Versione di Cesare

Libro 7 - Par. 75

Traduzione della Versione "Libro 7 - Par. 75" di Cesare

Testo Originale Latino

Dum haec ad Alesiam geruntur, Galli concilio principum indicto non omnes qui arma ferre possent, ut censuit Vercingetorix, convocandos statuunt, sed certum numerum cuique civitati imperandum, ne tanta multitudine confusa nec moderari nec discernere suos nec frumenti rationem habere possent. Imperant Haeduis atque eorum clientibus, Segusiavis, Ambivaretis, Aulercis, Brannovicibus [, Blannoviis] milia xxxv; parem numerum Arvernis adiunctis Eleutetis, Cadurcis, Gabalis, Vellaviis, qui sub imperio Arvernorum esse consuerunt; Sequanis, Senonibus, Biturigibus, Santonis, Rutenis, Carnutibus duodena milia; Bellovacis decem; totidem Lemovicibus; octona Pictonibus et Turonis et Parisiis et Helvetiis; sena Suessionibus, Ambianis, Mediomatricis, Petrocoriis, Nerviis, Morinis, Nitiobrogibus; quina milia Aulercis, Cenomanis; totidem Atrebatibus; iiii Veliocassis, Lexoviis et Aulercis; Eburovicibus terna; Rauracis et Bois bina; x milia universis civitatibus, quae Oceanum attingunt quaeque eorum consuetudine Aremoricae appellantur, quo sunt in numero Coriosolites, Redones, Ambibarii, Caletes, Osismi, Veneti. Ex his Bellovaci suum numerum non contulerunt, quod se suo nomine atque arbitrio cum Romanis bellum gesturos dicebant neque cuiusquam imperio obtemperaturos; rogati tamen a Commio pro eius hospitio duo milia una miserunt.

Traduzione Italiana

Mentre queste cose si compiono ad Alesia, i Galli indetta una assemblea di capi, stabiliscono che non si debbono convocare tutti quelli che potevano portare le armi, come pensò Vercingetorige, ma che bisognasse ordinare un preciso numero ad ogni nazione, perché, essendo confusa una così grande moltitudine, non potessero controllarla né riconoscere i propri né tenere la razione di frumento. Comandano a Edui e loro clienti, Segusiavi, Ambivareti, Aulerci, Brannovici , Brannovi 35 mila uomini; uguale numero ad Arverni aggiuntivi gli Eleuteti, Cadurci, Gabali, Vellavi, che eran soliti esser sotto il potere degli Arverni; a Sequani, Senoni, Biturigi, Santoni, Ruteni, Carnuti dodicimila; ai Bellovaci dieci; altrettanti ai Lemovici; otto a Pictoni e Turoni e Parisii ed Elvezi; sei a Suessioni, Ambiani, Mediomatrici, Petrocori, Nervii, Morini, Niziobrogi; cinque mila ad Aulerci, Cenomani; altrettanti ad Atrebati; quattro a Veliocassi, Lessovi ed Aulerci; tre agli Eburovici; a Rauraci e Boi due; 10 mila a tutte le nazioni, che toccano l’Oceano e che secondo la loro consuetudine si chiamano Aremorici, nel cui numero ci sono Coriosoliti, Redoni, Ambibari, Caleti, Osismi, Veneti. Tra questi i Bellovaci no portarono il loro numero, perché dicevano che essi avrebbero fatto guerra contro i Romani a proprio nome ed arbitrio e non avrebbero obbedito al comando di nessuno; tuttavia pregati da Commio per i suoi legami di ospitalità ne mandarono insieme due mila.