Versione di Cesare

Libro 3 - Paragrafi da 76 a 80

Traduzione della Versione "Libro 3 - Paragrafi da 76 a 80" di Cesare

Testo Originale Latino

Paragrafo 76 Confecto iusto itinere eius diei Caesar traductoque exercitu flumen Genusum veteribus suis in castris contra Asparagium consedit militesque omnes intra vallum continuit equitatumque per causam pabulandi emissum confestim decumana porta in castra se recipere iussit. Simili ratione Pompeius confecto eius diei itinere in suis veteribus castris ad Asparagium consedit. Eius milites quod ab opere integris munitionibus vacabant alii lignandi pabulandique causa longius progrediebantur alii quod subito consilium profectionis ceperant magna parte impedimentorum et sarcinarum relicta ad haec repetenda invitati propinquitate superiorum castrorum depositis in contubernio armis vallum relinquebant. Quibus ad sequendum impeditis Caesar quod fore providerat meridiano fere tempore signo profectionis dato exercitum educit duplicatoque eius diei itinere VIII milia passuum ex eo loco procedit; quod facere Pompeius discessu militum non potuit. Paragrafo 77 Postero die Caesar similiter praemissis prima nocte impedimentis de quarta vigilia ipse egreditur ut si qua esset imposita dimicandi necessitas subitum casum expedito exercitu subiret. Hoc idem reliquis fecit diebus. Quibus rebus perfectum est ut altissimis fluminibus atque impeditissimis itineribus nullum acciperet incommodum. Pompeius primi diei mora illata et reliquorum dierum frustra labore suscepto cum se magnis itineribus extenderet et praegressos consequi cuperet quarto die finem sequendi fecit atque aliud sibi consilium capiendum existimavit. Paragrafo 78 Caesari ad saucios deponendos stipendium exercitui dandum socios confirmandos praesidium urbibus relinquendum necesse erat adire Apolloniam. Sed his rebus tantum temporis tribuit quantum erat properanti necesse; timens Domitio ne adventu Pompei praeoccuparetur ad eum omni celeritate et studio incitatus ferebatur. Totius autem rei consilium his rationibus explicabat ut si Pompeius eodem contenderet abductum illum a mari atque ab eis copiis quas Dyrrachii comparaverat abstractum pari condicione belli secum decertare cogeret; si in Italiam transiret coniuncto exercitu cum Domitio per Illyricum Italiae subsidio proficisceretur; si Apolloniam Oricumque oppugnare et se omni maritima ora excludere conaretur obsesso Scipione necessario illum suis auxilium ferre cogeret. Itaque praemissis nuntiis ad Cn. Domitium Caesar ei scripsit et quid fieri vellet ostendit praesidioque Apolloniae cohortibus IIII Lissi I III Orici relictis quique erant ex vulneribus aegri depositis per Epirum atque Athamaniam iter facere coepit. Pompeius quoque de Caesaris consilio coniectura iudicans ad Scipionem properandum sibi existimabat: si Caesar iter illo haberet ut subsidium Scipioni ferret; si ab ora maritima Oricoque discedere nollet quod legiones equitatumque ex Italia exspectaret ipse ut omnibus copiis Domitium aggrederetur. Paragrafo 79 His de causis uterque eorum celeritati studebat et suis ut esset auxilio et ad opprimendos adversarios ne occasioni temporis deesset. Sed Caesarem Apollonia a directo itinere averterat; Pompeius per Candaviam iter in Macedoniam expeditum habebat. Accessit etiam ex improviso aliud incommodum quod Domitius qui dies complures castris Scipionis castra collata habuisset rei frumentariae causa ab eo discesserat et Heracliam quae est subiecta Candaviae iter fecerat ut ipsa fortuna illum obicere Pompeio videretur. Haec ad id tempus Caesar ignorabat. Simul a Pompeio litteris per omnes provincias civitatesque dimissis proelio ad Dyrrachium facto latius inflatiusque multo quam res erat gesta fama percrebuerat pulsum fugere Caesarem paene omnibus copiis amissis; haec itinera infesta reddiderat haec civitates nonnullas ab eius amicitia avertebat. Quibus accidit rebus ut pluribus dimissi itineribus a Caesare ad Domitium et a Domitio ad Caesarem nulla ratione iter conficere possent. Sed Allobroges Raucilli atque Egi familiares quos perfugisse ad Pompeium demonstravimus conspicati in itinere exploratores Domitii seu pristina sua consuetudine quod una in Gallia bella gesserant seu gloria elati cuncta ut erant acta euerunt et Caesaris profectionem et adventum Pompei docuerunt. A quibus Domitius certior factus vix IIII horarum spatio antecedens hostium beneficio periculum vitavit et ad Aeginium quod est oppidum obiectum Thessaliae Caesari venienti occurrit. Paragrafo 80 Coniuncto exercitu Caesar Gomphos pervenit quod est oppidum primum Thessaliae venientibus ab Epiro; quae gens paucis ante mensibus ultro ad Caesarem legatos miserat ut suis omnibus facultatibus uteretur praesidiumque ab eo militum petierat. Sed eo fama iam praecurrerat quam supra docuimus de proelio Dyrrachino quod multis auxerat partibus. Itaque Androsthenes praetor Thessaliae cum se victoriae Pompei comitem esse mallet quam socium Caesaris in rebus adversis omnem ex agris multitudinem servorum ac liberorum in oppidum cogit portasque praecludit et ad Scipionem Pompeiumque nuntios mittit ut sibi subsidio veniant: se confidere munitionibus oppidi si celeriter succurratur; longinquam oppugnationem sustinere non posse. Scipio discessu exercituum ab Dyrrachio cognito Larisam legiones adduxerat; Pompeius nondum Thessaliae appropinquabat. Caesar castris munitis scalas musculosque ad repentinam oppugnationem fieri et crates parari iussit. Quibus rebus effectis cohortatus milites docuit quantum usum haberet ad sublevandam omnium rerum inopiam potiri oppido pleno atque opulento simul reliquis civitatibus huius urbis exemplo inferre terrorem et id fieri celeriter priusquam auxilia concurrerent. Itaque usus singulari militum studio eodem quo venerat die post horam nonam oppidum altissimis moenibus oppugnare aggressus ante solis oocasum expugnavit et ad diripiendum militibus concessit statimque ab oppido castra movit et Metropolim venit sic ut nuntios expugnati oppidi famamque antecederet.

