Versione di Cesare

Libro 2 - Paragrafi da 06 a 10

Traduzione della Versione "Libro 2 - Paragrafi da 06 a 10" di Cesare

Testo Originale Latino

Paragrafo 6 Commisso proelio Massiliensibus res nulla ad virtutem defuit; sed memores eorum praeceptorum quae paulo ante ab suis aeceperant hoc animo decertabant ut nullum aliud tempus ad conandum habituri viderentur et quibus in pugna vitae periculum accideret non ita multo se reliquorum civium fatum antecedere existimarent quibus urbe capta eadem esset belli fortuna patienda. Diductisque nostris paulatim navibus et artificio gubernatorum et mobilitati navium locus dabatur et si quando nostri facultatem nacti ferreis manibus iniectis navem religaverant undique suis laborantibus succurrebant. Neque vero coniuncti Albici comminus pugnando deficiebant neque multum cedebant virtute nostris. Simul ex minoribus navibus magna vis eminus missa telorum multa nostris de improviso imprudentibus atque impeditis vulnera inferebant. Conspicataeque naves triremes duae navem D. Bruti quae ex insigni facile agnosci poterat duabus ex partibus sese in eam incitaverant Sed tantum re provisa Brutus celeritate navis enisus est ut parvo momento antecederet. Illae adeo graviter inter se incitatae conflixerunt ut vehementissime utraque ex concursu laborarent altera vero praefracto rostro tota collabefieret. Qua re animadversa quae proximae ei loco ex Bruti classe naves erant in eas impeditas impetum faciunt celeriterque ambas deprimunt. Paragrafo 7 Sed Nasidianae naves nullo usui fuerunt celeriterque pugna excesserunt; non enim has aut conspectus patriae aut propinquorum praecepta ad extremum vitae periculum adire cogebant. Itaque ex eo numero navium nulla desiderata est: ex Massiliensium classe V sunt depressae IV captae una cum Nasidianis profugit; quae omnes citeriorem Hispaniam petiverunt. At ex reliquis una praemissa Massiliam huius nuntii perferendi gratia cum iam appropinquaret urbi omnis sese multitudo ad cognoscendum effudit et re cognita tantus luctus excepit ut urbs ab hostibus capta eodem vestigio videretur. Massilienses tamen nihilo secius ad defensionem urbis reliqua apparare coeperunt. Paragrafo 8 Est animadversum ab legionibus qui dextram partem operis administrabant ex crebris hostium eruptionibus magno sibi esse praesidio posse si ibi pro castello ac receptaculo turrim ex latere sub muro fecissent. Quam primo ad repentinos incursus humilem parvamque fecerunt. Huc se referebant; hinc si qua maior oppresserat vis propugnabant; hinc ad repellendum et prosequendum hostem procurrebant. Patebat haec quoquo versus pedes XXX sed parietum crassitudo pedes V. Postea vero ut est rerum omnium magister usus hominum adhibita sollertia inventum est magno esse usui posse si haec esset in altitudinem turris elata. Id hac ratione perfectum est. Paragrafo 9 Ubi turris altitudo perducta est ad contabulationem eam in parietes instruxerunt ita ut capita tignorum extrema parietum structura tegerentur ne quid emineret ubi ignis hostium adhaeresceret. Hanc super contignationem quantum tectum plutei ac vinearum passum est laterculo adstruxerunt supraque eum locum duo tigna transversa iniecerunt non longe ab extremis parietibus quibus suspenderent eam contignationem quae turri tegimento esset futura supraque ea tigna directo transversas trabes iniecerunt easque axibus religaverunt (has trabes paulo longiores atque eminentiores quam extremi parietes erant effecerant ut esset ubi tegimenta praependere possent ad defendendos ictus ac repellendos cum infra eam contignationem parietes exstruerentur) eamque contabulationem summam lateribus lutoque constraverunt ne quid ignis hostium nocere posset centonesque insuper iniecerunt ne aut tela tormentis immissa tabulationem perfringerent aut saxa ex catapultis latericium discuterent. Storias autem ex funibus ancorariis tres in longitudinem parietum turris latas IIII pedes fecerunt easque ex tribus partibus quae ad hostes vergebant eminentibus trabibus circum turrim praependentes religaverunt; quod unum genus tegimenti aliis locis erant experti nullo telo neque tormento traici posse. Ubi vero ea pars turris quae erat perfecta tecta atque munita est ab omni ictu hostium pluteos ad alia opera abduxerunt; turris tectum per se ipsum pressionibus ex contignatione prima supendere ac tollere coeperunt. Ubi quantum storiarum demissio patiebatur tantum elevarant intra haec tegimenta abditi atque muniti parietes lateribus exstruebant rursusque alia pressione ad aedificandum sibi locum expediebant. Ubi tempus alterius contabulationis videbatur tigna item ut primo tecta extremis lateribus instruebant exque ea contignatione rursus summam contabulationem storiasque elevabant. Ita tuto ac sine ullo vulnere ac periculo sex tabulata exstruxerunt fenestrasque quibus in locis visum est ad tormenta mittenda in struendo reliquerunt. Paragrafo 10 Ubi ex ea turri quae circum essent opera tueri se posse confisi sunt musculum pedes LX longum ex materia bipedali quem a turri latericia ad hostium turrim murumque perducerent facere instituerunt; cuius musculi haec erat forma. Duae primum trabes in solo aeque longae distantes inter se pedes IIII collocantur inque eis columellae pedum in altitudinem V defiguntur. Has inter se capreolis molli fastigio coniungunt ubi tigna quae musculi tegendi causa ponant collocentur. Eo super tigna bipedalia iniciunt eaque laminis clavisque religant. Ad extremum musculi tectum trabesque extremas quadratas regulas IIII patentes digitos defigunt quae lateres qui super musculo struantur contineant. Ita fastigato atque ordinatim structo ut trabes erant in capreolis collocatae lateribus lutoque musculus ut ab igni qui ex muro iaceretur tutus esset contegitur. Super lateres coria inducuntur ne canalibus aqua immissa lateres diluere posset Coria autem ne rursus igni ac lapidibus corrumpantur centonibus conteguntur. Hoc opus omne tectum vineis ad ipsam turrim perficiunt subitoque inopinantibus hostibus machinatione navali phalangis subiectis ad turrim hostium admovent ut aedificio iungatur.

