Versione di Cesare

Libro 5 - Par. 22

Traduzione della Versione "Libro 5 - Par. 22" di Cesare

Testo Originale Latino

Dum haec in his locis geruntur, Cassivellaunus ad Cantium, quod esse ad mare supra demonstravimus, quibus regionibus quattuor reges praeerant, Cingetorix Carvilius Taximagulus Segovax, nuntios mittit atque his imperat, uti coactis omnibus copiis castra navalia de improviso adoriantur atque oppugnent. Ii cum ad castra venissent, nostri eruptione facta multis eorum interfectis, capto etiam nobili duce Lugotorige suos incolumes reduxerunt. Cassivellaunus hoc proelio nuntiato, tot detrimentis acceptis, vastatis finibus, maxime etiam permotus defectione civitatum, legatos per Atrebatem Commium de deditione ad Caesarem mittit. Caesar, cum constituisset hiemare in continenti propter repentinos Galliae motus, neque multum aestatis superesset atque id facile extrahi posse intellegeret, obsides imperat, et quid in annos singulos vectigalis populo Romano Britannia penderet constituit; interdicit atque imperat Cassivellauno ne Mandubracio neu Trinovantibus noceat.

Traduzione Italiana

Mentre queste cose accadono in questi luoghi, Cassivellauno invia a Canzio, che dicemmo trovarsi sul mare, nelle regioni in cui comandavano quattro re, Cingetorige, Carvilio, Tassimagulo, Segovace, degli ambasciatori ed a questi ordina che radunate tutte le truppe assalgano gli accampamenti navali all’improvviso e li espugnino. Essendo essi giunti agli accampamenti, i nostri, fatta una sortita, uccisi molti di essi, catturato anche il nobile comandante Lugotorige, riportarono i loro incolumi. Cassivellauno, annunciato questo combattimento, ricevuti tanti danni, devastati i territori, soprattutto colpito dalla defezione delle nazioni, manda ambasciatori a Cesare per mezzo dell’atrebate Commio per la resa. Cesare avendo deciso di svernare nel continente a causa dei repentini movimenti della Gallia, e non restando molto dell’estate, e comprendendo e che ciò facilmente si poteva protrarre, ordina ostaggi e stabilisce quanto di tributo la Britannia pagasse nei singoli anni al popolo romano; minaccia e comanda a Cassivellauno di non nuocere a Mandubracio ed ai Trinovanti.