Versione di Cicerone

Libro 1, Par. da 21 a 25

Traduzione della Versione "Libro 1, Par. da 21 a 25" di Cicerone

Testo Originale Latino

Paragrafo 21 42 Haec etiamsi ficta sunt a poeta non absunt tamen a consuetudine somniorum. Sit sane etiam illud commenticium quo Priamus est conturbatus quia "mater gravida parere se ardentem facem visa est in somnis Hecuba; quo facto pater rex ipse Priamus somnio mentis metu perculsus curis sumptus suspirantibus exsacrificabat hostiis balantibus. Tum coniecturam postulat pacem petens ut se edoceret obsecrans Apollinem quo sese vertant tantae sortes somnium. Ibi ex oraclo voce divina edidit Apollo: puerum primus Priamo qui foret postilla natus temperaret tollere: eum esse exitium Troiae pestem Pergamo." 43 Sint haec ut dixi somnia fabularum hisque adiungatur etiam Aeneae somnium quod nimirum in Fabi Pictoris Graecis annalibus eius modi est ut omnia quae ab Aenea gesta sunt quaeque illi acciderunt ea fuerint quae ei secundum quietem visa sunt. Paragrafo 22 Sed propiora videamus. Cuiusnam modi est Superbi Tarquini somnium de quo in Bruto Acci loquitur ipse? 44 "Quoniam quieti corpus nocturno impetu dedi sopore placans artus languidos visust in somnis pastor ad me appellere pecus lanigerum eximia pulchritudine; duos consanguineos arietes inde eligi praeclarioremque alterum immolare me; deinde eius germanum cornibus conitier in me arietare eoque ictu me ad casum dari; exim prostratum terra graviter saucium resupinum in caelo contueri maxumum ac mirificum facinus: dextrorsum orbem flammeum radiatum solis liquier cursu novo." 45 Eius igitur somnii a coniectoribus quae sit interpretatio facta videamus: "Rex quae in vita usurpant homines cogitant curant vident quaeque agunt vigilantes agitantque ea si cui in somno accidunt minus mirandum est; sed in re tanta haud temere visa se offerunt. Proin vide ne quem tu esse hebetem deputes aeque ac pecus is sapientia munitum pectus egregium gerat teque regno expellat; nam id quod de sole ostentum est tibi populo commutationem rerum portendit fore perpropinquam. Haec bene verruncent populo! Nam quod ad dexteram cepit cursum ab laeva signum praepotens pulcherrume auguratum est rem Romanam publicam summam fore." Paragrafo 23 46 Age nunc ad externa redeamus. Matrem Phalaridis scribit Ponticus Heraclides doctus vir auditor et discipulus Platonis visam esse videre in somnis simulacra deorum quae ipsa domi consecravisset; ex iis Mercurium e patera quam dextera manu teneret sanguinem visum esse fundere; qui cum terram attigisset refervescere videretur sic ut tota domus sanguine redundaret. Quod matris somnium immanis filii crudelitas comprobavit. Quid ego quae magi Cyro illi principi interpretati sint ex Dinonis Persicis fibris proferam? Nam cum dormienti ei sol ad pedes visus esset ter eum scribit frustra adpetivisse manibus cum se convolvens sol elaberetur et abiret; ei magos dixisse quod genus sapientium et doctorum habebatur in Persis ex triplici adpetitione solis triginta annos Cyrum regnaturum esse portendi. Quod ita contigit; nam ad septuagesimum pervenit cum quadraginta natus annos regnare coepisset. 47 Est profecto quiddam etiam in barbaris gentibus praesentiens atque divinans siquidem ad mortem proficiscens Cafianus Indus cum inscenderet in rogum ardentem "O praeclarum discessum" inquit "e vita cum ut Herculi contigit mortali corpore cremato in lucem animus excesserit! " Cumque Alexander eum rogaret si quid vellet ut diceret " Optume " inquit; " propediem te videbo. " Quod ita contigit; nam Babylone paucis post diebus Alexander est mortuus. Discedo parumper a somniis ad quae mox revertar. Qua nocte templum Ephesiae Dianae deflagravit eadem constat ex Olympiade natum esse Alexandrum atque ubi lucere coepisset clamitasse magos pestem ac perniciem Asiae proxuma nocte natam. Paragrafo 24 48 Haec de Indis et magis; redeamus ad somnia. Hannibalem Coelius scribit cum columnam auream quae esset in fano Iunonis Laciniae auferre vellet dubitaretque utrum ea solida esset an extrinsecus inaurata perterebravisse cumque solidam invenisset statuisse tollere. Ei secundum quietem visam esse Iunonem praedicere ne id faceret minarique si fecisset se curaturam ut eum quoque oculum quo bene videret amitteret; idque ab homine acuto non esso neglectum; itaque ex eo auro quod exterebratum esset buculam curasse faciendam et eam in summa columna conlocavisse. 