Versione di Cesare

Un censimento degli Elvezi

Traduzione della Versione "Un censimento degli Elvezi" di Cesare

Testo Originale Latino

In castris Helvetiorum tabulae repertae sunt litteris Graecis confectae, et ad Caesarem reportatae, quibus in tabulis nominatim ratio confecta erat, qui numerus domo excessisset eorum, qui arma gerere valerent, et item separatim pueri, senes mulieresque. Quarum omnium rerum summe erat capitum Helvetiorum milia CCLXIII, Tulingorum milia XXXVI, Latovicorum XIV, Rauracorum XXIII, Boiorum XXXII; ex his, qui arma gerere valerent, ad milia nonaginta duo. Summa omnium fuit ad milia CCCLXVIII. Eorum, qui domum reverterunt, census habitus est, ut Caesar imperaverat, atque repertus est numerus milium C et X.

Traduzione Italiana

Nell'accampamento degli Elvezi furono trovate, e vennero consegnate a Cesare, delle tavolette scritte in caratteri greci che contenevano la lista nominativa di tutti gli uomini atti alle armi, tra coloro che avevano Iasciato il paese. In una lista a parte erano elencati vecchi, donne e bambini. Dalla somma dei due elenchi risultavano: 263.000 Elvezi, 36.000 Tulingi, 14.000 Latobici, 23.000 Rauraci, 32.000 Boi; di questi, quelli atti alle armi erano circa 92.000. Il totale ammontava a circa 368.000 anime. Quelli che tornarono in patria, recensiti secondo gli ordini di Cesare, risultarono ammontare a 110.000 anime