Versione di Cicerone

Libro 2, Par. 10

Traduzione della Versione "Libro 2, Par. 10" di Cicerone

Testo Originale Latino

Hunc vero si secuti erunt sui comites, si ex urbe exierint desperatorum hominum flagitiosi greges, o nos beatos, o rem publicam fortunatam, o praeclaram laudem consulatus mei! Non enim iam sunt mediocres hominum lubidines, non humanae ac tolerandae audaciae; nihil cogitant nisi caedem, nisi incendia, nisi rapinas. Patrimonia sua profuderunt, fortunas suas obligaverunt; res eos iam pridem deseruit, fides nuper deficere coepit; eadem tamen illa, quae erat in abundantia, lubido permanet. Quodsi in vino et alea comissationes solum et scorta quaererent, essent illi quidem desperandi, sed tamen essent ferendi; hoc vero quis ferre possit, inertes homines fortissimis viris insidiari, stultissimos prudentissimis, ebriosos sobriis, dormientis vigilantibus? qui mihi accubantes in conviviis conplexi mulieres inpudicas vino languidi, conferti cibo, sertis redimiti, unguentis obliti, debilitati stupris eructant sermonibus suis caedem bonorum atque urbis incendia.

Traduzione Italiana

Se i compagni lo avessero seguito ,se dalla città fosse uscito questo ammasso disonorevole di uomini disperati,o noi beati,o fortunata Repubblica,o illustre merito del mio consolato! Non hanno le normali cupidigie degli uomini,né le audacie umane e accettabili;non pensano se non a stragi,incendi,rapine.Dissiparono i loro patrimoni,vincolarono i loro beni;le sostanze dapprima li abbandonarono,poco dopo cominciò a mancare anche la fiducia;tuttavia quella che in loro abbondava,la libidine,permane.Ma se avessero solo gozzovigliato nel vino e nel gioco,rincorrendo le meretrici,essi sarebbero stati, sì, senza speranza,ma tuttavia sopportabili;viceversa chi potrebbe sopportare che uomini inerti tramino insidie a uomini fortissimi,uomini stoltissimi a uomini prudentissimi,uomini ubriachi a uomini sobri,uomini addormentati a uomini vigilanti? Proprio quelli che,commensali nei convivii,abbracciati a femmine impudiche,obnubilati dal vino,strapieni di cibo,unti di unguenti,debilitati dagli stupri,eruttano nei loro discorsi stragi di uomini perbene e incendi nella città.