Traduzione Italiana

Paragrafo 6 Attaccata battaglia nessuna cosa adombrò il valore dei Marsigliesi; ma, memori di quelle esortazioni, che avevano ricevuto poco prima dai loro, si battevano con tanto coraggio, da sembrare che non avrebbero avuto nessun'altra occasione per tentare nuovamente, pensando che a coloro che correvano il rischio della vita in battaglia, precedevano di poco la sorte degli altri cittadini che, una volta presa la città, avrebbero dovuto patire la stessa sorte della guerra. E, allontanatesi le nostri navi a poco a poco, si dava spazio all’abilità dei comandanti e all'agilità delle navi, e se talora i nostri, presentandosi la possibilità, avevano abbordato una nave con ganci di ferro, da ogni parte soccorrevano chi si trovava in difficoltà. E invero gli Albici, che si erano ad essi uniti, non erano inferiori nel combattere corpo a corpo e non erano inferiori ai nostri per valore. Contemporaneamente la grande forza dei dardi lanciati da lontano dalle navi più piccole arrecava molti danni ai nostri, colpiti all'improvviso, senza aspettarselo ed impegnati nel combattimento. Due triremi, vista la nave di D. Bruto, che con facilità poteva essere riconosciuta dall'insegna, si erano scagliate contro quella da due parti. Ma Bruto, prevedendo la cosa, aumentò la velocità della nave così da precederle di poco. Quelle, lanciate in velocità, si scontrarono tra di loro così violentemente da risentire entrambe in modo grave dello scontro; anzi una, spezzatosi il rostro, collassò del tutto. Vedendo la cosa, le navi della flotta di Bruto che erano più vicine a quel luogo, si gettano contro quelle navi in difficoltà e velocemente le affondano entrambe. Paragrafo 7 Ma le navi di Nasidio non furono di alcun uso e ben presto si ritirarono dalla battaglia; infatti né la vista della patria né l'esortazione dei parenti li spingevano a far fronte all'estremo pericolo della vita. E così da quel numero di navi nessuna fu perduta; cinque navi della flotta marsigliese furono affondate, quattro catturate, una fuggì con le navi di Nasidio, che si diressero tutte verso la Spagna Citeriore. Ma una delle navi rimaste fu mandata a Marsiglia per portare questa notizia e, quando già si avvicinava alla città, tutta la cittadinanza si precipitò per sapere e, avuta la notizia, cadde in un così grande dolore che la città sembrava essere stata conquistata dal nemico proprio in quel momento. Tuttavia i Marsigliesi nondimeno cominciarono a completare gli ultimi preparativi per la difesa della città. Paragrafo 8 Fu palese alle legioni, che amministravano la parte destra del lavoro, dalle continue sortite dei nemici che poteva essere loro di grande aiuto, se avessero costruito lì da un lato sotto le mura una torre come un castello e un riparo. Dapprima ne fecero una piccola e poco elevata per gli attacchi improvvisi. In essa si rifugiavano; da essa, se fosse stata oppressa da un assalto più grande, si difendevano; da essa si lanciavano per respingere e inseguire il nemico. Questa torre si estendeva in ogni lato trenta piedi, ma lo spessore delle pareti era di cinque piedi. In seguito invero, poiché di ogni cosa l'esperienza è maestra, aggiunta l'intelligenza degli uomini, si capì che poteva essere di grande utilità, se fosse stata estesa in altezza. In questo modo ciò fu fatto. Paragrafo 9 Quando l'altezza della torre fu portata al primo piano, incastrarono le travi del tavolato nelle pareti così che le estremità delle tavole venissero protette dalla muratura esterna, affinché non sporgesse nulla, dove facesse presa il fuoco dei nemici. Sopra questa travatura, per quanto lo permetteva il riparo del pluteo