Versione di Cesare

Libro 7 - Par. 59

Traduzione della Versione "Libro 7 - Par. 59" di Cesare

Testo Originale Latino

Iam Caesar a Gergovia discessisse audiebatur, iam de Haeduorum defectione et secundo Galliae motu rumores adferebantur, Gallique in conloquiis interclusum itinere et Ligeri Caesarem inopia frumenti coactum in provinciam contendisse confirmabant. Bellovaci autem defectione Haeduorum cognita, qui iam ante erant per se infideles, manus cogere atque aperte bellum parare coeperunt. Tum Labienus tanta rerum commutatione longe aliud sibi capiendum consilium, atque antea senserat, intellegebat neque iam, ut aliquid adquireret proelioque hostes lacesseret, sed ut incolumem exercitum Agedincum reduceret, cogitabat. Namque altera ex parte Bellovaci, quae civitas in Gallia maximam habet opinionem virtutis, instabant, alteram Camulogenus parato atque instructo exercitu tenebat; tum legiones a praesidio atque impedimentis interclusas maximum flumen distinebat. Tantis subito difficultatibus obiectis ab animi virtute auxilium petendum videbat.

Traduzione Italiana

Ormai si sentiva che Cesare era partito da Gergovia, ormai si riferivano voci sulla ribellione degli Edui e di un secondo moto della Gallia, ed i Galli nei discorsi assicuravano che Cesare era stato bloccato dalla marcia e dal (passaggio del)la Loira e costretto dalla fame si era diretto in provincia. I Bellovaci conosciuta la ribellione degli Edui, che da prima erano per se stessi non fidati, cominciarono a raccogliere squadre e preparare apertamente la guerra. Allora Labieno in così grande cambiamento di cose capiva che egli doveva intraprendere un piano molto diverso di come prima aveva pensato e non pensava più, di escogitare qualcosa e provocare i nemici allo scontro, ma di riportare l’esercito incolume ad Agedinco. Infatti da una parte i Bellovaci, nazione che in Gallia ha una grandissima fama di valore, incalzavano, Camulogeno teneva l’altra (parte), pronto e schierato l’esercito; inoltre un grandissimo fiume teneva separate le legioni dalla guarnigione e dalle salmerie. Presentatesi improvvisamente così gravi difficoltà vedeva che bisognava chiedere aiuto dal coraggio dell’animo.