Versione di Cesare

Libro 2 - Paragrafi da 16 a 20

Traduzione della Versione "Libro 2 - Paragrafi da 16 a 20" di Cesare

Testo Originale Latino

Paragrafo 16 Quod ubi hostes viderunt ea quae vix longinquo spatio refici non posse sperassent paucorum dierum opera et labore ita refecta ut nullus perfidiae neque eruptioni locus esset nec quicquam omnino relinqueretur qua aut telis militibus aut igni operibus noceri posset eodemque exemplo sentiunt totam urbem qua sit aditus ab terra muro turribusque circumiri posse sic ut ipsis consistendi in suis munitionibus locus non esset cum paene inaedificata muris ab exercitu nostro moenia viderentur ac telum manu coniceretur suorumque tormentorum usum quibus ipsi magna speravissent spatio propinquitatis interire parique condicione ex muro ac turribus bellandi data se virtute nostris adaequare non posse intellegunt ad easdem deditionis condiciones recurrunt. Paragrafo 17 M. Varro in ulteriore Hispania initio cognitis eis rebus quae sunt in Italia gestae diffidens Pompeianis rebus amicissime de Caesare loquebatur: praecoccupatum sese legatione ab Cn. Pompeio teneri obstrictum fide; necessitudinem quidem sibi nihilo minorem cum Caesare intercedere neque se ignorare quod esset officium legati qui fiduciariam operam obtineret quae vires suae quae voluntas erga Caesarem totius provinciae. Haec omnibus ferebat sermonibus neque se in ullam partem movebat. Postea vero cum Caesarem ad Massiliam detineri cognovit copias Petreii cum exercitu Afranii esse coniunctas magna auxilia convenisse magna esse in spe atque exspectari et consentire omnem citeriorem provinciam quaeque postea acciderant de angustiis ad Ilerdam rei fumentariae accepit atque haec ad eum latius atque inflatius Afranius perscribebat se quoque ad motus fortunae movere coepit. Paragrafo 18 Delectum habuit tota provincia legionibus completis duabus cohortes circiter XXX alarias addidit. Frumenti magnum numerum coegit quod Massiliensibus item quod Afranio Petreioque mitteret. Naves longas X Gaditanis ut facerent imperavit complures praeterea Hispali faciendas curavit. Pecuniam omnem omniaque ornamenta ex fano Herculis in oppidum Gades contulit; eo sex cohortes praesidii causa ex provincia misit Gaiumque Gallonium equitem Romanum familiarem Domitii qui eo procurandae hereditatis causa venerat missus a Domitio oppido Gadibus praefecit; arma omnia privata ac publica in domum Gallonii contulit. Ipse habuit graves in Caesarem contiones. Saepe ex tribunali praedicavit adversa Caesarem proelia fecisse magnum numerum ab eo militum ad Afranium perfugisse: haec se certis nuntiis certis auctoribus comperisse. Quibus rebus perterritos cives Romanos eius provinciae sibi ad rem publicam administrandam HS | CLXXX | [18000000] et argenti pondo XX milia tritici modium CXX milia polliceri coegit. Quas Caesari esse amicas civitates arbitrabatur his graviora onera iniungebat praesidiaque eo deducebat et iudicia in privatos reddebat qui verba atque orationem adversus rem publicam habuissent: eorum bona in publicum addicebat Provinciam omnem in sua et Pompei verba iusiurandum adigebat. Cognitis eis rebus quae sunt gestae in citeriore Hispania bellum parabat. Ratio autem haec erat belli ut se cum II legionibus Gades conferret naves frumentumque omne ibi contineret; provinciam enim omnem Caesaris rebus favere cognoverat. In insula frumento navibusque comparatis bellum duci non difficile existimabat. Caesar etsi multis necessariisque rebus in Italiam revocabatur tamen constituerat nullam partem belli in Hispaniis relinquere quod magna esse Pompei beneficia et magnas clientelas in citeriore provincia sciebat. Paragrafo 19 Itaque duabus legionibus missis in ulteriorem Hispaniam cum Q. Cassio tribuno plebis ipse DC cum equitibus magnis itineribus progreditur edictumque praemittit ad quam diem magistratus principesque omnium civitatum sibi esse praesto Cordubae vellet. Quo edicto tota provincia pervulgato nulla fuit civitas quin ad id tempus partem senatus Cordubam mitteret non civis Romanus paulo notior quin ad diem conveniret. Simul ipse Cordubae conventus per se portas Varroni clausit custodias vigiliasque in turribus muroque disposuit cohortes duas quae colonicae appellabantur cum eo casu venissent tuendi oppidi causa apud se retinuit. Eisdem diebus Carmo nenses quae est longe firmissima totius provinciae civitas deductis tribus in arcem oppidi cobortibus a Varrone praesidio per se cohortes eiecit portasque praeclusit. Paragrafo 20 Hoc vero magis properare Varro ut cum legionibus quam primum Gades contenderet ne itinere aut traiectu intercluderetur: tanta ac tam secunda in Caesarem voluntas provinciae reperiebatur. Progresso ei paulo longius litterae Gadibus redduntur: simulatque sit cognitum de edicto Caesaris consensisse Gaditanos principes eum tribunis cohortium quae essent ibi in praesidio ut Gallonium ex oppido expellerent urbem insulamque Caesari servarent. Hoc inito consilio denuntiavisse Gallonio ut sua sponte dum sine periculo liceret excederet Gadibus; si id non fecisset sibi consilium capturos. Hoc timore adductum Gallonium Gadibus excessisse. His cognitis rebus altera ex duabus legionibus quae vernacula appellabatur ex castris Varronis adstante et inspectante ipso signa sustulit seseque Hispalim recepit atque in foro et porticibus sine maleficio consedit. Quod factum adeo eius conventus cives Romani comprobaverunt ut domum ad se quisque hospitio cupidissime reciperet. Quibus rebus perterritus Varro cum itinere converso sese Italicam venturum praemisisset certior ab suis factus est praeclusas esse portas. Tum vero omni interclusus itinere ad Caesarem mittit paratum se esse legionem cui iusserit tradere. Ille ad eum Sextum Caesarem mittit atque huic tradi iubet. Tradita legione Varro Cordubam ad Caesarem venit; relatis ad eum publicis cum fide rationibus quod penes eum est pecuniae tradit et quid ubique habeat frumenti et navium ostendit.

