Versione di Cesare

Libro 3 - Paragrafi da 61 a 65

Traduzione della Versione "Libro 3 - Paragrafi da 61 a 65" di Cesare

Testo Originale Latino

Paragrafo 61 Quos Pompeius quod erant honesto loco nati et instructi liberaliter magnoque comitatu et multis iumentis venerant virique fortes habebantur et in honore apud Caesarem fuerant quodque novum et praeter consuetudinem acciderat omnia sua praesidia circumduxit atque ostentavit. Nam ante id tempus nemo aut miles aut eques a Caesare ad Pompeium transierat cum paene cotidie a Pompeio ad Caesarem perfugerent vulgo vero universi in Epiro atque Aetolia conscripti milites earumque regionum omnium quae a Caesare tenebantur. Sed hi cognitis omnibus rebus seu quid in munitionibus perfectum non erat seu quid a peritioribus rei militaris desiderari videbatur temporibusque rerum et spatiis locorum custodiarum varia diligentia animadversa prout cuiusque eorum qui negotiis praeerant aut natura aut studium ferebat haec ad Pompeium omnia detulerunt. Paragrafo 62 Quibus ille cognitis rebus eruptionisque iam ante capto consilio ut demonstratum est tegimenta galeis milites ex viminibus facere atque aggerem iubet comportare. His paratis rebus magnum numerum levis armaturae et sagittariorum aggeremque omnem noctu in scaphas et naves actuarias imponit et de media nocte cohortes LX ex maximis castris praesidiisque deductas ad eam partem munitionum ducit quae pertinebant ad mare longissimeque a maximis castris Caesaris aberant. Eodem naves quas demonstravimus aggere et levis armaturae militibus completas quasque ad Dyrrachium naves longas habebat mittit et quid a quoque fieri velit praecipit. Ad eas munitiones Caesar Lentulum Marcellinum quaestorem cum legione VIIII positum habebat. Huic quod valetudine minus commoda utebatur Fulvium Postumum adiutorem submiserat. Paragrafo 63 Erat eo loco fossa pedum XV et vallum contra hostem in altitudinem pedum X tantundemque eius valli agger in latitudinem patebat: ab eo intermisso spatio pedum DC alter conversus in contrariam partem erat vallus humiliore paulo munitione. Hoc enim superioribus diebus timens Caesar ne navibus nostri circumvenirentur duplicem eo loco fecerat vallum ut si ancipiti proelio dimicaretur posset resisti. Sed operum magnitudo et continens omnium dierum labor quod milium passuum in circuitu XVII munitiones erat complexus perficiendi spatium non dabat. Itaque contra mare transversum vallum qui has duas munitiones coniungeret nondum perfecerat. Quae res nota erat Pompeio delata per Allobrogas perfugas magnumque nostris attulerat incommodum. Nam ut ad mare duo cohortes nonae legionis excubuerant accessere subito prima luce Pompeiani; simul navibus circumvecti milites in exteriorem vallum tela iaciebant fossaeque aggere complebantur et legionarii interioris munitionis defensores scalis admotis tormentis cuiusque generis telisque terrebant magnaque multitudo sagittariorum ab utraque parte circumfundebatur. Multum autem ab ictu lapidum quod unum nostris erat telum viminea tegimenta galeis imposita defendebant. Itaque cum omnibus rebus nostri premerentur atque aegre resisterent animadversum est vitium munitionis quod supra demonstratum est atque inter duos vallos qua perfectum opus non erat Pompeiani navibus eiti in aversos nostros impetum fecerunt atque ex utraque munitione deiectos terga vertere coegerunt Paragrafo 64 Hoc tumultu nuntiato Marcellinus cohortes subsidio nostris laborantibus submittit ex castris; quae fugientes conspicatae neque illos suo adventu confirmare potuerunt neque ipsae hostium impetum tulerunt. Itaque quodcumque addebatur subsidii id corruptum timore fugientium terrorem et periculum augebat; hominum enim multitudine receptus impediebatur. In eo proelio cum gravi vulnere esset affectus aquilifer et a viribus deficeretur conspicatus equites nostros "hanc ego" inquit "et vivus multos per annos magna diligentia defendi et nunc moriens eadem fide Caesari restituo. Nolite obsecro committere quod ante in exercitu Caesaris non accidit ut rei militaris dedecus admittatur incolumemque ad eum deferte." Hoc casu aquila conservatur omnibus primae cohortis centurionibus interfectis praeter principem priorem. Paragrafo 65 Iamque Pompeiani magna caede nostrorum castris Marcellini appropinquabant non mediocri terrore illato reliquis cohortibus et M. Antonius qui proximum locum praesidiorum tenebat ea re nuntiata cum cohortibus XII descendens ex loco superiore cernebatur. Cuius adventus Pompeianos compressit nostrosque firmavit ut se ex maximo timore colligerent. Neque multo post Caesar significatione per castella fumo facta ut erat superioris temporis consuetudo deductis quibusdam cohortibus ex praesidiis eodem venit. Qui cognito detrimento eum animadvertisset Pompeium extra munitiones egressum castra secundum mare munire ut libere pabulari posset nec minus aditum navibus haberet commutata ratione belli quoniam propositum non tenuerat castra iuxta Pompeium munire iussit.