49 Hoc item in Sileni quem Coelius sequitur Graeca historia est (is autem diligentissume res Hannibalis persecutus est): Hannibalem cum cepisset Saguntum visum esse in somnis a Iove in deorum concilium vocari; quo cum venisset Iovem imperavisse ut Italiae bellum inferret ducemque ei unum e concilio datum quo illum utentem cum exercitu progredi coepisse; tum ei ducem illum praecepisse ne respiceret; illum autem id diutius facere non potuisse elatumque cupiditate respexisse; tum visam beluam vastam et immanem circumplicatam serpentibus quacumque incederet omnia arbusta virgulta tecta pervertere et eum admiratum quaesisse de deo quodnam illud esset tale monstrum et deum respondisse vastitatem esse Italiae praecepisseque ut pergeret protinus quid retro atque a tergo fieret ne laboraret. 50 Apud Agathoclem scriptum in historia est Hamilcarem Karthaginiensem cum oppugnaret Syracusas visum esse audire vocem se postridie cenaturum Syracusis; cum autem is dies inluxisset magnam seditionem in castris eius inter Poenos et Siculos milites esse factam; quod cum sensissent Syracusani improviso eos in castra inrupisse Hamilcaremque ab iis vivum esse sublatum: ita res somnium comprobavit. Plena exemplorum est historia tum referta vita communis. 51 At vero P. Decius ille Quinti filius qui primus e Deciis consul fuit cum esset tribunus militum M. Valerio A. Cornelio consulibus a Samnitibusque premeretur noster exercitus cum pericula proeliorum iniret audacius monereturque ut cautior esset dixit quod exstat in annalibus sibi in somnis visum esse cum in mediis hostibus versaretur occidere cum maxuma gloria. Et tum quidem incolumis exercitum obsidione liberavit; post triennium autem cum consul esset devovit se et in aciem Latinorum inrupit armatus. Quo eius facto superati sunt et deleti Latini. Cuius mors ita gloriosa fuit ut eandem concupisceret filius. Paragrafo 25 52 Sed veniamus nunc si placet ad somnia philosophorum. Est apud Platonem Socrates cum esset in custodia publica dicens Critoni suo familiari sibi post tertium die esse moriendum; vidisse se in somnis pulchritudine eximia feminam quae se nomine appellans diceret Homericum quendam eius modi versum: "Tertia te Phthiae tempestas laeta locabit." quod ut est dictum sic scribitur contigisse. Xenophon Socraticus (qui vir et quantus!) in ea militia qua cum Cyro minor perfunctus est sua scribit somnia quorum eventus mirabile exstiterunt. 53 Mentiri Xenophontem an delirare dicemus? Quid singolari vir ingenio Aristoteles et paene divino ipsene errat an alios vult errare cum scribit Eudemum Cyprium familiarem suum iter in Macedoniam facientem Pheras venis se quae erat urbs in Thessalia tum admodum nobilis ab Alexandro autem tyranno crudeli dominatu tenebatur; in igitur oppido ita graviter aegrum Eudemum fuisse ut omne medici diffiderent; ei visum in quiete egregia facie iuvenem dicere fore ut perbrevi convalesceret paucisque diebus interiturum Alexandrum tyrannum ipsum autem Eudemum quinquennio post domum esse rediturum. Atque ita quidem prima statim scribit Aristoteles consecuta: et convaluisse Eudemum et ab uxoris fratribus interfectum tyrannum; quinto autem anno exeunte cum esset spes ex illo somnio in Cyprum illum ex Sicilia esse rediturum proeliantem eum ad Syracusas occidisse; ex quo ita illud somnium esse interpretatum ut cum animus Eudemi e corpore excesserit tum domum revertisse videatur. 54 Adiungamus philosophis doctissimum hominem poëtam quidem divinum Sophoclem; qui cum aede Herculis patera aurea gravis subrepta esset in somni vidit ipsum deum dicentem qui id fecisset. Quod semel ille iterumque neglexit. Ubi idem saepius ascendit in Ariu pagum detulit rem; Areopagitae comprehendi iubent eum qui a Sophocle erat nominatus; is quaestione adhibita confessus est pateramque rettulit. Quo facto fanum illud Indicis Herculis nominatum est.