Traduzione Italiana

Paragrafo 76 Al termine della tappa giornaliera che aveva fissato, Cesare, dopo aver fatto attraversare all'esercito il fiume Genuso, si fermò nel suo vecchio campo di fronte ad Asparagio, trattenne tutte le truppe nel vallo e mandò la cavalleria a foraggiare, ma con l'ordine di ritirarsi immediatamente attraverso la porta decumana. Allo stesso modo Pompeo, conclusa la marcia della giornata, si fermò nel suo vecchio accampamento di Asparagio. I suoi soldati, poiché erano liberi dal lavoro, essendo le fortificazioni intatte, erano stati lasciati andare, alcuni a far legna e foraggio piuttosto lontano, altri, dato che la decisione della partenza era stata presa all'improvviso, e gran parte delle salmerie e dei bagagli era stata lasciata al campo precedente, erano indotti dalla sua vicinanza ad andarli a riprendere e, lasciate le armi sotto le tende, si allontanavano dal vallo. Poiché i pompeiani non erano pronti ad inseguirlo, cosa che Cesare aveva previsto, verso mezzogiorno, dato il segnale della partenza, portò fuori l'esercito e, raddoppiato per quel giorno il turno di marcia, si allontanò da quel luogo di otto miglia , mentre Pompeo non poté fare altrettanto, dato che le sue truppe erano disperse. Paragrafo 77 Il giorno successivo allo stesso modo Cesare sul fare della notte manda innanzi i bagagli e, intorno alla quarta vigilia, esce anch'egli, in modo da potere affrontare un attacco improvviso con l'esercito non impedito dai bagagli, qualora si fosse presentata la necessità di combattere. La stessa cosa fece anche nei giorni successivi. In tal modo riuscì a non subire danni, nonostante fiumi molto profondi e strade piene di ostacoli. Pompeo, per l'indugio del primo giorno, nonostante gli inutili sforzi di quelli successivi, benché procedesse a marce forzate, desiderando raggiungere i nostri che l'avevano preceduto, il quarto giorno pose fine all'inseguimento e pensò bene di seguire un altro piano. Paragrafo 78 Per deporre i feriti, dare lo stipendio ai soldati, rinsaldare le alleanze, lasciare dei corpi di guardia nelle città, Cesare doveva raggiungere Apollonia. Ma dedicò a queste faccende il tempo strettamente necessario, data la sua fretta. Era in pensiero per Domizio e muoveva verso di lui con la massima rapidità, spinto dalla preoccupazione, per evitare che Pompeo lo precedesse. Il suo piano generale era motivato da queste considerazioni: se Pompeo muoveva anche lui su Domizio, allontanandosi dal mare e dai rifornimenti che arrivavano a Durazzo, senza grano né vettovaglie, sarebbe stato costretto a misurarsi con lui ad armi pari; se fosse passato in Italia, egli si sarebbe congiunto con l'esercito di Domizio e sarebbe partito in aiuto dell'Italia, passando attraverso l'Illirico; se Pompeo tentava di prendere d'assalto Apollonia e Orico, respingendolo da tutto il litorale, egli avrebbe messo l'assedio a Scipione, costringendo Pompeo a venirgli in aiuto. Cesare mandò quindi dei messaggeri a Gneo Domizio per fargli sapere quali erano le sue intenzioni, lasciò tre coorti a presidiare Apollonia, una a Lisso e tre ad Orico, depose i feriti ancora ammalati e si mise in marcia attraverso l'Epiro e l'Atamania . Anche Pompeo, che faceva congetture sui piani di Cesare, ritenne di dover muovere rapidamente alla volta di Scipione, per portargli aiuto nel caso che Cesare avesse deciso di puntare su quell'obbiettivo, e per assalire personalmente le truppe di Domizio, nel caso che Cesare non si fosse voluto allontanare dalla costa e da Orico, perché aspettava le legioni e la cavalleria dall'Italia. Paragrafo 79 Per questi motivi entrambi volevano fare