Versione di Cicerone

Brutus 261

Traduzione della Versione "Brutus 261" di Cicerone

Testo Originale Latino

Caesar autem rationem adhibens consuetudinem vitiosam et corruptam pura et incorrupta consuetudine emendat. itaque cum ad hanc elegantiam verborum Latinorum--quae, etiam si orator non sis et sis ingenuus civis Romanus, tamen necessaria est--adiungit i lla oratoria ornamenta dicendi, tum videtur tamquam tabulas bene pictas conlocare in bono lumine. hanc cum habeat praecipuam laudem in communibus, non video cui debeat cedere. splendidam quandam minimeque veteratoriam rationem dicendi tenet, voce motu for ma etiam magnificam et generosam quodam modo.

Traduzione Italiana

Cesare invece applicando una norma razionale corregge l'uso scorretto e guasto con l'uso corretto e puro. Pertanto quando a questa eleganza di parole schiettamente latine, che anche se tu non sia oratore ma sia soltanto un libero cittadino romano è pur necessaria, egli aggiunge quegli ornamenti che la'rte suggerisce per abbellire il discorso, sembra, per cos' dire, ch'egli collochi bei quadri nella luce più favorevole. E poiché aggiunge questo pregio singolare alle doti che ha in comune con gli altri oratori, non vedo a chi possa essere considerato inferiore. Ha un'eloquenza splendida e non da mestierante, eloquenza cui la voce, il gesto, la sua stessa bellezza aggiungono maestà e nobiltà.