Versione di Cesare

Libro 6 - Par. 33

Traduzione della Versione "Libro 6 - Par. 33" di Cesare

Testo Originale Latino

Partito exercitu T. Labienum cum legionibus tribus ad Oceanum versus in eas partes, quae Menapios attingunt, proficisci iubet, C. Trebonium cum pari legionum numero ad eam regionem, quae Atuatucis adiacet, depopulandam mittit, ipse cum reliquis tribus ad flumen Scaldim, quod influit in Mosam, extremasque Arduennae partes ire constituit, quo cum paucis equitibus profectum Ambiorigem audiebat. Discedens post diem septimum sese reversurum confirmat, quam ad diem ei legioni, quae in praesidio relinquebatur, frumentum deberi sciebat. Labienum Treboniumque hortatur, si rei publicae commodo facere possint, ad eam diem revertantur, ut rursus communicato consilio exploratisque hostium rationibus aliud belli initium capere possint.

Traduzione Italiana

Diviso l’esercito ordina che T. Labieno parta con tre legioni per l’Oceano verso quelle parti, che toccano i Menapi, L. Trebonio con pari numero di legioni per quella regione, che giace vicino agli Atuatuci, lo manda a saccheggiare, egli decise di andare con le altre tre legioni presso il fiume Scheda, che sfocia nella Mosa ed alle parti estreme dell’Ardenna, dove sentiva (dire) essere partito Ambiorige con pochi cavalieri. Partendo assicura di ritornare entro il settimo giorno, data per la quale sapeva che si doveva il frumento a quella legione, che era rimasta a presidio. Esorta Labieno e Trebonio, se potessero farlo a vantaggio dello stato, di ritornare per quella data, perché, di nuovo riunito il consiglio ed esplorate le tattiche dei nemici potessero intraprendere un altro inizio di guerra.