Versione di Cesare

Libro 3 - Paragrafi da 66 a 70

Traduzione della Versione "Libro 3 - Paragrafi da 66 a 70" di Cesare

Testo Originale Latino

Paragrafo 66 Qua perfecta munitione animadversum est a speculatoribus Caesaris cohortes quasdam quod instar legionis videretur esse post silvam et in vetera castra duci. Castrorum sic situs erat. Superioribus diebus nona Caesaris legio cum se obiecisset Pompeianis copiis atque opere ut demonstravimus circummuniret castra eo loco posuit. Haec silvam quandam contingebant neque longius a mari passibus CCC aberant. Post mutato consilio quibusdam de causis Caesar paulo ultra eum locum castra transtulit paucisque intermissis diebus eadem Pompeius occupaverat et quod eo loco plures erat legiones habiturus relicto interiore vallo maiorem adiecerat munitionem. Ita minora castra inclusa maioribus castelli atque arcis locum obtinebant. Item ab angulo castrorum sinistro munitionem ad flumen perduxerat circiter passus CCCC quo liberius a periculo milites aquarentur. Sed is quoque mutato consilio quibusdam de causis quas commemorari necesse non est eo loco excesserat. Ita complures dies inania manserant castra; munitiones quidem omnes integrae erant. Paragrafo 67 Eo signa legionis illata speculatores Caesari renuntiarunt. Hoc idem visum ex superioribus quibusdam castellis confirmaverunt. Is locus aberat a novis Pompei castris circiter passus quingentos. Hanc legionem sperans Caesar se opprimere posse et cupiens eius diei detrimentum sarcire reliquit in opere cohortes duas quae speciem munitionis praeberent; ipse diverso itinere quam potuit occultissime reliquas cohortes numero XXXIII in quibus erat legio nona multis amissis centurionibus deminutoque militum numero ad legionem Pompei castraque minora duplici acie eduxit. Neque eum prima opinio fefellit. Nam et pervenit prius quam Pompeius sentire posset et tametsi erant munitiones castrorum magnae tamen sinistro cornu ubi erat ipse celeriter aggressus Pompeianos ex vallo deturbavit. Erat obiectus portis ericius. Hic paulisper est pugnatum cum irrumpere nostri conarentur illi castra defenderent fortissime T. Pulieone cuius opera proditum exercitum C. Antoni demonstravimus eo loco propugnante. Sed tamen nostri virtute vicerunt excisoque ericio primo in maiora castra post etiam in castellum quod erat inclusum maioribus castris irruperunt quo pulsa legio sese receperat et nonnullos ibi repugnantes interfecerunt. Paragrafo 68 Sed fortuna quae plurimum potest cum in reliquis rebus tum praecipue in bello parvis momentis magnas rerum commutationes efficit; ut tum accidit. Munitionem quam pertinere a castris ad flumen supra demonstravimus dextri Caesaris cornu cohortes ignorantia loci sunt secutae cum portam quaererent castrorumque eam munitionem esse arbitrarentur. Quod cum esset animadversum coniunctam esse flumini prorutis munitionibus defendente nullo transcenderunt omnisque noster equitatus eas cohortes est secutus. Paragrafo 69 Interim Pompeius hac satis longa interiecta mora et re nuntiata V legiones ab opere deductas