Versione di Cicerone

Libro 2, Par. 23

Traduzione della Versione "Libro 2, Par. 23" di Cicerone

Testo Originale Latino

In his gregibus omnes aleatores, omnes adulteri, omnes inpuri inpudicique versantur. Hi pueri tam lepidi ac delicati non solum amare et amari neque saltare et cantare, sed etiam sicas vibrare et spargere venena didicerunt. Qui nisi exeunt, nisi pereunt, etiamsi Catilina perierit, scitote hoc in re publica seminarium Catilinarum futurum. Verum tamen quid sibi isti miseri volunt? num suas secum mulierculas sunt in castra ducturi? Quem ad modum autem illis carere poterunt, his praesertim iam noctibus? Quo autem pacto illi Appenninum atque illas pruinas ac nives perferent? nisi idcirco se facilius hiemem toleraturos putant, quod nudi in conviviis saltare didicerunt.

Traduzione Italiana

In questi gruppi si trovano tutti i biscazzieri,tutti gli adulteri,tutti gli impuri e gli impudichi.Questi giovani tanto perbene e delicati hanno appreso non solo ad amare ed essere amati,a danzare ed a cantare,ma anche a manovrar pugnali ed a spargere veleni.Se essi non vanno via,se non scompaiono,anche se Catilina perisse,sappiate che essi saranno,in questa Repubblica,un vivaio di Catiline.Ma che cosa vogliono questi disgraziati? Vorranno portare con sé negli accampamenti le loro donnaccole? In qual modo son potute a loro mancare,specialmente in queste notti? A qual prezzo essi sopporteranno le nevi ed i ghiacci dell’Appennino? A meno che non ritengano di poter sopportare più facilmente l’inverno che apprendere come danzare nudi nei convivii.