Traduzione Italiana

Paragrafo 61 Poiché erano di nobile origine, largamente equipaggiati, e si erano presentati con un folto seguito e molti cavalli, erano ritenuti uomini coraggiosi ed erano stati tenuti in gran conto da Cesare, e poiché si trattava di un fatto nuovo e fuori dell'ordinario, Pompeo li condusse in giro in tutti i suoi posti di guardia, facendone mostra. Mai prima, infatti, era accaduto che qualcuno, fante o cavaliere, passasse dalla parte di Cesare a quella di Pompeo, mentre quasi ogni giorno i pompeiani disertavano e andavano ad unirsi a Cesare: lo facevano anzi in massa tutti i soldati arruolati in Epiro e in Etolia e in tutte le regioni occupate da Cesare. Ma i due, che erano perfettamente al corrente di tutti i particolari, se in qualche punto del campo di Cesare le fortificazioni non erano ultimate o se gli esperti trovavano che in qualche punto lasciassero a desiderare, e avevano inoltre osservato i tempi di ogni operazione e le distanze tra i vari Punti, la maggiore o minore diligenza del servizio di guardia, a seconda del carattere e della solerzia di ciascuno di coloro cui erano assegnati i vari compiti, riferirono ogni cosa a Pompeo. Paragrafo 62 Pompeo, venuto a conoscenza di queste cose e avendo deciso già in precedenza, come si è detto, di fare una sortita, ordina ai soldati di preparare con vimini coperture per gli elmi e di ammassare materiale per formare un terrapieno. Predisposto ciò, di notte fa salire su battelli e navi veloci un gran numero di soldati armati alla leggera e di arcieri e caricare tutto il materiale per il terrapieno. Intorno a mezzanotte fa uscire fuori dal campo maggiore e dai presidi sessanta coorti conducendole da quella parte delle fortificazioni rivolta verso il mare e molto lontana dall'accampamento più grande di Cesare. Colà manda le navi cariche, come si è detto, di soldati armati alla leggera e del materiale e le navi da guerra di stanza a Durazzo e a ciascuno impartisce ordini dettagliati. Presso quelle fortificazioni Cesare aveva disposto il questore Lentulo Marcellino con la nona legione. A costui, che non godeva di buona salute, aveva affiancato, come aiutante, Fulvio Postumo. Paragrafo 63 Era stato scavato in quel punto un fossato profondo quindici piedi ed era stato elevato contro il nemico un valfo di dieci piedi d'altezza con un terrapieno della stessa larghezza . A seicento piedi di distanza da questo, era stato costruito un altro vallo rivolto dalla parte opposta con una fortificazione un po' più bassa. Nei giorni precedenti infatti, Cesare, temendo che i nostri venissero accerchiati con le navi, aveva fatto costruire in quel luogo una doppia palizzata, per poter resistere nel caso di un attacco su due fronti. Ma, a causa dell'ampiezza dei lavori e della quotidiana fatica, dato che la linea fortificata comprendeva un circuito di diciassette miglia , non c'era stato il tempo di portarla a termine. Non era stato quindi ancora ultimato il vallo trasversale, situato dalla parte del mare, che doveva collegare le due fortificazioni. La conoscenza da parte di Pompeo di questo particolare, rivelatogli