subsidio suis duxit eodemque tempore equitatus eius nostris equitibus appropinquabat et acies instructa a nostris qui castra occupaverant cernebatur omniaque sunt subito mutata. Legio Pompeiana celeris spe subsidii confirmata ab decumana porta resistere conabatur atque ultro in nostros impetum faciebat. Equitatus Caesaris quod angusto itinere per aggeres ascendebat receptui suo timens initium fugae faciebat. Dextrum cornu quod erat a sinistro seclusum terrore equitum animadverso ne intra munitionem opprimeretur ea parte quam proruerat sese recipiebat ac plerique ex his ne in angustias inciderent ex X pedum munitione se in fossas praecipitabant primisque oppressis reliqui per horum corpora salutem sibi atque exitum pariebant. Sinistro cornu milites cum ex vallo Pompeium adesse et suos fugere cernerent veriti ne angustiis intercluderentur cum extra et intus hostem haberent eodem quo venerant receptu sibi consulebant omniaque erant tumultus timoris fugae plena adeo ut cum Caesar signa fugientium manu prenderet et consistere iuberet alii admissis equis eodem cursu confugerent alii metu etiam signa dimitterent neque quisquam omnino consisteret. Interim Pompeius hac satis longa interiecta mora et re nuntiata V legiones ab opere deductas subsidio suis duxit eodemque tempore equitatus eius nostris equitibus appropinquabat et acies instructa a nostris qui castra occupaverant cernebatur omniaque sunt subito mutata. Legio Pompeiana celeris spe subsidii confirmata ab decumana porta resistere conabatur atque ultro in nostros impetum faciebat. Equitatus Caesaris quod angusto itinere per aggeres ascendebat receptui suo timens initium fugae faciebat. Dextrum cornu quod erat a sinistro seclusum terrore equitum animadverso ne intra munitionem opprimeretur ea parte quam proruerat sese recipiebat ac plerique ex his ne in angustias inciderent ex X pedum munitione se in fossas praecipitabant primisque oppressis reliqui per horum corpora salutem sibi atque exitum pariebant. Sinistro cornu milites cum ex vallo Pompeium adesse et suos fugere cernerent veriti ne angustiis intercluderentur cum extra et intus hostem haberent eodem quo venerant receptu sibi consulebant omniaque erant tumultus timoris fugae plena adeo ut cum Caesar signa fugientium manu prenderet et consistere iuberet alii admissis equis eodem cursu confugerent alii metu etiam signa dimitterent neque quisquam omnino consisteret. Paragrafo 70 His tantis malis haec subsidia succurrebant quo minus omnis deleretur exercitus quod Pompeius insidias timens credo quod haec praeter spem acciderant eius qui paulo ante ex castris fugientes suos conspexerat munitionibus appropinquare aliquamdiu non audebat equitesque eius angustis spatiis atque his ab Caesaris militibus occupatis ad insequendum tardabantur. Ita parvae res magnum in utramque partem momentum habuerunt. Munitiones enim a castris ad flumen perductae expugnatis iam castris Pompei prope iam expeditam Caesaris victoriam interpellaverunt eadem res celeritate insequentium tardata nostris salutem attulit.