Traduzione Italiana

Paragrafo 16 Quando i nemici si rendono conto che quelle opere che essi avevano sperato non si potessero ricostruire neanche in moltissimo tempo, erano state ricostruite con pochi giorni d'intenso lavoro, e in modo tale da non lasciar più spazio alle loro subdole sortite, e che non restava nemmeno più un punto attraverso il quale colpire i soldati o appiccare il fuoco alle costruzioni, capiscono che nello stesso modo la città, dalla parte della terraferma, può essere circondata con mura e torri, di modo che non avrebbe avuto più senso per loro collocarsi a difesa dei propri bastioni, dal momento che sembrava che i nostri soldati avessero costruito i muri quasi a contatto delle loro mura, e che i proiettili si potessero lanciare con le mani; l'uso delle macchine da lancio, dalle quali molto si aspettavano, era vanificato dall'eccessiva vicinanza e comprendono che, combattendo ad armi pari con i nostri dalle mura e dalle torri, non possono eguagliarli in valore. Ricorrono allora alle medesime condizioni di resa. Paragrafo 17 Marco Varrone, in un primo momento, avendo avuta notizia in Spagna Ulteriore di quanto era accaduto in Italia, diffidando del successo di Pompeo, parlava di Cesare in modo molto favorevole: egli aveva avuto da Pompeo la nomina a legato ed era vincolato dal giuramento; vincoli non minori, tuttavia, lo legavano a Cesare, ed egli non ignorava quali fossero i doveri di un legato, che ricopre un incarico di fiducia; né ignorava la consistenza delle proprie forze e come l'intera provincia mostrasse inclinazione verso Cesare. Erano questi gli argomenti dei suoi discorsi, mentre non si dichiarava né per una parte né per l'altra. Ma in seguito, quando seppe che Cesare era trattenuto davanti a Marsiglia, che le truppe di Petreio si erano unite all'esercito di Afranio, che si erano raccolte molte truppe ausiliarie e molte altre se ne aspettavano o erano in arrivo, e che tutta la Spagna Citeriore era dalla loro parte, quando conobbe gli avvenimenti successivi, quelli relativi alla carestia di frumento che aveva colpito Cesare a Ilerda, e le notizie gli arrivavano gonfiate ed ampliate nelle lettere che gli scriveva Afranio, cominciò anche lui a volgersi dalla parte verso cui spirava il vento della fortuna. Paragrafo 18 In tutta la provincia fece reclutamenti; completate due legioni, aggiunse a esse circa trenta coorti di milizie ausiliarie. Raccolse una grande quantità di frumento da inviare ai Marsigliesi e parimenti ad Afranio e Petreio. Ordinò ai Gaditani di costruire dieci navi da guerra, inoltre ne fece costruire molte altre a Ispali. Fece portare dal tempio di Ercole nella città di Gades tutto il denaro e tutti gli oggetti preziosi; mandò colà di presidio dalla provincia sei coorti e mise a capo della città di Gades Gaio Gallonio, cavaliere romano amico di Domizio, che qui era giunto mandato da Domizio come procuratore in una questione di eredità; fece radunare tutte le armi pubbliche e private nella casa di Gallonio. Egli stesso pronunciò parole dure contro Cesare. Spesso dal palco affermò che Cesare aveva subito sconfitte, che un gran numero di suoi soldati erano passati dalla parte di Afranio; e che egli era venuto a sapere ciò da messaggeri sicuri, da fonti sicure. Costrinse i cittadini romani della sua provincia, atterriti da queste notizie, a promettere, per la pubblica amministrazione, diciotto milioni di sesterzi, ventimila libbre d'argento e centoventi moggi di grano. Imponeva oneri più pesanti alle città che credeva essere amiche di Cesare e vi mandava presidi e autorizzava processi contro i privati che avevano pronunciato