dai disertori allobrogi, mise i nostri in grave difficoltà. Come infatti le nostre coorti che avevano montato la guardia presso la costa si furono allontanate, ecco arrivare improvvisamente, all'alba, l'esercito di Pompeo. Contemporaneamente, le truppe trasportate via mare, gettavano proiettili sul vallo esterno e riempivano il fossato col materiale per il terrapieno, mentre i legionari mettevano in grave apprensione i difensori della fortificazione interna accostando scale e macchine da guerra di ogni tipo e lanciando proiettili, mentre un numero enorme di arcieri si spargeva da ogni lato. D'altra parte, le protezioni di vimini che i nemici avevano sovrapposto agli elmi, li difendevano validamente dal lancio di pietre, che erano gli unici proiettili a nostra disposizione. Quindi, mentre i nostri venivano incalzati con ogni mezzo e resistevano a stento, fu notato nella linea delle fortificazioni il difetto di cui si è parlato prima e le truppe trasportate via mare, sbarcate tra le due palizzate, dove le fortificazioni non erano state completate, assalirono i nostri alle spalle e, cacciatili da ambedue le fortificazioni, li costrinsero a volgere in fuga. Paragrafo 64 All'annuncio di questo assalto improvviso, Marcellino manda dal campo coorti ... in aiuto ai nostri in difficoltà, ma queste trovarono i nostri in fuga e non poterono col loro arrivo infondere coraggio; esse stesse non sostennero l'assalto nemico. E così, qualunque aiuto inviato, contaminato dal terrore dei fuggitivi, aumentava a sua volta terrore e pericolo: infatti la ritirata veniva impedita dal gran numero di uomini. In quella battaglia un aquilifero, ferito gravemente, mentre già gli venivano meno le forze, alla vista dei nostri cavalieri disse: "Quest'aquila io da vivo per molti anni l'ho difesa con grande zelo e ora, morendo, la restituisco a Cesare con la medesima fedeltà. Vi prego, non permettete che sia commesso atto vergognoso per l'onore militare, cosa che mai è avvenuta prima nell'esercito di Cesare, e consegnategliela intatta". In tal modo l'aquila fu salvata, sebbene fossero uccisi tutti i centurioni della prima coorte, eccetto il centurione al comando della prima centuria. Paragrafo 65 I pompeiani, dopo aver fatto strage dei nostri, si avvicinavano ormai all'accampamento di Marcellino, non senza creare una notevole apprensione tra le coorti, mentre si vedeva arrivare Marco Antonio, comandante del più vicino presidio, che, informato dell'accaduto, discendeva la collina con dodici coorti . Il suo arrivo trattenne i pompeiani e confortò i nostri, dando loro modo di riprendersi dal panico. Non molto tempo dopo, Cesare, avvertito con segnali di fumo di fortino in fortino, come si faceva di solito, prelevate alcune coorti dai presidi, arrivò sul posto. Egli, verificato il danno, essendosi reso conto che Pompeo, uscito dalla linea fortificata, aveva intenzione di allestire un campo vicino al mare per poter foraggiare liberamente e accedere più agevolmente alle navi, mutati radicalmente i suoi piani, visto che non aveva raggiunto lo scopo, diede l'ordine di trincerarsi accanto a Pompeo.