Versione di Cicerone

Paragrafo 34

Traduzione della Versione "Paragrafo 34" di Cicerone

Testo Originale Latino

Quodsi concedatur nihil posse evenire nisi causa antecedente, quid proficiatur, si ea causa non ex aeternis causis apta dicatur? Causa autem ea est, quae id efficit, cuius est causa, ut vulnus mortis, cruditas morbi, ignis ardoris. Itaque non sic causa intellegi debet, ut, quod cuique antecedat, id ei causa sit, sed quod cuique efficienter antecedat, nec, quod in campum descenderim, id fuisse causae, cur pila luderem, nec Hecubam causam interitus fuisse Troianis, quod Alexandrum genuerit, nec Tyndareum Agamemnoni, quod Clytaemnestram. Hoc enim modo viator quoque bene vestitus causa grassatori fuisse dicetur, cur ab eo spoliaretur.

Traduzione Italiana

Infatti, se si concedesse che niente può accadere sen­za una causa antecedente, che si guadagnerebbe dicendo che quella causa non è, legata alle cause eterne? Causa infatti è propriamente quella che produce ciò di cui è causa, come la ferita della morte, la difficoltà di digestio­ne della malattia, il fuoco del calore. Infatti per quanto riguarda il concetto di causa, non bisogna pensare che la causa di ciascuna cosa sia ciò che la precede, ma ciò che la precede in modo da produrla. Ad esempio, il fatto che sia sceso nel Campo non è causa del fatto che abbia giocato a palla, Ecuba non fu causa della rovina dei Troiani perché aveva generato Paride, né Tindaro di quella di Agamennone perché aveva generato Clitennestra. Al­trimenti si potrebbe dire anche che il viaggiatore ben vestito è stato causa del furto che ha subito dal ladro.