Versione di Catullo

Carme 95

Traduzione della Versione "Carme 95" di Catullo

Testo Originale Latino

Zmyrna mei Cinnae nonam post denique messemquam coepta est nonamque edita post hiemem,milia cum interea quingenta Hortensius unoZmyrna cavas Satrachi penitus mittetur ad undas,Zmyrnam cana diu saecula pervolvent.at Volusi annales Paduam morientur ad ipsamet laxas scombris saepe dabunt tunicas.Parva mei mihi sint cordi monimenta sodalis, [poliptoto]at populus tumido gaudeat Antimacho.

Traduzione Italiana

La Zmirna del mio Cinna infine dopo la nona messe,da che iniziò, e dopo il nono inverno è uscita,mentre intanto Ortensio cinquecento mila…Zmirna sarà mandata alle profonde acque del Satraco,a lungo i vecchi secoli racconteranno Zmirna.Gli annali di Volusio moriranno presso la stessa Padovae spesso offriranno larghe tuniche agli sgombri.Mi stiano sempre a cuore i piccoli ricordi dell'amico, il popolo invece goda del tronfio Antimaco.