Traduzione Italiana

Paragrafo 66 Quando la linea di fortificazione fu portata a termine, le truppe di ricognizione di Cesare si accorsero che alcune coorti, quasi una legione, si trovavano dietro un bosco e venivano condotte verso un vecchio accampamento. Questa era la posizione del campo: nei giorni Precedenti, quando la ix legione di Cesare aveva affrontato i pompeiani e, come abbiamo detto, li aveva chiusi con le fortificazioni, si era accampata in quel luogo, e il campo si trovava vicino a un bosco a una distanza di più di trecento passi dal mare. In seguito Cesare, cambiato per alcuni motivi il suo piano, aveva spostato l'accampamento poco oltre e, pochi giorni dopo, Pompeo aveva occupato il campo abbandonato e, dato che aveva intenzione di tenervi parecchie legioni, lasciato intatto il vallo interno, vi aveva aggiunto una fortificazione più ampia, di modo che l'accampamento minore, incluso nel maggiore, fungeva da fortino e da rocca. Sull'angolo sinistro del campo, la fortificazione si spingeva fino al fiume per circa quattrocento passi, per permettere ai soldati di procurarsi l'acqua più liberamente e senza rischi. Ma anche Pompeo, cambiato piano per certe ragioni che non è il caso qui di ricordare, aveva abbandonato la posizione. Il campo era rimasto cosi per parecchi giorni, ma tutte le fortificazioni erano rimaste intatte. Paragrafo 67 Gli esploratori informarono Cesare che in quel campo erano state portate le insegne della legione; avvistamenti da alcuni fortilizi più elevati confermarono la stessa cosa. Questo luogo distava dal nuovo campo di Pompeo circa cinquecento passi. Cesare, sperando di potere piombare addosso a questa legione e desiderando vendicare il danno ricevuto in quel giorno, lasciò nelle fortificazioni due coorti per fare credere che si compissero lavori di rafforzamento; egli stesso condusse verso la legione e il campo minore di Pompeo, con un percorso discosto e il più segretamente possibile, le rimanenti legioni schierate su due file, in numero di trentatré, fra cui vi era la nona legione che aveva perduto molti centurioni e che aveva un ridotto numero di soldati. E la sua prima convinzione non fu fallace. Infatti giunse prima che Pompeo potesse accorgersene, e, nonostante le fortificazioni del campo fossero imponenti, dall'ala sinistra, dove egli stesso si trovava, colpì con un rapido attacco i Pompeiani e li scacciò dal vallo. Una trave irta di punte di ferro era posta dinanzi alle porte. Qui si combatté per un po': i nostri tentavano di fare irruzione e i Pompeiani di difendere il campo; qui combatté da eroe Tito Pullione, per opera del quale, come abbiamo detto, fu tradito l'esercito di C. Antonio. Ma i nostri vinsero per il loro valore e, distrutta la trave, dapprima fecero irruzione nel campo maggiore, poi anche nel fortilizio che si trovava dentro il campo più grande, poiché là si era ritirata la legione che era stata respinta; uccisero alcuni nemici che qui facevano resistenza. Paragrafo 68 Ma la Fortuna, così determinante in tutti i casi della vita e a maggior ragione in guerra, produce in pochi istanti i più radicali mutamenti: come allora accadde. Le coorti dell'ala destra di Cesare, non conoscendo i luoghi, si misero a seguire quella parte di fortificazione che, come abbiamo detto, va dall'accampamento al fiume, cercandovi una porta e pensando che quella fosse la fortificazione del campo. Quando si accorsero che raggiungeva il fiume, abbattute le fortificazioni che nessuno difendeva, saltarono all'interno, seguite da tutta la nostra cavalleria. Paragrafo 69 Frattanto Pompeo, trascorso questo lasso di tempo abbastanza lungo, all'annuncio del fatto mandò in aiuto ai suoi cinque legioni tolte dalle opere di fortificazione; nel medesimo tempo la sua cavalleria si avvicinava alla nostra; i nostri che avevano occupato il campo vedevano l'esercito schierato e improvvisamente tutta la situazione mutò. La legione di Pompeo, rassicurata dalla speranza di un pronto aiuto, tentava di fare resistenza alla porta decumana e, inoltre, contrattaccava i nostri. La cavalleria di Cesare, poiché si trovava a salire per un angusto passaggio attraverso il terrapieno, temendo di non potersi ritirare dava inizio alla fuga. L'ala destra, che era separata dalla sinistra, accortasi che i cavalieri erano in preda al panico, perché temevano di essere schiacciati entro la fortificazione, si ritirava dal lato dal quale aveva fatto irruzione e la maggior parte di questi soldati, per non imbattersi in strettoie, si gettavano da un bastione alto dieci piedi nelle fosse e, schiacciati i primi che erano caduti, gli altri, passando sui loro corpi, guadagnavano uscita e salvezza. I soldati dell'ala sinistra, vedendo dal vallo che Pompeo si avvicinava e che i loro compagni fuggivano, temendo di trovarsi rinchiusi in strettoie con il nemico dentro e fuori, cercavano la ritirata per dove erano giunti. Ovunque vi era tumulto, paura, fuga, sicché, sebbene Cesare strappasse le insegne dalle mani di chi fuggiva e ordinasse di fermarsi, alcuni, lasciati i cavalli, continuavano la loro fuga, altri per il timore abbandonavano anche le insegne e proprio nessuno faceva resistenza. Paragrafo 70 In una situazione così disastrosa, solo una circostanza ci fu di aiuto, evitando la completa distruzione dell'esercito: il fatto che Pompeo, temendo un'imboscata, perché, io penso, non si aspettava una simile opportunità, dato che aveva visto poco prima i suoi fuggire dall'accampamento, non osò per un po' di tempo accostarsi, e la sua cavalleria, trattenuta nelle strettoie occupate dai soldati di Cesare, non poteva mettersi prontamente all'inseguimento. Fu così che contrattempi tanto insignificanti ebbero per tutte e due le parti un peso tanto rilevante. Infatti, la linea fortificata che dal campo conduceva al fiume, quando il campo di Pompeo era ormai espugnato, impedì la vittoria che Cesare aveva ormai ottenuto, e la stessa circostanza, ritardando l'inseguimento, salvò i nostri.