Versione di Cicerone

Libro 1, Par. da 6 a 10

Traduzione della Versione "Libro 1, Par. da 6 a 10" di Cicerone

Testo Originale Latino

Paragrafo 6 10 "Arcem tu quidem Stoicorum" inquam "Quinte defendis siquidem ista sic reciprocantur ut et si divinatio sit di sint et si di sint sit divinatio. Quorum neutrum tam facile quam tu arbitraria conceditur. Nam et natura significari futura sine deo possunt et ut sint di potest fieri ut nulla ab iis divinatio generi humano tributa sit." Atque ille: "Mihi vero" inquit "satis est argomenti et esse deos et eos consulere rebus humanis quod esse clara et perspicua divinationis genera iudico. De quibus quid ipse sentiam si placet exponam ita tamen si vacas animo neque habes aliquid quod huic sermoni praevertendum putes." 11 "Ego vero" inquam "philosophiae Quinte semper vaco; hoc autem tempore cum sit nihil aliud quod lubenter agere possim multo magis aveo audire de divinatione quid sentias." "Nihil" inquit "equidem novi nec quod praeter ceteros ipse sentiam; nam cum antiquissimam sententiam tum omnium populorum et gentium consensu comprobatam sequor. Duo sunt enim divinandi genera quorum alterum artis est alterum naturae. 12 Quae est autem gens aut quae civitas quae non aut extispicum aut monstra aut fulgora interpretantium aut augurum aut astrologorum aut sortium (ea enim fere artis sunt) aut somniorum aut vatìcinationum (haec enim duo naturale putantur) praedictione moveatur? Quarum quidem rerum eventa magis arbitror quam causas quaeri oportere. Est enim vis et natura quaedam quae tum observatis longo tempore significationibus tum aliquo instinctu inflatuque divino futura praenuntiat. Paragrafo 7 Quare omittat urguere Carneades quod faciebat etiam Panaetius requirens Iuppiterne cornicem a laeva corvum ab dextera canere iussisset. Observata sunt haec tempore immenso et [in significatione eventus] animadversa et notata. Nihil est autem quod non longinquitas temporum excipiente memoria prodendisque monumentis efficere atque adsequi possit. 13 Mirari licet quae sint animadversa a medicis herbarum genera quae radicum ad morsus bestiarum ad oculorum morbos ad vulnera quorum vini atque naturam ratio numquam explicavit utilitate et ars est et inventor probatus. Age ea quae quamquam ex alio genere sunt tamen divinationi sunt similiora videamus: "Atque etiam ventos praemonstrat saepe futuros inflatum mare cum subito penitusque tumescit saxaque cana salis niveo spumata liquore tristificas certant Neptuno reddere voces aut densus stridor cum celso e vertice montis ortus adaugescit scopulorum saepe repulsus." Paragrafo 8 Atque his rerum praesensionibus Prognostica tua referta sunt. Quis igitur elicere causas praesensionum potest? Etsi video Boëthum Stoicum esse conatum qui hactenus aliquid egit ut earum rationem rerum explicaret quae in mari caelove fierent. 14 Illa vero cur eveniant quis probabiliter dixerit? "Cana fulix itidem fugiens e gurgite ponti nuntiat horribilis clamans instare procellas haud modicos tremulo fundens e guttere cantus. Saepe etiam pertriste canit de pectore carmen et matutinis acredula vocibus instat vocibus instat et adsiduas iacit ore querellas cum primum gelidos rores aurora remittit; fuscaque non numquam cursans per litora cornix demersit caput et fluctum cervice recepit." Paragrafo 9 15 Videmus haec signa numquam fere ementientia nec tamen cur ita fiat videmus. "Vos quoque signa videtis aquai dulcis alumnae cum clamore paratis inanis fundere voces absurdoque sono fontis et stagna cietis." Quis est qui ranunculos hoc videre suspicari possit? Sed inest in ranunculis vis et natura quaedam significans aliquid per se ipsa satis certa cognitioni autem hominum obscurior. "Mollipedesque boves spectantes lumina caeli naribus umiferum duxere ex aëre sucum." Non quaero cur quoniam quid eveniat intellego. "lam vero semper viridis semperque gravata lentiscus triplici solita grandescere fetu ter fruges fundens tria tempora monstrat arandi." 16 Ne hoc quidem quaero cur haec arbor una ter fioreat aut cur arandi maturitatem ad signum floris accommodet; hoc sum contentus quod etiamsi cur quidque fiat ignorem quid fiat intellego. Pro omni igitur divinatione idem quod pro rebus iis quas commemoravi respondebo. Paragrafo 10 Quid scammoneae radix ad purgandum quid aristolochia ad morsus serpentium possit quae nomen ex inventore repperit rem ipsam inventor ex somnio - posse video quod satis est; cur possit nescio. Sic ventorum et imbrium signa quae dixi rationem quam habeant non satis perspicio; vim et eventum agnosco scio adprobo. Similiter quid fissum in extis quid fibra valeat accipio; quae causa sit nescio. Atque horum quidem plena vita est; extis enim omnes fere utuntur. Quid? de fulgurum vi dubitare num possumus? Nonne cum multa alia mirabilia tum illud in primis: cum Summanus in fastigio Iovis optumi maxumi qui tum erat fictilis e caelo ictus esset nec usquam eius simulacri caput inveniretur haruspices in Tiberim id depulsum esse dixerunt idque inventum est eo loco qui est ab haruspicibus demonstratus.

