Versione di Cesare

Libro 3 - Par. 1

Traduzione della Versione "Libro 3 - Par. 1" di Cesare

Testo Originale Latino

Cum in Italiam proficisceretur Caesar, Ser. Galbam cum legione xii et parte equitatus in Nantuates, Veragros Sedunosque misit, qui a finibus Allobrogum et lacu Lemanno et flumine Rhodano ad summas Alpes pertinent. Causa mittendi fuit, quod iter per Alpes, quo magno cum periculo magnisque cum portoriis mercatores ire consueverant, patefieri volebat. Huic permisit, si opus esse arbitraretur, uti in his locis legionem hiemandi causa conlocaret. Galba secundis aliquot proeliis factis castellisque compluribus eorum expugnatis, missis ad eum undique legatis obsidibusque datis et pace facta constituit cohortes duas in Nantuatibus conlocare et ipse cum reliquis eius legionis cohortibus in vico Veragrorum qui appellatur Octodurus hiemare. Qui vicus positus in valle, non magna adiecta planitie, altissimis montibus undique continetur. Cum hic in duas partes flumine divideretur, alteram partem eius vici Gallis ad hiemandum concessit, alteram vacuam ab his relictam cohortibus attribuit. Eum locum vallo fossaque munivit.

Traduzione Italiana

Essendo partito per l’Italia, Cesare mandò Ser. Galba con la legione dodicesima e parte della cavalleria contro i Nantuati, i Veratri ed i Seduni, che si estendono dai territori degli Allobrogi e dal lago Lemanno e dal fiume Rodano alla sommità delle Alpi. Causa del mandarli fu che voleva che il passaggio attraverso le Alpi, dove con grande rischio e con grandi dogane i mercanti erano soliti passare, fosse aperto. A costui concesse, se pensasse ci fosse bisogno, che sistemasse la legione per svernare. Galba, fatti alcuni scontri favorevoli ed espugnate parecchie loro fortezze, inviati a lui ambasciatori da ogni parte e consegnati gli ostaggi e fatta la pace, stabilì di porre due coorti tra i Nantuati ed egli con le altre coorti di quella legione svernare nel cantone dei Veratri che si chiama Ottoduro. Questo cantone posto in una vallata, aggiuntavi una pianura non grande, è delimitato da ogni parte da altissimi monti. Poiché qui il fiume si divideva in due parti, concesse una parte di quel cantone ai Galli per svernare, l’altra lasciata libera da loro la concesse alle coorti. Quella postazione la fortifico di palizzata e fossato.