 Non ti sei attardato alungo: ormani vieni. La buona Venere t'aiuterà, poiché chiaramente quel che vuoi, vuoi e non nascondi il bell'amore. 205 Si conteggi il numero della polvere africana e delle stelle ammiccanti prima, che voglia contare le molte migliaia del vostro gioco. 210 Giocate, come piace, ed in breve date figli. Non è bene che un nome così antico sia senza figli, ma dallo stesso luogo sempre si generi. 215 Voglio che un piccolo Torquato porgendo le teneremani dal grembo di sua madre sorrida dolcemente al padre con la boccuccia socchiusa. 220 Sia simile a suo padre Manlio e facilmente sia riconosciuto da tutti senza conoscerlo, e dichiari col suo volto la virtù di sua madre. 225 Tale sua lode dalla madre buona confermi la stirpe, come da una ottima madre unica rimane la fama a Telemaco di Penelope. 230 Chiudete le porte, ragaze: Giocammo abbastanza. Voi buoni coniugi, vivete bene e con impegno assiduo allenate la forte giovinezza. 235