Versione di Cicerone

Libro 1, par. 5

Catilinarie di Cicerone, versione di latino tradotta: traduzione del libro I, paragrafo 5.

Testo Originale Latino

CATILINARIE DI CICERONE, VERSIONE DI LATINO TRADOTTA - TESTO LATINO. Castra sunt in Italia contra populum Romanum in Etruriae faucibus conlocata, crescit in dies singulos hostium numerus; eorum autem castrorum imperatorem ducemque hostium intra moenia atque adeo in senatu videmus intestinam aliquam cotidie perniciem rei publicae molientem. Si te iam, Catilina, comprehendi, si interfici iussero, credo, erit verendum mihi, ne non potius hoc omnes boni serius a me quam quisquam crudelius factum esse dicat. Verum ego hoc, quod iam pridem factum esse oportuit, certa de causa nondum adducor ut faciam. Tum denique interficiere, cum iam nemo tam inprobus, tam perditus, tam tui similis inveniri poterit, qui id non iure factum esse fateatur.

Traduzione Italiana

CATILINARIE DI CICERONE, VERSIONE DI LATINO - TRADUZIONE. In Italia sono stati posti accampamenti di armati contro la Repubblica,e precisamente alle soglie dell’Etruria;di giorno in giorno aumenta il numero dei nemici;vediamo entro le mura, e perfino in Senato, il creatore di quegli accampamenti ed il capo di quei nemici,che quotidianamente prepara interne rovine per la Repubblica.Comprendi,o Catilina,che se io dovessi ordinare che tu sia ucciso,credo che dovrei preoccuparmi che tutti gli onesti dicano che ciò sia stato fatto da me seriamente piuttosto che crudelmente.Tuttavia,ciò che era opportuno fosse fatto prima,non ancora sono sospinto a farlo in base ad una causa certa.Nessuno potrebbe dire che uccidere allora,quando non si trovò un uomo talmente falso,talmente perduto,talmente simile a te,fosse fatto illegalmente.Ma se ci sarà qualcuno che abbia il coraggio di difenderti,vivrai,e vivrai così come ora vivi.Circondato dai miei numerosi e forti presidii,non potresti muovere contro la Repubblica.Gli occhi e le orecchie di molti ,a tua insaputa,come finora hanno fatto,osserveranno e ricorderanno.