presto, e per essere di aiuto ai loro e per non perdere l'occasione di annientare i nemici. Ma il transito per Apollonia aveva allontanato Cesare dalla via più breve, Pompeo invece, passando attraverso la Candavia, aveva un percorso agevole verso la Macedonia. Inoltre improvvisamente sorse un'altra difficoltà, poiché Domizio che aveva per più giorni tenuto il campo di fronte a Scipione si era allontanato per fare provviste e si era diretto a Eraclea [Sentica che si trova ai piedi dei monti della Candavia], così che sembrava che la Fortuna stessa lo facesse incontrare con Pompeo. Fino a quel momento Cesare ignorava questi fatti. Contemporaneamente, a causa delle lettere sul combattimento svoltosi presso Durazzo, inviate da Pompeo in tutte le province e città, lettere in cui i fatti venivano ampliati e gonfiati, si era diffusa la voce che Cesare era stato battuto e messo in fuga e che aveva perduto quasi tutte le truppe. Queste notizie avevano reso pericoloso il cammino di Cesare, queste notizie alienavano parecchie città dalla sua amicizia. In seguito a questi fatti avvenne che i messi inviati per diverse vie da Cesare a Domizio e da Domizio a Cesare non poterono in alcun modo portare a termine il loro viaggio. Ma gli Allobrogi, famigliari di Roucillo e di Eco, che, come abbiamo detto, erano fuggiti presso Pompeo, visti lungo il percorso gli esploratori di Domizio, un po' per la loro antica amicizia, poiché avevano combattuto insieme in Gallia, un po' perché spinti da vanagloria, riferirono tutto quanto l'accaduto e li informarono della partenza di Cesare e dell'arrivo di Pompeo. Domizio, informato da questi, precedendo grazie a loro il nemico di appena quattro ore, evitò il pericolo e andò incontro a Cesare che giungeva presso Eginio, città situata di fronte alla Tessaglia. Paragrafo 80 Congiunto il suo esercito a quello di Domizio Cesare giunse a Gomfi , che è la prima città della Tessaglia per chi viene dall'Epiro. Pochi mesi prima, i suoi abitanti avevano inviato di loro iniziativa ambasciatori a Cesare, per offrirgli il loro incondizionato appoggio, e gli avevano richiesto un presidio militare. Ma la fama dello scontro di Durazzo era già arrivata, come abbiamo detto prima, gonfiata in molti particolari. Quindi Androstene, pretore della Tessaglia, preferendo esser compagno alla vittoria di Pompeo che alleato di Cesare nelle avversità, raccolse in città dalle campagne una moltitudine di servi e liberi, chiuse le porte e mandò a dire a Pompeo e Scipione di muovere in suo aiuto: le fortificazioni della città erano sicure, se avessero ricevuto tempestivi soccorsi, ma non potevano resistere a un lungo assedio. Scipione, dopo aver saputo della partenza degli eserciti da Durazzo, aveva portato le sue legioni a Larisa ; Pompeo non si trovava ancora vicino alla Tessaglia. Cesare, fortificato il campo, ordinò di preparare scale e gallerie coperte per un assalto improvviso, e dei graticci. Terminati i preparativi, nell'esortare i soldati spiega loro quanto vantaggio avrebbero ricavato, per alleviare la loro totale mancanza di tutto il necessario, dalla presa di una città così ricca e ben fornita, spaventando al tempo stesso le altre città con il suo esempio, e questo sarebbe dovuto accadere rapidamente, prima che arrivassero i soccorsi. Quindi, approfittando dello straordinario ardore dei soldati, il giorno stesso del suo arrivo , assalì verso l'ora nona la piazzaforte difesa da mura altissime, espugnandola prima del tramonto e abbandonandola al saccheggio dei soldati; subito dopo levò il campo e giunse a Metropoli prima che vi arrivasse la notizia della presa della città.