Versione di Cesare

Libro 3 - Paragrafi da 106 a 110

Traduzione della Versione "Libro 3 - Paragrafi da 106 a 110" di Cesare

Testo Originale Latino

Paragrafo 106 Caesar paucos dies in Asia moratus cum audisset Pompeium Cypri visum coniectans eum in Aegyptum iter habere propter necessitudines regni reliquasque eius loci opportunitates cum legione una quam se ex Thessalia sequi iusserat et altera quam ex Achaia a Q. Fufio legato evocaverat equitibusque DCCC et navibus longis Rhodiis X et Asiaticis paucis Alexandriam pervenit. In his erant legionibus hominum milia tria CC; reliqui vulneribus ex proeliis et labore ac magnitudine itineris confecti consequi non potuerant. Sed Caesar confisus fama rerum gestarum infirmis auxiliis proficisci non dubitaverat aeque omnem sibi locum tutum fore existimans. Alexandriae de Pompei morte cognoscit atque ibi primum e nave egrediens clamorem militum audit quos rex in oppido praesidii causa reliquerat et concursum ad se fieri videt quod fasces anteferrentur. In hoc omnis multitudo maiestatem regiam minui praedicabat. Hoc sedato tumultu crebrae continuis diebus ex concursu multitudinis concitationes fiebant compluresque milites huius urbis omnibus partibus interficiebantur. Paragrafo 107 Quibus rebus animadversis legiones sibi alias ex Asia adduci iussit quas ex Pompeianis militibus confecerat. Ipse enim necessario etesiis tenebatur qui navigantibus Alexandria flant adversissimi venti. Interim controversias regum ad populum Romanum et ad se quod esset consul pertinere existimans atque eo magis officio suo convenire quod superiore consulatu cum patre Ptolomaeo et lege et senatusconsulto societas erat facta ostendit sibi placere regem Ptolomaeum atque eius sororem Cleopatram exercitus quos haberent dimittere et de controversiis iure apud se potius quam inter se armis disceptare. Paragrafo 108 Erat in procuratione regni propter aetatem pueri nutricius eius eunuchus nomine Pothinus. Is primum inter suos queri atque indignari coepit regem ad causam dicendam evocari; deinde adiutores quosdam consilii sui nactus ex regis amicis exercitum a Pelusio clam Alexandriam evocavit atque eundem Achillam cuius supra meminimus omnibus copiis praefecit. Hunc incitatum suis et regis inflatum pollicitationibus quae fieri vellet litteris nuntiisque edocuit. In testamento Ptolomaei patris heredes erant scripti ex duobus filiis maior et ex duabus filiabus ea quae aetate antecedebat. Haec uti fierent per omnes deos perque foedera quae Romae fecisset eodem testamento Ptolomaeus populum Romanum obtestabatur. Tabulae testamenti unae per legatos eius Romam erant allatae ut in aerario ponerentur (hic cum propter publicas occupationes poni non potuissent apud Pompeium sunt depositae) alterae eodem exemplo relictae atque obsignatae Alexandriae proferebantur. Paragrafo 109 De his rebus cum ageretur apud Caesarem isque maxime vellet pro communi amico atque arbitro controversias regum componere subito exercitus regius equitatusque omnis venire Alexandriam nuntiatur. Caesaris copiae nequaquam erant tantae ut eis extra oppidum si esset dimicandum confideret. Relinquebatur ut se suis locis oppido teneret consiliumque Achillae cognosceret. Milites tamen omnes in armis esse iussit regemque hortatus est ut ex suis necessariis quos haberet maximae auctoritatis legatos ad Achillam mitteret et quid esset suae voluntatis ostenderet. A quo missi Dioscorides et Serapion qui ambo legati Romae fuerant magnamque apud patrem Ptolomaeum auctoritatem habuerant ad Achillam pervenerunt. Quos ille cum in conspectum eius venissent priusquam audiret aut cuius rei causa missi essent cognosceret corripi atque interfici iussit; quorum alter accepto vulnere occupatus per suos pro occiso sublatus alter interfectus est. Quo facto regem ut in sua potestate haberet Caesar efficit magnam regium nomen apud suos auctoritatem habere existimans et ut potius privato paucorum et latronum quam regio consilio susceptum bellum videretur. Paragrafo 110 Erant cum Achilla eae copiae ut neque numero neque genere hominum neque usu rei militaris contemnendae viderentur. Milia enim XX in armis habebat. Haec constabant ex Gabinianis militibus qui iam in consuetudinem Alexandrinae vitae ac licentiae venerant et nomen disciplinamque populi Romani dedidicerant uxoresque duxerant ex quibus plerique liberos habebant. Huc accedebant collecti ex praedonibus latronibusque Syriae Ciliciaeque provinciae finitimarumque regionum. Multi praeterea capitis damnati exulesque convenerant; fugitivis omnibus nostris certus erat Alexandriae receptus certaque vitae condicio ut dato nomine militum essent numero; quorum si quis a domino prehenderetur consensu militum eripiebatur qui vim suorum quod in simili culpa versabantur ipsi pro suo periculo defendebant. Hi regum amicos ad mortem deposcere hi bona locupletum diripere stipendii augendi causa regis domum obsidere regno expellere alios alios arcessere vetere quodam Alexandrini exercitus instituto consuerant. Erant praeterea equitum milia duo. Inveteraverant hi omnes compluribus Alexandriae bellis; Ptolomaeum patrem in regnum reduxerant Bibuli filios duos interfecerant bella cum Aegyptiis gesserant. Hunc usum rei militaris habebant.

