Versione di Cesare

Libro 3 - Paragrafi da 41 a 45

Traduzione della Versione "Libro 3 - Paragrafi da 41 a 45" di Cesare

Testo Originale Latino

Paragrafo 41 Caesar postquam Pompeium ad Asparagium esse cognovit eodem cum exercitu profectus expugnato in itinere oppido Parthinorum in quo Pompeius praesidium habebat tertio die ad Pompeium pervenit iuxtaque eum castra posuit et postridie eductis omnibus copiis acie instructa decernendi potestatem Pompeio fecit. Ubi illum suis locis se tenere animadvertit reducto in castra exercitu aliud sibi consilium capiendum existimavit. Itaque postero die omnibus copiis magno circuitu difficili angustoque itinere Dyrrachium profectus est sperans Pompeium aut Dyrrachium compelli aut ab eo intercludi posse quod omnem commeatum totiusque belli apparatum eo contulisset; ut accidit Pompeium enim primo ignorans eius consilium quod diverso ab ea regione itinere profectum videbat angustiis rei frumentariae compulsum discessisse existimabat; postea per exploratores certior factus postero die castra movit breviore itinere se occurrere ei posse sperans. Quod fore suspicatus Caesar militesque adhortatus ut aequo animo laborem ferrent parvam partem noctis itinere intermisso mane Dyrrachium venit cum primum agmen Pompei procul cerneretur atque ibi castra posuit. Paragrafo 42 Pompeium interclusus Dyrrachio ubi propositum tenere non potuit secundo usus consilio edito loco qui appellatur Petra aditumque habet navibus mediocrem atque eas a quibusdam protegit ventis castra communit. Eo partem navium longarum convenire frumentum commeatumque ab Asia atque omnibus regionibus quas tenebat comportari imperat. Caesar longius bellum ductum iri existimans et de Italicis commeatibus desperans quod tanta diligentia omni litora a Pompeianis tenebantur classesque ipsius quas hieme in Sicilia Gallia Italia fecerat morabantur in Epirum rei frumentariae causa Q. Tillium et L. Canuleium legatum misit quodque hae regiones aberant longius locis certis horrea constituit vecturasque frumenti finitimis civitatibus descripsit. Item Lisso Parthinisque et omnibus castellis quod esset frumenti conquiri iussit. Id erat perexiguum cum ipsius agri natura quod sunt loca aspera ac montuosa ac plerumque frumento utuntur importato tum quod Pompeius haec providerat et superioribus diebus praedae loco Parthinos habuerat frumentumque omne conquisitum spoliatis effossisque eorum domibus per equites comportarat. Paragrafo 43 Quibus rebus cognitis Caesar consilium capit ex loci natura. Erant enim circum castra Pompei permulti editi atque asperi colles. Hos primum praesidiis tenuit castellaque ibi communit. Inde ut loci cuiusque natura ferebat ex castello in castellum perducta munitione circumvallare Pompeium instituit haec spectans quod angusta re frumentaria utebatur quodque Pompeius multitudine equitum valebat quo minore periculo undique frumentum commeatumque exercitui supportare posset simul uti pabulatione Pompeium prohiberet equitatumque eius ad rem gerendam inutilem efficeret tertio ut auctoritatem qua ille maxime apud exteras nationes niti videbatur minueret cum fama per orbem terrarum percrebuisset illum a Caesare obsideri neque audere proelio dimicare. Paragrafo 44 Pompeius neque a mari Dyrrachioque discedere volebat quod omnem apparatum belli tela arma tormenta ibi collocaverat frumentumque exercitui navibus supportabat neque munitiones Caesaris prohibere poterat nisi proelio decertare vellet; quod eo tempore statuerat non esse faciendum. Relinquebatur ut extremam rationem belli sequens quam plurimos colles occuparet et quam latissimas regiones praesidiis teneret Caesarisque copias quam maxime posset distineret; idque accidit. Castellis enim XXIIII effectis XV milia passuum circuitu amplexus hoc spatio pabulabatur; multaque erant intra eum locum manu sata quibus interim iumenta pasceret. Atque ut nostri perpetua munitione providebant ne quo loco erumperent Pompeiani ac nostros post tergum adorirentur ita illi interiore spatio perpetuas munitiones efficiebant ne quem locum nostri intrare atque ipsos a tergo circumvenire possent. Sed illi operibus vincebant quod et numero militum praestabant et interiore spatio minorem circuitum habebant. Quaecumque erant loca Caesari capienda etsi prohibere Pompeius totis copiis et dimicare non constituerat tamen suis locis sagittarios funditoresque mittebat quorum magnum habebat numerum multique ex nostris vulnerabantur magnusque incesserat timor sagittarum atque omnes fere milites aut ex coactis aut ex centonibus aut ex coriis tunicas aut tegimenta fecerant quibus tela vitarent. Paragrafo 45 In occupandis praesidiis magna vi uterque nitebatur: Caesar ut quam angustissime Pompeium contineret; Pompeius ut quam plurimos colles quam maximo circuitu occuparet crebraque ob eam causam proelia fiebant. In his cum legio Caesaris nona praesidium quoddam occupavisset et munire coepisset huic loco propinquum et contrarium collem Pompeius occupavit nostrosque opere prohibere coepit et cum una ex parte prope aequum aditum haberet primum sagittariis funditoribusque circumiectis postea levis armaturae magna multitudine missa tormentisque prolatis munitiones impediebat; neque erat facile nostris uno tempore propugnare et munire. Caesar cum suos ex omnibus partibus vulnerari videret recipere se iussit et loco excedere. Erat per declive receptus. Illi autem hoc acrius instabant neque regredi nostros patiebantur quod timore adducti locum relinquere videbantur. Dicitur eo tempore glorians apud suos Pompeius dixisse: non recusare se quin nullius usus imperator existimaretur si sine maximo detrimento legiones Caesaris sese recepissent inde quo temere essent progressae.

