Versione di Cicerone

Paragrafo 24

Traduzione della Versione "Paragrafo 24" di Cicerone

Testo Originale Latino

. Communi igitur consuetudine sermonis abutimur, cum ita dicimus, velle aliquid quempiam aut nolle sine causa; ita enim dicimus 'sine causa', ut dicamus: sine externa et antecedente causa, non sine aliqua; ut, cum vas inane dicimus, non ita loquimur, ut physici, quibus inane esse nihil placet, sed ita, ut verbi causa sine aqua, sine vino, sine oleo vas esse dicamus, sic, cum sine causa animum dicimus moveri, sine antecedente et externa causa moveri, non omnino sine causa dicimus. De ipsa atomo dici potest, cum per inane moveatur gravitate et pondere, sine causa moveri, quia nulla causa accedat extrinsecus.

Traduzione Italiana

Nella consuetudine del parlare comune commettiamo dunque un errore, quando diciamo che uno vuole o non vuole qualcosa «senza causa»: infatti dicendo «senza causa» intendiamo in realtà dire «senza una causa esterna e ante­cedente», e non senza causa affatto; come quando dicia­mo che un vaso è vuoto, non parliamo il linguaggio dei fisici, secondo i quali il vuoto non esiste, ma intendiamo semplicemente che nel vaso non vi e, per esempio, ac­qua, né vino, né olio, così quando diciamo che l'animo ha dei moti incausati intendiamo senza causa esterna e antecedente, non senza causa affatto. Proprio del l'atomo, poiché si muove nel vuoto in virtù della gravità e del peso, si può dire che si muove senza causa, dato che non interviene nessuna causa dal di fuori.