Versione di Cesare

Libro 7 - Par. 90

Traduzione della Versione "Libro 7 - Par. 90" di Cesare

Testo Originale Latino

His rebus confectis in Haeduos proficiscitur; civitatem recipit. Eo legati ab Arvernis missi: quae imperaret, se facturos pollicentur. Imperat magnum numerum obsidum. Legiones in hiberna mittit. Captivorum circiter xx milia Haeduis Arvernisque reddit. T. Labienum cum duabus legionibus et equitatu in Sequanos proficisci iubet; huic M. Sempronium Rutilum attribuit. C. Fabium legatum et L. Minucium Basilum cum legionibus duabus in Remis conlocat, ne quam a finitimis Bellovacis calamitatem accipiant. C. Antistium Reginum in Ambivaretos, T. Sextium in Bituriges, C. Caninium Rebilum in Rutenos cum singulis legionibus mittit. Q. Tullium Ciceronem et P. Sulpicium Cavilloni et Matiscone in Haeduis ad Ararim rei frumentariae causa conlocat. Ipse Bibracte hiemare constituit. Huius anni rebus cognitis Romae dierum viginti supplicatio redditur.

Traduzione Italiana

Concluse queste cose parte verso gli Edui; accetta (per la resa) la nazione.Lì arrivano ambasciatori mandati dagli Arverni: quello che comandava, promettono di farlo.Ordina un gran numero di ostaggi. Manda le legioni negli accampamenti invernali. Restituisce circa 20 mila prigionieri ad Edui e Arverni.Ordina che T. Labieno con due legioni e la cavalleria parta verso i Sequani; a questi affida M. Sempronio Rutilo. Dispone C. Fabio e L. Minucio Basilo con due legioni tra i Remi, perché non ricevano qualche danno dai vicini Bellovaci. Manda C. Antistio Regino tra gli Ambivareti, T. Sestio tra i Biturigi, C. Caninio Rebilo tra i Ruteni con una legione ciascuno. Dispone Q. Tullio Cicerone e P. Sulpicio a Cavillono ed a Matiscone presso l’Arar tra gli Edui per il vettovagliamento. egli decide di svernare a Bibratte. A Roma conosciute le cose di questo anno si offre un rendimento di grazie di venti giorni.