Versione di Cesare

Libro 3 - Paragrafi da 71 a 75

Traduzione della Versione "Libro 3 - Paragrafi da 71 a 75" di Cesare

Testo Originale Latino

Paragrafo 71 Duobus his unius diei proeliis Caesar desideravit milites DCCCCLX et notos equites Romanos Tuticanum Gallum senatoris filium C. Fleginatem Placentia A. Granium Puteolis M. Sacrativirum Capua tribunos militum et centuriones XXXII; sed horum omnium pars magna in fossis munitionibusque et fluminis ripis oppressa suorum in terrore ac fuga sine ullo vulnere interiit; signaque sunt militaria amissa XXXII. Pompeius eo proelio imperator est appellatus. Hoc nomen obtinuit atque ita se postea salutari passus est sed neque in litteris scribere est solitus neque in fascibus insignia laureae praetulit. At Labienus cum ab eo impetravisset ut sibi captivos tradi iuberet omnes productos ostentationis ut videbatur causa quo maior perfugae fides haberetur commilitones appellans et magna verborum contumelia interrogans solerentne veterani milites fugere in omnium conspectu interfecit. Paragrafo 72 His rebus tantum fiduciae ac spiritus Pompeianis accessit ut non de ratione belli cogitarent sed vicisse iam viderentur. Non illi paucitatem nostrorum militum non iniquitatem loci atque angustias praeoccupatis castris et ancipitem terrorem intra extraque munitiones non abscisum in duas partes exercitum cum altera alteri auxilium ferre non posset causae fuisse cogitabant. Non ad haec addebant non concursu acri facto non proelio dimicatum sibique ipsos multitudine atque angustiis maius attulisse detrimentum quam ab hoste accepissent. Non denique communes belli casus recordabantur quam parvulae saepe causae vel falsae suspicionis vel terroris repentini vel obiectae religionis magna detrimenta intulissent quotiens vel ducis vitio vel culpa tribuni in exercitu esset offensum; sed proinde ac si virtute vicissent neque ulla commutatio rerum posset accidere per orbem terrarum fama ac litteris victoriam eius diei concelebrabant. Paragrafo 73 Caesar a superioribus consiliis depulsus omnem sibi commutandam belli rationem existimavit. Itaque uno tempore praesidiis omnibus deductis et oppugnatione dimissa coactoque in unum locum exercitu contionem apud milites habuit hortatusque est ne ea quae accidissent graviter ferrent neve his rebus terrerentur multisque secundis proeliis unum adversum et id mediocre opponerent. Habendam fortunae gratiam quod Italiam sine aliquo vulnere cepissent quod duas Hispanias bellicosissimorum hominum peritissimis atque exercitatissimis ducibus pacavissent quod finitimas frumentariasque provincias in potestatem redegissent; denique recordari debere qua felicitate inter medias hostium classes oppletis non solum portibus sed etiam litoribus omnes incolumes essent transportati. Si non omnia caderent secunda fortunam esse industria sublevandam. Quod esset acceptum detrimenti cuiusvis potius quam suae culpae debere tribui. Locum se aequum ad dimicandum dedisse potitum esse hostium castris expulisse ac superasse pugnantes. Sed sive ipsorum perturbatio sive error aliquis sive etiam fortuna partam iam praesentemque victoriam interpellavisset dandam omnibus operam ut acceptum incommodum virtute sarciretur. Quod si esset factum futurum uti ad Gergoviam contigisset ut detrimentum in bonum verteret atque qui ante dimicare timuissent ultro se proelio offerrent. Paragrafo 74 Hac habita contione nonnullos signiferos ignominia notavit ac loco movit. Exercitui quidem omni tantus incessit ex incommodo dolor tantumque studium infamiae sarciendae ut nemo aut tribuni aut centurionis imperium desideraret et sibi quisque etiam poenae loco graviores imponeret labores simulque omnes arderent cupiditate pugnandi cum superioris etiam ordinis nonnulli ratione permoti manendum eo loco et rem proelio committendam existimarent. Contra ea Caesar neque satis militibus perterritis confidebat spatiumque interponendum ad recreandos animos putabat et relictis munitionibus magnopere rei frumentariae timebat. Paragrafo 75 Itaque nulla interposita mora sauciorum modo et aegrorum habita ratione impedimenta omnia silentio prima nocte ex castris Apolloniam praemisit. Haec conquiescere ante iter confectum vetuit. His una legio missa praesidio est. His explicitis rebus duas in castris legiones retinuit reliquas de quarta vigilia compluribus portis eductas eodem itinere praemisit parvoque spatio intermisso ut et militare institutum servaretur et quam serissime eius profectio cognosceretur conclamari iussit statimque egressus et novissimum agmen consecutus celeriter ex conspectu castrorum discessit. Neque vero Pompeius cognito consilio eius moram ullam ad insequendum intulit; sed eodem spectans si itinere impeditos perterritos deprehendere posset exercitum e castris eduxit equitatumque praemisit ad novissimum agmen demorandum neque consequi potuit quod multum expedito itinere antecesserat Caesar. Sed cum ventum esset ad flumen Genusum quod ripis erat impeditis consecutus equitatus novissimos proelio detinebat. Huic suos Caesar equites opposuit expeditosque antesignanos admiscuit CCCC; qui tantum profecerunt ut equestri proelio commisso pellerent omnes compluresque interficerent ipsique incolumes se ad agmen reciperent.