Traduzione Italiana

Paragrafo 21 42. Anche se tutto ciò è invenzione poetica, non si discosta da tanti altri tipi di sogni realmente accaduti. Ammettiamo pure che sia inventato quel sogno dal quale Priamo rimase turbato, perché "la madre, Ecuba, mentre era incinta, sognò che partoriva una fiaccola ardente. In seguito a ciò il padre, il re Priamo in persona, preso da timore in cuor suo per questo sogno, afflitto da ansie che si effondevano in sospiri, compiva sacrifici di vittime belanti. Quindi, implorando pace, chiede un responso, scongiura Apollo di fargli sapere a che cosa accennino presagi di sogni così gravi. Allora con voce divina Apollo rispose dall'oracolo: il bambino che per primo nascesse tra breve a Priamo, si guardasse bene dall'allevarlo: sarebbe stato rovina a Troia, sciagura a Pergamo." 43. Ammettiamo pure, ripeto, che queste siano leggende immaginarie, e ad esse aggiungiamo anche il sogno di Enea, che, come ben sai, negli Annali scritti in greco da Fabio Pittore è narrato in modo che tutto ciò che fu poi compiuto da Enea e che gli accadde corrisponda esattamente alle cose a lui apparse mentre era immerso nel sonno. Paragrafo 22 Ma vediamo eventi meno remoti. Che dire del sogno di Tarquinio il Superbo, che egli stesso narra nel Bruto di Accio? 44. "Dopo che, al cadere della notte, ebbi abbandonato il corpo al sonno, rilasciando nel sopore le membra stanche, mi apparve in sogno un pastore che spingeva verso di me un gregge lanoso di straordinaria bellezza; mi pareva che da quel gregge venissero scelti due arieti consanguinei e che io immolassi il più imponente dei due; poi il fratello dell'ucciso puntava le corna, si avventava per colpirmi e con quell'urto mi abbatteva. Io allora, prostrato a terra, gravemente ferito, alzavo supino gli occhi al cielo e vedevo un fatto immenso e straordinario: il disco fiammeggiante del sole, effondendo i suoi raggi, si dileguava verso destra invertendo il suo cammino nel cielo." 45. Ebbene, vediamo quale fu l'interpretazione di quel sogno da parte degl'indovini: "O re, le cose che nella vita gli uomini sogliono fare, le cose che pensano, curano, vedono, e che da svegli compiono e alle quali s'affaccendano, non c'è da meravigliarsi se accadono a qualcuno in sogno; ma in una circostanza così straordinaria non senza motivo le visioni si presentano. Sta dunque attento, che colui che tu stimi sciocco al pari di una bestia, non abbia una mente munita di ingegno, al di sopra del gregge, e non ti sbalzi dal trono. Ché quello che ti è apparso riguardo al sole, dimostra che avverrà per il popolo un mutamento assai vicino nel tempo. Possa tutto ciò volgersi in bene per il popolo! Il fatto che l'astro più potente abbia intrapreso il suo corso verso destra da sinistra, è un faustissimo augurio che lo Stato romano sarà eccelso." Paragrafo 23 46. Ebbene, torniamo ora a fatti di paesi stranieri. Eraclìde Pontico, uomo dotto, uditore e allievo di Platone, scrive che alla madre di Falàride sembrò di vedere in sogno le immagini degli dèi che essa stessa aveva consacrato nella sua casa. Una di queste, l'immagine di Mercurio, sembrava versasse del sangue dalla coppa che teneva con la mano destra; appena aveva toccato terra, il sangue ribolliva, sì che tutta la casa era un lago di sangue. Questo sogno della madre fu confermato dall'efferata crudeltà del figlio. C'è bisogno che io citi dai Libri persiani di Dinone la profezia che