Versione di Cesare

Libro 5 - Par. 19

Traduzione della Versione "Libro 5 - Par. 19" di Cesare

Testo Originale Latino

Cassivellaunus ut supra demonstravimus omni deposita spe contentionis, dimissis amplioribus copiis, milibus circiter quattuor essedariorum relictis itinera nostra servabat paulumque ex via excedebat locisque impeditis ac silvestribus se occultabat atque iis regionibus, quibus nos iter facturos cognoverat, pecora atque homines ex agris in silvas compellebat et, cum equitatus noster liberius praedandi vastandique causa se in agros effunderet, omnibus viis semitisque notis essedarios ex silvis emittebat et magno cum periculo nostrorum equitum cum his confligebat atque hoc metu latius vagari prohibebat. Relinquebatur ut neque longius ab agmine legionum discedi Caesar pateretur et tantum agris vastandis incendiisque faciendis hostibus noceretur, quantum in labore atque itinere legionarii milites efficere poterant.

Traduzione Italiana

Cassivellauno, come dicemmo prima, deposta ogni speranza di contesa, congedate le truppe maggiori, lasciati circa quattro mila essedari, seguiva le nostre marce ed un poco s’allontanava dal percorso e si nascondeva in luoghi impervi e selvosi ed in quelle regioni, in cui aveva saputo che noi avremmo marciato, e cacciava mandrie ed uomini dai campi nelle selve e, quando la nostra cavalleria si spandeva troppo liberamente nei campi per devastare e predare, da tutte le strade e sentieri conosciuti mandava essedari dalle selve e con grande pericolo dei nostri cavalieri si scontrava con questi e con questa paura impediva di vagare più in largo. Restava che Cesare non permettesse di allontanarsi troppo dalla schiera delle legioni e si nuocesse ai nemici col devastare campi e fare incendi tanto, quanto i soldati legionari potevano realizzare durante la fatica e la marcia.