Versione di Cicerone

Paragrafo 16

Traduzione della Versione "Paragrafo 16" di Cicerone

Testo Originale Latino

FANNIUS: Istuc quidem, Laeli, ita necesse est. Sed quoniam amicitiae mentionem fecisti et sumus otiosi, pergratum mihi feceris, spero item Scaevolae, si quem ad modum soles de ceteris rebus, cum ex te quaeruntur, sic de amicitia disputaris quid sentias, qualem existimes, quae praecepta des. SCAEVOLA: Mihi vero erit gratum; atque id ipsum cum tecum agere conarer, Fannius antevertit. Quam ob rem utrique nostrum gratum admodum feceris.

Traduzione Italiana

FANNIO:Ma certo, Lelio, sarà senz'altro così. Poiché però hai accennato all'amicizia e siamo liberi da ogni occupazione, mi farai cosa graditissima, e spero anche a Scevola, se come di tutte le altre cose, quando ne sei richiesto, così tratterai dell'amicizia: quali siano le tue opinioni in proposito, di che natura la giudichi, che consigli su essa tu dia. SCEVOLA: Certo che mi farà piacere; eh, sì, quando io già tentavo di far con te questa medesima cosa, Fannio mi ha preceduto. Perciò farai grandissimo piacere a tutti e due.