Traduzione Italiana

Paragrafo 71 Nei due combattimenti di quella giornata Cesare perse novecentosessanta soldati e illustri cavalieri romani, come Tuticano Gallo, figlio del senatore, Gaio Felginate di Piacenza, Aulo Granio di Pozzuoli, Marco Sacrativiro di Capua, cinque tribuni dei soldati e trentadue centurioni. Ma gran parte di loro cadde nei fossati e sulle fortificazioni, schiacciata dalla massa dei commilitoni terrorizzati e in fuga, senza aver riportato ferite; andarono perdute trentadue insegne militari. Per quella battaglia Pompeo fu acclamato imperator. Mantenne il titolo e con questo nome si lasciò in seguito salutare, ma non ne fece uso di solito nella corrispondenza, né fece ornare d'alloro i fasci dai quali era preceduto. Ma Labieno, avendo ottenuto da lui che gli si consegnassero i prigionieri, quando gli furono portati davanti, per ostentazione, com'è ovvio, e per guadagnare una stima maggiore alla sua figura di disertore, chiamandoli commilitoni e chiedendo loro, tra gli insulti, se era abitudine dei veterani darsi alla fuga, li fece uccidere al cospetto di tutti. Paragrafo 72 In seguito a queste vittorie nei Pompeiani la baldanza e la presunzione crebbero tanto che non pensarono più al modo di condurre la guerra, credendo ormai di avere vinto. Essi non capivano che a causare la sconfitta fossero stati lo scarso numero dei nostri soldati, il luogo sfavorevole, il difficile accesso a un campo già occupato dal nemico, la duplice paura dentro e fuori le fortificazioni, l'esercito separato in due parti, sicché l'una non aveva potuto portare aiuto all'altra. A ciò non aggiungevano inoltre che non era stato condotto alcun attacco violento, che non si era combattuta una vera battaglia e che i nostri, con il loro stesso ammassarsi in grande moltitudine entro luoghi angusti, avevano arrecato a se stessi maggiore danno di quello ricevuto dal nemico. Non ricordavano infine una situazione tipica della guerra: quanto spesso cause di piccolissimo conto o di falso sospetto o di improvviso terrore o di scrupolo religioso hanno arrecato grandi danni; quante volte o per incapacità del comandante o per colpa di un tribuno l'esercito subisce uno scacco; ma come se avessero vinto per valore né potesse accadere alcun mutamento di sorte, diffondevano per tutto il mondo, mediante messaggi e lettere, la vittoria di quel giorno. Paragrafo 73 Cesare, costretto ad abbandonare il piano precedente, ritenne di dover cambiare completamente la conduzione della guerra. Quindi, ritirati contemporaneamente tutti i presidi e abbandonato l'assedio, raccolto l'esercito in un sol luogo, tenne un discorso ai soldati: li esortò a non preoccuparsi troppo di quanto era accaduto, né a spaventarsi per questo; confrontassero quest'unico insuccesso, e neanche troppo grave, con le tante battaglie vinte. Bisognava ringraziare la Fortuna, poiché avevano preso l'Italia senza colpo ferire, avevano pacificato la Spagna contro genti bellicosissime comandate da generali straordinariamente abili ed esperti, avevano in loro potere le vicine province ricche di frumento. Dovevano infine ricordare