Traduzione Italiana

Paragrafo 41 Cesare, quando seppe che Pompeo si trovava presso Asparagio, vi si diresse con l'esercito, ed espugnata durante il tragitto la piazzaforte dei Partini, in cui Pompeo teneva una guarnigione, dopo due giorni lo raggiunse e pose il campo vicino al suo. L'indomani, fatte uscire tutte le truppe, le schierò a battaglia offrendo a Pompeo la possibilità di uno scontro decisivo. Quando si rese conto che egli manteneva le sue posizioni, fece rientrare al campo l'esercito e ritenne di dover cambiare i suoi piani. Quindi, il giorno successivo, mosse con tutte le truppe alla volta di Durazzo, facendo una lunga deviazione per un cammino angusto e disagevole, nella speranza di costringere Pompeo a chiudersi a Durazzo e di tagliare le comunicazioni con la città, poiché vi aveva ammassato tutte le vettovaglie e tutto l'apparato bellico: e così accadde. Pompeo, in un primo momento, non aveva compreso il suo piano, perché lo aveva visto prendere una direzione opposta a quella che conduceva nella regione, e credeva che si fosse allontanato per mancanza di frumento; ma poi, informato dai suoi esploratori, l'indomani mosse il campo nella speranza di sbarrargli la strada prendendo un cammino più breve. Cesare, che sospettava questa manovra, dopo aver esortato i soldati a sopportare di buon animo la fatica, concessa solo una breve sosta durante la notte, giunse la mattina a Durazzo, mentre già si vedeva in lontananza l'avanguardia di Pompeo, e li si accampò. Paragrafo 42 Pompeo, tagliato fuori da Durazzo, quando vede fallito il suo primo piano, ne utilizza un secondo e, in una zona elevata, detta Petra, che offre un piccolo accesso alle navi e le protegge da alcuni venti, fortifica il campo in una posizione elevata. Dà ordine che colà si riunisca parte delle navi da guerra e sia portato frumento e vettovaglie dall'Asia e da tutte le regioni in suo potere. Cesare, pensando che la guerra si sarebbe trascinata troppo alle lunghe e disperando di avere rifornimenti dall'Italia, poiché tutte le coste erano sorvegliate con grande diligenza dai Pompeiani e tardavano ad arrivare le sue navi fatte costruire durante l'inverno in Sicilia, in Gallia e in Italia, inviò in Epiro per l'approvvigionamento i luogotenenti Q. Tillio e L. Canuleio e, poiché queste regioni erano troppo lontane, stabilì di creare granai in determinati posti e divise fra le città vicine il compito di trasportare il frumento. Parimenti ordinò di requisire il frumento che si trovava a Lisso e fra i Partini e in tutti i villaggi. Era pochissimo sia per la natura del terreno stesso, poiché i luoghi sono aspri e montuosi e per lo più si usava frumento importato, sia perché Pompeo aveva previsto ciò e nei giorni precedenti aveva depredato i Partini e aveva fatto trasportare a Petra dai cavalieri tutto il frumento raccolto dopo avere depredato e spogliato le case dei Partini. Paragrafo 43 Saputo ciò, Cesare elabora un piano suggerito dalla conformazione naturale del territorio. L'accampamento di Pompeo era infatti circondato da moltissime alture elevate e scoscese. Egli le occupò dapprima con dei presidi, facendovi costruire in seguito dei fortini. Poi, per quanto lo permetteva la conformazione di ogni singola località, iniziò a chiudere Pompeo con una linea fortificata che andava di fortino in fortino, allo scopo, dal momento che egli si trovava a corto di frumento e Pompto era forte di una numerosa cavalleria, di rifornire il proprio esercito di frumento e vettovaglie provenienti da qualsiasi direzione, correndo il minimo rischio, ed impedire al tempo stesso a