Versione di Cicerone

Libro 2, Par. 16

Traduzione della Versione "Libro 2, Par. 16" di Cicerone

Testo Originale Latino

Quamquam isti, qui Catilinam Massiliam ire dictitant, non tam hoc queruntur quam verentur. Nemo est istorum tam misericors, qui illum non ad Manlium quam ad Massilienses ire malit. Ille autem, si mehercule hoc, quod agit, numquam antea cogitasset, tamen latrocinantem se interfici mallet quam exulem vivere. Nunc vero, cum ei nihil adhuc praeter ipsius voluntatem cogitationemque acciderit, nisi quod vivis nobis Roma profectus est, optemus potius, ut eat in exilium, quam queramur.

Traduzione Italiana

16. Benchè, costoro i quali vanno dicendo che Catilina è andato a Marsiglia,non tanto se ne lamentano ,quanto se ne spaventano.Nessuno di costoro è tanto misericordioso da preferire che sia andato non da Manlio,ma a Marsiglia.Egli stesso,per Ercole,se non avesse mai pensato prima che cosa fare,preferirebbe essere ucciso come ribelle piuttosto che vivere da esule.Ora,poiché a lui non è finora accaduto nulla al di fuori dei suoi propositi e della sua volontà,tranne che,lasciandoci vivi,è partito da Roma,preferiamo che vada in esilio piuttosto che lamentarcene.