Versione di Cicerone

Libro 4, Par. 21

Traduzione della Versione "Libro 4, Par. 21" di Cicerone

Testo Originale Latino

Sit Scipio clarus ille, cuius consilio atque virtute Hannibal in Africam redire atque [ex] Italia decedere coactus est, ornetur alter eximia laude Africanus, qui duas urbes huic imperio infestissimas, Carthaginem Numantiamque, delevit, habeatur vir egregius Paulus ille, cuius currum rex potentissimus quondam et no bilissimus Perses honestavit, sit aeterna gloria Marius, qui bis Italiam obsidione et metu servitutis liberavit, anteponatur omnibus Pompeius, cuius res gestae atque virtutes isdem quibus solis cursus regionibus ac terminis continentur; erit profecto inter horum laudes aliquid loci nostrae gloriae, nisi forte maius est patefacere nobis provincias, quo exire possimus, quam curare, ut etiam illi, qui absunt, habeant, quo victores revertantur.

Traduzione Italiana

Ben sia illustre Scipione, per il cui impegno e valore. Annibale è stato costretto a tornare in Africa e ritirarsi dall’Italia; sia gratificato l’altro, l’Africano, che distrusse due città perniciosissime per il nostro impero, Cartagine e Numidia; sia stimato come uomo insigne quel Paolo, il cui carro fu arricchito da un re Persiano, già potentissimo e nobilissimo; sia eterna gloria a Mario che per ben due volte sottrasse l’ Italia all’assedio ed al timore della servitù; venga collocato in testa a tutti Pompeo, le cui imprese e virtù si sono esplicate in regioni delimitate soltanto dal decorso del sole; e ora, fra le lodi a quelli, sia fatto posto anche alla nostra gloria, a meno che, per avventura, non sia meglio spalancare per noi delle province, da cui possiamo essere cacciati, che agire in modo che anche quelli che ne manchino ne possano ottenere, per tornarvi da vincitori.