Versione di Cicerone

Libro 2, Par. 28

Traduzione della Versione "Libro 2, Par. 28" di Cicerone

Testo Originale Latino

Atque haec omnia sic agentur, Quirites, ut maxumae. res minimo motu, pericula summa nullo tumultu, bellum intestinum ac domesticum post hominum memoriam crudelissimum et maximum me uno togato duce et imperatore sedetur. Quod ego sic administrabo, Quirites, ut, si ullo modo fieri poterit, ne inprobus quidem quisquam in hac urbe poenam sui sceleris sufferat. Sed si vis manifestae audaciae, si inpendens patriae periculum me necessario de hac animi lenitate deduxerit, illud profecto perficiam, quod in tanto et tam insidioso bello vix optandum videtur, ut neque bonus quisquam intereat paucorumque poena vos omnes salvi esse possitis.

Traduzione Italiana

E così ,o Quiriti,stanno precisamente le cose.Con minori sommovimenti possibili,senza alcun tumulto, una guerra interna e domestica,a memoria d’uomo crudelissima e grave,sarà domata sotto la mia guida di condottiero togato e di comandante.Mi comporterò,o Quiriti,affinchè,nei limiti del possibile,nessun uomo indegno sconti in questa città la pena del suo delitto.Ma se la forza di un ardire temerario,se un pericolo incombente sulla Patria avrà cancellato questa generosità d’ animo,immediatamente mi attiverò affinchè,in una guerra così insidiosa,nessun uomo perbene perisca e,con la pena di pochi,voi tutti possiate esser salvi.