Versione di Cicerone

Libro 3, Par. 5

Traduzione della Versione "Libro 3, Par. 5" di Cicerone

Testo Originale Latino

Itaque hesterno die L. Flaccum et C. Pomptinum praetores, fortissimos atque amantissimos rei publicae viros, ad me vocavi, rem eui, quid fieri placeret, ostendi. Illi autem, qui omnia de re publica praeclara atque egregia sentirent, sine recusatione ac sine ulla mora negotium susceperunt et, cum advesperasceret, occulte ad pontem Mulvium pervenerunt atque ibi in proximis villis ita bipertito fuerunt, ut Tiberis inter eos et pons interesset. Eodem autem et ipsi sine cuiusquam suspicione multos fortis viros eduxerant, et ego ex praefectura Reatina complures delectos adulescentes, quorum opera utor adsidue in rei publicae praesidio, cum gladiis miseram. Interim tertia fere vigilia exacta cum iam pontem Mulvium magno comitatu legati Allobrogum ingredi inciperent unaque Volturcius, fit in eos impetus; educuntur et ab illis gladii et a nostris. Res praetoribus erat nota solis, ignorabatur a ceteris. Tum interventu Pomptini atque Flacci pugna, quae erat commissa, sedatur. Litterae, quaecumque erant in eo comitatu, integris signis praetoribus tradunturipsi comprehensi ad me, cum iam dilucesceret, deducuntur. Atque horum omnium scelerum inprobissimum machinatorem, Cimbrum Gabinium, statim ad me nihildum suspicantem vocavi; deinde item accersitus est L. Statilius et post eum C. Cethegus; tardissime autem Lentulus venit, credo quod in litteris dandis praeter consuetudinem proxima nocte vigilarat.

Traduzione Italiana

Perciò ieri chiamai presso di me i Pretori L.Flacco e C.Pomptino, uomini valorosissimi ed amanti della Repubblica, e indicai loro che cosa era da farsi.Quelli, che sentivano al massimo livello l’amor di Patria, senza esitazione e senza indugio accettarono l’incarico e, all’imbrunire, giunsero di nascosto a Ponte Milvio e lì, nella vicina campagna, si divisero in modo che il ponte sul Tevere si frapponesse tra loro.In quel luogo essi, senza destare sospetti, avevano condotto molti uomini valorosi;io, a mia volta, avevo mandato dalla Prefettura di Rieti, armati di spade, molti egregi giovani, della cui opera mi servo di continuo in difesa della Repubblica.Nel frattempo, allo scadere dell’ora terza, mentre i legati degli Allobrogi cominciavano in gran forza ad affluire verso Ponte Milvio, e con essi Volturcio, ci fu l’assalto contro di loro:vengono estratte le spade sia da loro che dai nostri.La vicenda era nota solo ai Pretori, era ignorata dagli altri.Allora, per l’intervento di Pomptino e di Flacco, la battaglia, appena cominciata, cessò.Le lettere, ovunque fossero fra quella gente, vengono consegnate con i sigilli intatti ai Pretori;e quelli, sul far dell’alba catturati e presentati a me, vengono condotti via.Poi chiamai subito a me l’infame orditore di tutti questi delitti, Cimbro Gabinio, che di nulla sospettava;e così si aggiunse L.Statilio e, dopo di lui, C.Cetego;molto più tardi giunse Lentulo che credo vigilasse, fuori della consuetudine, perché le lettere fossero consegnate nella notte successiva.