Traduzione Italiana

Paragrafo 106 Cesare, fermatosi pochi giorni in Asia, come seppe che Pompeo era stato avvistato a Cipro, supponendo che egli si dirigesse in Egitto per i legami che aveva con quel regno e per le altre opportunità offerte da quella regione, con la legione che aveva condotto con sé dalla Tessaglia e un'altra che aveva richiamato da Acaia, al comando del legato Quinto Fufio, con ottocento cavalieri, dieci navi da guerra rodie e poche altre provenienti dall'Asia, giunse ad Alessandria. Le legioni contavano solo tremiladuecento effettivi: gli altri, stremati dalle ferite riportate in battaglia e dalla marcia lunga e faticosa, non avevano potuto seguirlo. Ma Cesare, confidando nella fama delle sue gesta, non aveva esitato a partire pur con un così limitato contingente, ritenendo che qualsiasi luogo sarebbe stato abbastanza sicuro per lui. Ad Alessandria venne a sapere della morte di Pompeo e, appena sbarcato, ode le grida dei soldati che il re aveva lasciato a difesa della città e vede la folla accorrere ostile contro di lui, perché era preceduto dai fasci. Tutti parlavano di questa azione come di un'offesa alla maestà del re. Sedato questo tumulto, si verificarono nei giorni successivi frequenti assembramenti di folla e molti soldati furono uccisi per le strade in diversi punti della città. Paragrafo 107 In considerazione di questi fatti, Cesare diede ordine che venissero trasferite dall'Asia altre legioni, che egli aveva formato con soldati pompeiani. Egli stesso infatti era trattenuto forzatamente dai venti etesii, che soffiano contrari per chi salpa da Alessandria. Frattanto, giudicando che era di pertinenza del popolo romano e sua, in quanto console, dirimere le controversie fra Tolomeo e sua sorella e che tanto più la cosa lo riguardava poiché nel precedente consolato aveva fatto, per legge e per decreto del senato, un'alleanza con Tolomeo padre, fece sapere che era di suo gradimento che il re Tolomeo e sua sorella Cleopatra sciogliessero gli eserciti che avevano e ponessero fine alle dispute davanti a lui, secondo le vie legali, piuttosto che tra loro con le armi. Paragrafo 108 Data la giovane età di Tolomeo, la reggenza del regno era affidata al suo aio, un eumico di nome Potino . Questi cominciò dapprima a lamentarsi e ad indignarsi con i suoi che il re fosse stato chiamato in giudizio; poi, avendo trovato un certo seguito tra i sostenitori del re, richiamò segretamente ad Alessandria l'esercito che si trovava a Pelusio e mise a capo di tutte le truppe quello stesso Achilla di cui si è detto prima, al quale, sobillato dai suoi ed esaltato dalle promesse del re, comunicò per lettera e tramite suoi emissari quali erano le sue intenzioni. Nel testamento di Tolomeo padre erano stati designati come eredi il maggiore dei due figli maschi e la maggiore delle due figlie. Nel medesimo testamento Tolomeo, in nome di tutti gli dèi e dell'alleanza stipulata con Roma, aveva scongiurato il popolo romano di far rispettare le sue volontà. Una copia del testamento era stata portata a Roma dai suoi ambasciatori, perché fosse depositata nell'erario ? ma poiché a causa dei disordini politici, non vi si era potuta depositare, era stata lasciata in casa di Pompeo ? l'altra copia, identica alla prima, era stata portata, sigillata, ad Alessandria. Paragrafo 109 Mentre davanti a Cesare vengono trattate tali questioni, poiché egli vuole sopra tutto, in qualità di arbitro e amico comune, dirimere le controversie dei sovrani, all'improvviso giunge la notizia che l'esercito regio e tutta la cavalleria si dirigono su Alessandria. Le milizie di Cesare non erano affatto tali per numero che si potesse contare su di esse nel caso si fosse dovuto combattere fuori della città. Non gli rimaneva che restare sulle sue posizioni nella città e tentare di conoscere il piano di Achilla. Tuttavia diede ordine ai soldati di stare in armi ed esortò il re a inviare ad Achilla ambasciatori scelti fra le persone più autorevoli tra i suoi familiari e a manifestargli il proprio volere. Dal re furono inviati Dioscoride e Serapione, che erano stati entrambi ambasciatori a Roma e avevano avuto grande autorità presso Tolomeo padre. Giunsero presso Achilla ed egli, quando arrivarono al suo cospetto, prima di ascoltarli e di conoscere per quale motivo fossero stati inviati, ordinò di catturarli e ucciderli. Uno di essi fu ferito e, preso dai suoi, fu portato via come se fosse morto, l'altro fu ucciso. Dopo questi fatti, Cesare fece in modo di avere in suo potere il re, ritenendo che il nome del re avesse grande autorità presso i sudditi, perché sembrasse che la guerra era stata intrapresa non per iniziativa del re, ma per decisione di pochi cittadini privati, per giunta avventurieri. Paragrafo 110 Le truppe che erano con Achilla non sembravano disprezza bili né per numero né per qualità dei soldati né per esperienza militare. Contavano infatti ventimila armati, provenienti dai soldati di Gabinio, che si erano assuefatti al licenzioso tenore di vita di Alessandria e avevano dimenticato il nome e la disciplina del popolo romano, avevano preso moglie, e molti di loro avevano dei figli. A questi si aggiungeva una banda di predoni e pirati delle province di Siria e Cilicia e delle regioni vicine. Vi si erano inoltre uniti molti condannati a morte e all'esilio. Alessandria era un rifugio sicuro ed offriva stabili condizioni di vita per tutti i nostri schiavi fuggitivi, purché, dato il nome, si arruolassero. Se qualcuno di loro veniva ripreso dal padrone, gli altri soldati, tutti insieme, glielo strappavano di nuovo, perché, colpevoli dello stesso delitto, difendevano i compagni come se fossero stati essi stessi in pericolo. Secondo un'antica consuetudine dell'esercito di Alessadria, avevano preso l'abitudine di chiedere la morte dei favoriti del re, saccheggiare i beni dei ricchi, assediare la reggia per ottenere au menti di stipendio, espellere o accogliere nel regno ora l'uno ora l'altro. C'erano inoltre duemila cavalieri. Erano tutti divenuti veterani nelle varie guerre di Alessandria, avevano riportato sul trono Tolomeo padre, avevano ucciso i due figli di Bibulo , avevano fatto guerra agli Egiziani. Questa era la loro esperienza militare.