Traduzione Italiana

Paragrafo 6 10. «Tu difendi la roccaforte degli Stoici, Quinto,» io risposi, «se davvero c'è reciproca dipendenza tra questi due enunciati; se c'è la divinazione, ci sono gli dèi, e se gli dèi ci sono, c'è la divinazione. Ma né l'uno né l'altro enunciato vien dato per vero con tanta facilità quanto tu credi. Da un lato, il futuro può essere indicato da eventi naturali, senza l'intervento della divinità; dall'altro, anche ammesso che gli dèi esistano, può darsi che essi non abbiano concesso al genere umano alcuna capacità di divinazione. » E Quinto: «Ma il fatto stesso che vi siano generi di divinazione chiari ed evidenti, a mio giudizio costituisce una prova sufficiente dell'esistenza degli dèi e della loro provvidenza nei riguardi delle cose umane. Ti esporrò volentieri il mio parere su tutto ciò, a patto che tu sia libero da altre occupazioni e non abbia qualcosa da preferire a questa nostra conversazione.» 11. «Per la filosofia,» risposi, «io ho sempre l'animo ben disposto, caro Quinto; e poiché adesso non ho nient'altro a cui possa dedicarmi volentieri, tanto più sono desideroso di sentire il tuo parere sulla divinazione.» «Non dirò nulla di nuovo,» incominciò Quinto, «né opinioni mie divergenti da quelle altrui: io seguo una dottrina antichissima e, per di più, confermata dal consenso di tutti i popoli e di tutte le genti. Due sono i generi di divinazione, l'uno che riguarda l'arte, l'altro la natura. 12. Quale popolo c'è, d'altronde, o quale città, che non rimanga impressionata dalla predizione degli indagatori delle viscere di animali o degli interpreti dei prodìgi e dei lampi o degli àuguri o degli astrologi o di coloro che estraggono le sorti (questi che ho elencato si riferiscono all'arte), ovvero dai presagi dei sogni e delle grida profetiche (questi due si considerano naturali)? Io credo che di tutto ciò vadano indagati i risultati piuttosto che le cause. C'è, difatti, una dote naturale che, o dopo lunga osservazione degl'indizi profetici, o per qualche istinto e ispirazione di origine divina, preannuncia il futuro. Paragrafo 7 La smetta perciò Carneade di provocarci (come faceva anche Panezio) chiedendosi se è stato Giove a ordinare alla cornacchia di gracidare da sinistra, al corvo da destra. Questi fenomeni sono stati osservati da tempo infinito, si è tenuto conto di ciò che accadeva dopo che si erano manifestati certi segni. Del resto, non c'è nulla che, nel lungo scorrere del tempo, non possa essere chiarito e messo in evidenza mediante il ricordo dei fatti e la consultazione dei documenti scritti. 13. È lecito constatare con lieta meraviglia quali specie di erbe e di radici atte a curare le morsicature delle bestie, le malattie degli occhi, le ferite, siano state scoperte dai medici, senza che la ragione abbia mai spiegato il motivo della loro efficacia: eppure la loro utilità ha dato credito all'arte medica e allo scopritore. Osserviamo un po' quei fenomeni che, pur appartenendo a un genere diverso, sono tuttavia alquanto affini alla divinazione: «E anche il mare gonfio indica spesso l'appressarsi dei venti, quando all'improvviso e fin dal profondo si solleva, e gli scogli biancheggianti, battuti dalla spuma nivea dell'acqua salata, gareggiano con Nettuno nel mandar lugubri voci, o quando un fitto stridore, proveniente dall'alta vetta d'un monte, si accresce, respinto indietro dalla barriera degli scogli.» Paragrafo 8 Di questi presagi sono pieni i tuoi "Prognostica". Ebbene, chi potrebbe scoprire le cause dei presagi? Vero è che lo ha tentato, a quel che vedo, lo stoico Boeto, il quale riuscì in parte a spiegare i fenomeni marini e celesti. 