come, passando in mezzo alle flotte nemiche, con non solo i porti, ma anche tutte le coste presidiate, erano sbarcati tutti sani e salvi. Se non tutto andava per il verso giusto, bisognava risollevare le sorti con l'impegno. Il danno che avevano subìto, poteva essere imputato a chiunque altro, ma non a lui. Egli li aveva fatti combattere in posizione favorevole, aveva conquistato il campo nemico, aveva schiacciato e vinto la resistenza degli avversari. Ma se era stato il loro turbamento o un errore o anche la sorte ad impedire una vittoria già conquistata e ottenuta, bisognava ora fare ogni sforzo per riparare col valore al rovescio subìto. Se lo avessero fatto, il danno si sarebbe trasformato in vantaggio, come era accaduto a Gergovia, e coloro che prima avevano avuto paura di combattere si sarebbero spontaneamente offerti per la battaglia. Paragrafo 74 Tenuto questo discorso, bollò d'infamia alcuni portabandiera e li rimosse dal grado. E invero un dolore grande per la sconfitta e un desiderio di riparare la vergogna si diffusero in tutto l'esercito così che ognuno, senza aspettare il comando di un tribuno o di un centurione, imponeva a se stesso come castigo fatiche più gravi del solito e tutti, all'unisono, ardevano dal desiderio di combattere; anzi alcuni ufficiali superiori, spinti da ragioni militari, giudicarono di dovere rimanere in quel luogo e rimettere la sorte al combattimento. Cesare, al contrario, non poneva abbastanza fiducia in soldati sconvolti e riteneva di dovere lasciare passare un po' di tempo per rinfrancare gli animi; inoltre, poiché aveva lasciato le fortificazioni, era grandemente preoccupato per l'approvvigionamento. Paragrafo 75 Quindi, senza indugiare, se non il tempo necessario per curare feriti e malati, fece partire dal campo di Apollonia, all'inizio della notte, tutte le salmerie, con l'ordine di non fermarsi prima di aver concluso la marcia. Fu inviata una legione di scorta. Sbrigate queste faccende, trattenne al campo due legioni, fece uscire le altre da parecchie porte alla quarta vigilia, mandandole avanti per lo stesso cammino e, dopo poco, sia per osservare l'uso militare sia perché la sua partenza apparisse del tutto normale, ordinò di dare il segnale e, uscito immediatamente, raggiunse la retroguardia, scomparendo in breve alla vista del campo. Pompeo tuttavia, scoperta la sua manovra, non tardò ad inseguirlo e con lo scopo di raggiungerli durante la marcia, impacciati e ancora atterriti, portò esercito fuori dall'accampamento, mandando avanti la cavalleria a ritardare la marcia della retroguardia, senza riuscire a raggiungerla, perché Cesare, che procedeva speditamente, aveva troppo vantaggio. Ma quando si arrivò al fiume Genuso le cui sponde erano di difficile accesso, la cavalleria, che li aveva raggiunti, impegnava la retroguardia in uno scontro. A questa Cesare oppose i suoi cavalieri tra le cui file aveva inserito quattrocento soldati delle prime linee, i quali riportarono un tale successo che, impegnato un combattimento di cavalleria, respinsero tutti i nemici, uccidendone molti e rientrando incolumi nelle file.