i maghi rivelarono a Ciro, quel famoso antico re? Scrive Dinone che, in sogno, parve a Ciro che il sole gli si posasse ai piedi; tre volte Ciro cercò di toccarlo con le mani, ma invano: il sole, girando su se stesso, gli sfuggiva e si allontanava. I maghi - venerati in Persia come una stirpe di sapienti e di dotti - da questo triplice tentativo di afferrare il sole trassero la profezia che Ciro avrebbe regnato per trent'anni. E così avvenne: giunse fino all'età di settant'anni, e il suo regno incominciò quando ne aveva quaranta. 47. C'è senza dubbio anche nei popoli barbari una capacità di presentimento e di divinazione. L'indiano Callano, recandosi alla morte, nell'atto di salire sul rogo ardente, esclamò: "Oh, splendida separazione dalla vita! Come accadde a Ercole, dopo che sarà incenerito questo corpo mortale, la mia anima ascenderà al regno della luce." E siccome Alessandro gli chiese di dire se desiderava qualcosa prima di morire, egli rispose: "Grazie: fra poco ti rivedrò." E così avvenne: pochi giorni dopo Alessandro morì a Babilonia. Mi sto allontanando per un poco dai sogni, ai quali presto ritornerò. Si sa che, nella stessa notte in cui fu distrutto dalle fiamme il tempio di Diana Efesia, Olimpiade diede alla luce Alessandro, e appena si fece giorno i maghi si misero a gridare che nella notte allora trascorsa era nata la rovina, la sciagura per l'Asia. Paragrafo 24 48. Basti ciò quanto agli indiani e ai maghi; ritorniamo ai sogni. Celio Antipatro scrive che Annibale, desideroso di portar via una colonna d'oro che si trovava nel tempio di Giunone Lacinia, ma dubbioso se fosse d'oro massiccio o soltanto dorata all'esterno, la fece trapanare e, accertatosi che era tutta d'oro, decise di asportarla. Durante il sonno gli apparve Giunone e lo ammonì a non farlo, minacciandolo che, se l'avesse fatto, essa gli avrebbe fatto perdere anche l'unico occhio con cui vedeva bene. Quell'uomo sagace non trascurò l'ammonimento e, con quella parte d'oro che era stata tolta nella trapanazione, fece fare una piccola effigie d'una giovenca e la fece collocare in cima alla colonna. 49. Un altro episodio è riferito nella storia, scritta in greco, di Sileno, da cui lo attinse Celio (Sileno narrò con grande accuratezza le imprese di Annibale). Dopo la presa di Sagunto, Annibale sognò che era chiamato da Giove nel concilio degli dèi. Giunto là, si sentì ordinare da Giove di portar guerra all'Italia, e gli venne dato come guida un dio del concilio. Seguendo le indicazioni di costui, incominciò a mettersi in marcia con l'esercito. Quel dio, allora, gli ordinò di non voltarsi a guardare indietro. Ma Annibale non riuscì a resistere a lungo, e, cedendo alla voglia di vedere, si voltò. Vide una belva enorme e orrenda, cinta da serpenti, la quale, dove passava, abbatteva ogni albero, ogni virgulto, ogni casa. Annibale, stupefatto, chiese al dio che lo guidava che significava un mostro di quella sorta; e il dio rispose che quella era la devastazione dell'Italia e gli ordinò di continuare il cammino, senza curarsi di ciò che avveniva dietro, alle sue spalle. 50. Nella Storia di Agatocle si legge che ad Amilcare cartaginese, mentre assediava Siracusa, parve di udire una voce che gli diceva: "Domani cenerai a Siracusa." Appena spuntata l'alba del giorno dopo, nel suo accampamento sorse una grande rissa fra i soldati cartaginesi e quelli siculi. I siracusani se ne accorsero, fecero un'irruzione improvvisa nell'accampamento e presero vivo Amilcare: così i fatti confermarono la verità del sogno. Di esempi analoghi è piena la storia, è addirittura ricolma la vita quotidiana. 