14. Ma chi saprebbe dire con qualche probabilità di certezza il perché avvengano questi altri fatti? "Del pari la grigia fòlaga, fuggendo dal gorgo profondo del mare, col suo grido annunzia che incombono orribili tempeste, ed effonde dalla tremula gola alte voci. Spesso anche l'acrèdula fa sgorgare dal petto una nenia tristissima e persiste nel suo canto mattutino: persiste nel suo canto e lancia dalla bocca continui lamenti, appena l'aurora fa cadere la fredda rugiada. E non di rado la nera cornacchia, scorazzando per la spiaggia, immerge la testa e fa spruzzare i flutti sul collo." Paragrafo 9 15. Vediamo che questi indizi non si smentiscono quasi mai, eppure non sappiamo perché ciò accada."Anche voi, nutrite di acqua dolce, vedete i segni della tempesta, quando vi apprestate a lanciare vani richiami a gran voce, e con stridule grida turbate le fonti e gli stagni." Chi potrebbe immaginare che le ranocchie prevedano la tempesta? Ma è insito nelle ranocchie un potere di presagire qualcosa: un potere difficilmente negabile in quanto tale, anche se non ben comprensibile alla ragione umana. "E i buoi che incedono lenti, con lo sguardo rivolto al cielo luminoso, aspirano dalle narici l'umido vapore dell'aria." Non domando il perché, dal momento che constato che il presagio si avvera. "Inoltre, sempre verde e sempre carico di bacche, il lentisco, che è solito arricchirsi di un triplice frutto, tre volte spandendo intorno la sua messe preannuncia i tre tempi dell'aratura." 16. Nemmeno questo chiedo, perché quel solo albero fiorisca tre volte o perché con la fioritura indichi che è tempo di arare; mi accontento di sapere che cosa accada, pur ignorando perché accada. In difesa di ogni genere di divinazione, dunque, darò la stessa risposta che ho dato per quei presagi che ho menzionato. Paragrafo 10 Quale utilità ha la radice del Convolvolo come purgante, quale efficacia ha l'Aristolochia contro il morso dei serpenti? (questa pianta si chiama così dal nome del suo scopritore, il quale la trovò in seguito a un sogno); io vedo che ciò è possibile, e mi basta; perché sia possibile, non so. Allo stesso modo non sono in grado di capir bene a quale legge razionale obbediscano i segni annunciatori dei venti e delle piogge, di cui ho parlato prima; ma riconosco, io ammetto, constato il loro potere e il risultato che ne consegue. Parimenti, so che significato abbia la fenditura nelle viscere degli animali sacrificati, o la fibra; la causa di questi presagi, non la conosco. E in tutta la nostra vita ci troviamo in questa condizione: poiché quasi tutti credono agli indizi delle viscere. E possiamo forse dubitare del valore profetico dei fulmini? Fra i tanti esempi di tali miracoli, questo è soprattutto degno di ricordo: l'immagine di Summano, che allora era di argilla, posta in cima al tempio di Giove Ottimo Massimo, fu colpita da un fulmine, né si riusciva a ritrovare in alcun luogo la testa della statua. Gli arùspici dissero che era caduta nel Tevere, e fu trovata esattamente nel punto che da essi era stato indicato.