Versione di Cesare

Libro 7 - Par. 52

Traduzione della Versione "Libro 7 - Par. 52" di Cesare

Testo Originale Latino

Postero die Caesar contione advocata temeritatem militum cupiditatemque reprehendit, quod sibi ipsi iudicavissent, quo procedendum aut quid agendum videretur, neque signo recipiendi dato constitissent neque a tribunis militum legatisque retineri potuissent. Exposuit quid iniquitas loci posset, quod ipse ad Avaricum sensisset, cum sine duce et sine equitatu deprehensis hostibus exploratam victoriam dimisisset, ne parvum modo detrimentum in contentione propter iniquitatem loci accideret. Quantopere eorum animi magnitudinem admiraretur, quos non castrorum munitiones, non altitudo montis, non murus oppidi tardare potuisset, tantopere licentiam arrogantiamque reprehendere, quod plus se quam imperatorem de victoria atque exitu rerum sentire existimarent; non minus se in milite modestiam et continentiam quam virtutem atque animi magnitudinem desiderare.

Traduzione Italiana

Il giorno dopo Cesare convocata l’assemblea rimproverò la temerarietà e la cupidigia dei soldati, perché essi stessi si erano indicati, dove sembrasse si dovesse avanzare e cosa si dovesse fare, e, dato il segnale di raccogliersi, non s’erano fermati e non si erano potuti trattenere dai tribuni dei soldati e dai legati. Espose cosa potesse l’avversità del luogo, di cui egli s’era accorto presso Avarico, quando, sorpresi i nemici senza comandante e senza cavalleria, aveva lasciata una vittoria assaporata, perché nello scontro non capitasse un danno pure piccolo per l’avversità del luogo. (Diceva che) quanto ammirava la grandezza del loro coraggio, loro che non aveva potuto fermare né le fortificazioni degli accampamenti, né l’altezza del monte, né il muro della città, altrettanto rimproverava la libertà e l’arroganza, perché ritenevano di saperne più del generale sulla vittoria e sull’esito delle cose; non di meno egli rimpiangeva nel soldato la moderazione ed il controllo che il valore e la grandezza d’animo.