Versione di Cesare

Libro 3 - Par. 7

Traduzione della Versione "Libro 3 - Par. 7" di Cesare

Testo Originale Latino

His rebus gestis cum omnibus de causis Caesar pacatam Galliam existimaret, superatis Belgis, expulsis Germanis, victis in Alpibus Sedunis, atque ita inita hieme in Illyricum profectus esset, quod eas quoque nationes adire et regiones cognoscere volebat, subitum bellum in Gallia coortum est. Eius belli haec fuit causa: P. Crassus adulescens cum legione septima proximus mari in Andibus hiemarat. Is quod in his locis inopia frumenti erat, praefectos tribunosque militum complures in finitimas civitates frumenti commeatusque petendi causa dimisit; quo in numero est T. Terrasidius missus in Unellos Essuviosque, M. Trebius Gallus in Coriosolitas, Q. Velanius cum T. Sillio in Venetos.

Traduzione Italiana

Con queste imprese pensando Cesare che la Gallia fosse pacificata per tutte le ragioni, vinti i Belgi, cacciati i Germani, vinti i Seduni sulle Alpi e così essendo partito all’inizio dell’inverno per l’Illirico, perché anche quelle nazioni voleva incontrarle e conoscere le regioni, improvvisa sorse in Gallia una guerra. Questa fu la causa di quella guerra: P. Crasso il giovane aveva svernato con la settima legione vicino al mare tra gli Andi. Egli, poiché in quei luoghi c’era scarsità di frumento, inviò parecchi prefetti e tribuni dei soldati nelle nazioni confinanti per cercare frumento e vettovagliamento; in quel gruppo fu mandato T. Terrasidio dagli Unello e gli Essuvi, M. Trebio Gallo dai Coriosoliti, Q. Velanio con T. Sillio dai Veneti.