e delle vinee, continuarono l’edificazione con mattoni e sopra quel luogo, non lontano dalle estremità delle pareti, alle quali appoggiarono due travi su cui sistemare quella travatura che sarebbe stata il tetto della torre, e sopra quei correnti sistemarono perpendicolarmente dei travicelli che unirono con assi (fecero questi travicelli un po' più lunghi e sporgenti della parte esterna delle pareti afinchè fosse possibile agganciarvi stuoie per ripararsi dai proiettili e respingerli, e sotto quel tavolato continuavano ad essere costruite le pareti) rivestirono la parte superiore dell'impalcatura con mattoni e fango perché il fuoco dei nemici non potesse essere di danno e sopra vi stesero imbottiture affinché i proiettili lanciati con le macchine non rompessero la travatura o i sassi scagliati dalle catapulte non sfondassero i muri. Poi con funi d'ancora fecero tre stuoie lunghe come le pareti della torre e larghe quattro piedi e, lasciandole penzolare intorno alla torre, le legarono alle travi che sporgevano, dalle tre parti che davano verso il nemico; questo era il solo tipo di copertura sperimentato in altre occasioni che non poteva essere forato né da dardo né da proiettile. Quando invero quella parte della torre che era stata completata fu coperta e protetta da ogni tiro dei nemici, tolsero i plutei per adoperarli in un altro lavoro. Dal primo piano dell'impalcatura cominciarono a sollevare e a innalzare con leve il tetto della torre che costituiva una parte a sé stante. Quando lo avevano sollevato tanto quanto lo permetteva l'altezza delle stuoie, nascosti e protetti in queste coperture, facevano le mura con i mattoni e con un'operazione di leve creavano nuovamente lo spazio per proseguire la costruzione. Quando sembrava il momento di erigere un altro piano, collocavano come in precedenza travi protette dalle estremità dei muri ed a partire da quella travatura di nuovo sollevavano il tetto e le stuoie. Così con sicurezza e senza alcun rischio o pericolo costruirono sei piani e, dove sembrò opportuno, lasciarono alcune feritoie nella costruzione per il lancio dei proiettili. Paragrafo 10 Quando furono sicuri di poter difendere da quella torre, le opere che erano intorno, cominciarono a fabbricare una galleria lunga sessanta piedi con travi di due piedi, che li portasse dalla torre di mattoni verso la torre ed il muro dei nemici; questa la forma di quella galleria. Dapprima vengono poste nel suolo due travi di pari lunghezza distanti tra di loro quattro piedi, e su di esse vengono infilate colonnine di cinque piedi in altezza. Uniscono tra di loro queste colonnine con cavalletti con leggera inclinazione, dove collocare le travi, che hanno il compito di coprire la galleria. Lì sopra collocano travi di due piedi e le fermano con lamine e chiodi di ferro. All'estremità del tetto e delle ultime travi fissano asticelle quadrate larghe quattro dita, che fermino i mattoni, collocati sulla galleria. Così con il tetto inclinato eretto in successione, a mano a mano che le travi sono collocate sui cavalletti, la galleria viene coperta di mattoni e di fango affinché sia protetta dal fuoco, che venga lanciato dalle mura. Strisce di cuoio vengono stese sui mattoni perché acqua incanalata e immessa nei canali non potesse scomporre i mattoni. Il cuoio poi viene coperto con materassi, affinché non sia di nuovo distrutto dal fuoco e dalle pietre. Questa opera è condotta a termine fino alla stessa torre tutta al riparo delle vinee e velocemente, senza che i nemici se l'aspettassero, con una tecnica navale, sottoponendo dei rulli, la muovono verso la torre nemica, fino ad accostarla alla costruzione.