Pompeo il foraggiamento, rendendo inutile la sua cavalleria e, in terzo luogo, per sminuire il prestigio del quale egli sembrava godere, soprattutto presso i popoli stranieri, quando si fosse divulgata dappertutto la fama che Pompeo era assediato da Cesare e non osava affrontarlo in campo aperto. Paragrafo 44 Pompeo non voleva allontanarsi né dal mare né da Durazzo, dove aveva concentrato tutto il materiale da guerra, i proiettili, le armi, le macchine e dove faceva portare con le navi il frumento per l'esercito, né poteva d'altra parte impedire le opere di fortificazione di Cesare, a meno di non volere venire a battaglia: cosa che aveva stabilito per il momento di non dovere fare. Non rimaneva che ricorrere all'estrema risorsa della guerra: occupare il maggior numero di colline, tenere presidi su una zona il più possibile vasta e frazionare, quanto più poteva, le truppe di Cesare; e così accadde. Infatti vennero costruiti ventiquattro fortilizi, che abbracciavano una zona di quindici miglia, entro cui si effettuava il foraggiamento e che comprendeva molti luoghi coltivati, che potevano servire al momento per pascolare il bestiame. E come i nostri avevano costruito da un fortilizio all'altro fortificazioni ininterrotte, affinché in nessun posto i Pompeiani facessero irruzione assalendoli alle spalle, così quelli, nel loro spazio interno, costruivano linee fortificate ininterrotte perché i nostri non potessero in nessun posto penetrare e attaccarli alle spalle. Ma i Pompeiani erano più veloci nei lavori, poiché erano superiori per numero di soldati e, essendo all'interno, avevano un perimetro minore da fortificare. E quando Cesare doveva prendere una di quelle posizioni, Pompeo, sebbene avesse deciso di non impiegare nel contrasto tutte le sue forze e di non attaccare battaglia, tuttavia mandava in posizioni strategiche arcieri e frombolieri, di cui aveva un gran numero. E molti dei nostri rimanevano feriti e s'era diffusa una grande paura delle frecce e quasi tutti i soldati si erano confezionate tuniche o coperture con imbottiture, coperte e pelli per evitare i dardi. Paragrafo 45 Ambedue i contendenti non risparmiavano gli sforzi per occupare i luoghi da fortificare: Cesare, allo scopo di rinchiudere Pompeo in uno spazio sempre più ristretto, Pompeo per occupare il maggior numero di alture in un raggio il più ampio possibile: si verificavano quindi frequenti scontri. In uno di questi, la ix legione di Cesare aveva occupato una certa posizione e àí disponeva a fortificarla, quando Pompeo occupò un colle vicino ed opposto, iniziando ad ostacolare il lavoro dei nostri, e poiché vi era da un lato un accesso quasi pianeggiante, dopo aver fatto avanzare tutto intorno gli arcieri e i frombolieri, lanciò un attacco in massa di soldati armati alla leggera e, portate avanti le macchine da lancio, impediva i lavori di fortificazione. Non era facile per i nostri sostenere l'assalto e procedere al tempo stesso nei lavori di fortificazione. Cesare, come vide che i suoi venivano colpiti da ogni parte, diede l'ordine di ritirarsi e di abbandonare la posizione. La ritirata si svolgeva lungo un declivio. Ma gli avversari incalzavano con maggiore violenza impedendo ai nostri di effettuare la manovra, perché credevano che essi abbandonassero la posizione per paura. Si dice che allora Pompeo, vantandosi, dichiarasse agli uomini del suo seguito che era disposto a farsi giudicare come un generale assolutamente incapace, se le legioni di Cesare fossero riuscite a ritirarsi senza subire gravi perdite dalla posizione in cui si erano temerariamente spinte.