51. Esempio più illustre che mai, Publio Decio figlio di Quinto, il primo della famiglia dei Decii che fu eletto console, quando era tribuno militare sotto i consoli Marco Valerio e Aulo Cornelio e il nostro esercito era incalzato dai Sanniti, poiché affrontava con eccessiva temerità i pericoli del combattimento e lo ammonivano a esser più prudente, disse - lo narrano le storie - che in sogno gli era parso di affrontare una morte gloriosissima nel folto della mischia. E quella volta rimase incolume e liberò l'esercito dalla morsa dei Sanniti; ma tre anni dopo, quando fu console, offrì se stesso in sacrificio agli dèi e, indossate le armi, si lanciò contro l'esercito dei Latini. Grazie al suo impeto, i Latini furono sconfitti e annientati; e la sua morte fu così gloriosa, che suo figlio volle incontrarne una uguale. Paragrafo 25 52. Ma, se sei d'accordo, passiamo ai sogni dei filosofi. Si legge in Platone che Socrate, trovandosi in carcere, disse al suo amico Critone che gli sarebbe toccato di morire tre giorni dopo: aveva visto in sogno una donna bellissima che, chiamatolo per nome, gli aveva detto un verso press'a poco così, simile a uno di Omero: "Il terzo giorno di bel tempo ti farà giungere a Ftia." E si trova scritto che ciò accadde proprio come era stato detto. Senofonte, discepolo di Socrate (che uomo e di quanto valore!), nel racconto dell'impresa militare che compì sotto Ciro il Giovane, riferisce i suoi sogni, che mirabilmente si avverarono. 53. Diremo che Senofonte dice il falso o è fuori di senno? E Aristotele, uomo d'ingegno eccezionale e direi quasi divino, s'inganna o vuole ingannare gli altri quando narra l'episodio che ora riferirò? Eudemo di Cipro, suo intimo amico, durante un viaggio verso la Macedonia, arrivò a Fere, città della Tessaglia, assai rinomata a quei tempi, ma oppressa dalla feroce tirannide di Alessandro. In quella città, dunque, Eudemo si ammalò così gravemente, che tutti i medici disperarono della sua salvezza. Gli apparve in sogno un giovane di bellissimo aspetto, e gli disse che di lì a poco sarebbe guarito, che entro alcuni giorni il tiranno Alessandro sarebbe morto, e lui, Eudemo, sarebbe ritornato in patria dopo cinque anni. Scrive Aristotele che i primi eventi accaddero subito: Eudemo guarì, il tiranno fu ucciso dai fratelli di sua moglie. Verso la fine del quinto anno, poi, quando quel sogno dava a Eudemo la speranza che dalla Sicilia sarebbe ritornato a Cipro, egli cadde in combattimento sotto le mura di Siracusa. Il sogno, quindi, fu interpretato nel senso che l'anima di Eudemo, liberatasi dal corpo, era ritornata alla sua vera patria. 54. Ai filosofi aggiungiamo un uomo dottissimo, Sofocle, poeta davvero divino. Era stata sottratta dal tempio di Ercole una coppa d'oro massiccio. Sofocle, in sogno, vide proprio Ercole che gli disse chi aveva commesso il furto. Una prima e una seconda volta non si curò del sogno. Ma poiché la stessa apparizione si ripeteva, salì all'Areòpago e denunciò il fatto. Gli Areopagiti ordinarono che fosse arrestato quel tale di cui Sofocle aveva fatto il nome; costui, sottoposto a interrogatorio, confessò e restituì la coppa. In seguito a ciò quel tempio fu chiamato il tempio di Ercole Rivelatore.