parole o discorsi contro lo stato e confiscava i loro beni. Costringeva tutta la provincia a giurare fedeltà a lui e a Pompeo. Venuto a sapere di ciò che era avvenuto nella Spagna Citeriore, si preparava alla guerra. Il suo piano di guerra era il seguente: recarsi con due legioni a Gades, concentrare là le navi e tutto il frumento; aveva saputo infatti che l'intera provincia era favorevole a Cesare. Una volta raccolti nell'isola frumento e navi, riteneva non difficile tirare in lungo la guerra. Cesare, sebbene richiamato in Italia da molte questioni urgenti, aveva tuttavia stabilito di non lasciare in Spagna nessun focolaio di guerra, poiché sapeva che nella provincia citeriore grandi erano i benefizi di Pompeo e molti erano i suoi clienti. Paragrafo 19 Mandate quindi due legioni nella Spagna Ulteriore sotto il comando di Quinto Cassio, tribuno della plebe, si mosse personalmente con seicento cavalieri, procedendo a marce forzate, facendosi precedere da un editto nel quale fissava il giorno in cui i magistrati e i primi cittadini di tutte le città si sarebbero dovuti trovare a Cordova a sua disposizione. Quando quest'editto fu reso noto, non vi fu nessuna città che non inviasse a Cordova, alla data stabilita, parte del senato, né cittadino romano provvisto di una qualche notorietà che non si presentasse puntualmente. Contemporaneamente la comunità romana di Cordova, di sua iniziativa, chiuse le porte a Varrone, dispose sentinelle e posti di guardia sulle torri e sulle mura, trattenne in città a scopo difensivo due coorti, dette coloniche, che si trovavano lì per caso. In quegli stessi giorni, gli abitanti di Carmona, la città più forte di tutta la provincia, la cui rocca era presidiata da tre coorti mandate da Varrone, scacciarono di propria iniziativa il presidio e chiusero le porte. Paragrafo 20 Per questi motivi Varrone si affrettava a giungere quanto prima con le legioni a Gades perché la via di terra e il passaggio di mare non gli venissero bloccati; tanto e così benevolo favore nei confronti di Cesare si poteva constatare nella provincia. Aveva fatto poca strada quando gli viene recapitata una lettera proveniente da Gades per informarlo che, non appena si era avuta conoscenza dell'editto di Cesare, i notabili di Gades si erano accordati con i tribuni delle coorti che erano lì di guarnigione per scacciare dalla città Gallonio e salvaguardare città e isola per Cesare. Presa questa decisione, intimarono a Gallonio di lasciare Gades spontaneamente finché gli era concesso di farlo senza pericolo; ma se egli non l'avesse fatto, avrebbero preso le opportune decisioni. Spinto da questo timore Gallonio lasciò Gades. Venuta a conoscenza di ciò, una delle due legioni che erano dette provinciali, disertò dal campo di Varrone, in sua presenza e sotto i suoi occhi, e ritornò a Ispali e, senza arrecare danno, sostò nel foro e sotto i portici. E i cittadini romani di quella colonia approvarono a tal punto quel gesto che ciascuno accolse ospitalmente e con gran piacere presso di sé i legionari. Varrone, atterrito da questi fatti, cambiò direzione di marcia e mandò a dire che sarebbe andato a Italica, ma dai suoi fu informato che gli erano state chiuse le porte. Allora invero, preclusa ogni strada, manda a dire a Cesare di essere pronto a consegnare la legione a chi egli ordinava. Cesare gli manda Sesto Cesare e gli ordina di consegnarla a lui. Consegnata la legione, Varrone giunge a Cordova presso Cesare; dopo avere reso lealmente i conti della pubblica amministrazione, gli consegna il denaro che aveva con sé e gli mostra quanto frumento e navi possedeva e dove erano.