Versione di Cicerone

De Legibus, III, 38-39

Traduzione della Versione "De Legibus, III, 38-39" di Cicerone

Testo Originale Latino

Marcus Vos dem ut video legem antiquastis sine tabella. Sed ego, etsi satis dixit pro se in illis libris Scipio, tamen ita libertatem istam largior populo, ut auctoritate et valeant et utantur boni. Sic enim a me recitata lex est de suffragiis: 'Optimatibus nota, plebi libera sunto.' Quae lex hanc sententiam continet, ut omnes leges tollat quae postea latae sunt quae tegunt omni ratione suffragium, ne quis inspiciat tabellam, ne roget, ne appellet. Pontes etiam lex Maria fecit angustos. Quae si opposita sunt ambitiosis, ut sunt fere, non reprehendo; si non valuerint tamen leges ut ne sit ambitus, habeat sane populus tabellam quasi vindicem libertatis, dummodo haec optimo cuique et gravissimo civi ostendatur ultroque offeratur, ut in eo sit ipso libertas quod populo potestas honeste bonis gratificandi datur. Eoque nunc fit illud quod a te modo Quinte dictum est, ut minus multos tabella condemnet, quam solebat vox, quia populo licere satis est: hoc retento reliqua voluntas auctoritati aut gratiae traditur. Itaque, ut omittam largitione corrupta suffragia, non vides, si quando ambitus sileat, quaeri in suifragiis quid optimi viri sentiant? Quam ob rem lege nostra libertatis species datur, auctoritas bonorum retinetur, contentionis causa tollitur.

Traduzione Italiana

Voi insomma, come vedo, avete respinto la legge senza la tavoletta. Ma io, benché Scipione in sua difesa abbia detto a sufficienza in quei sei libri, tuttavia largisco al popolo codesta libertà: im maniera però che i buoni possano far valere la loro influenza, e se ne avvalgano. Infatti la legge da me enunciata è cos' concepita: nelle votazioni, i voti siano noti agli ottimati e liberi per la plebe. La quale legge ha l'intento di abolire le leggi che sono state emanate in un secondo tempo, e che mirano con ogni mezzo a celare il voto, vietando di guardare la tavoletta, e di chiedere e addirittura di chiamare; la legge Maria rese persino le passerelle più strette. Le quali misure, se sono state introdotte, come forse sono, per contrastare quanti brigano per i voti, non ho ragione di criticare; se invece le leggi non son riuscite a far sì che il broglio sparisse, allora abbia pure il popolo la tavoletta, quasi garanzia di libertà: purché essa sia mostrata e spontaneamente esibita ai migliori e più integri cittadini, di modo che la libertà consista anche nel fatto stesso di dare al popolo la facoltà di mostrarsi onestamente condiscendente degli onesti. Con ciò avviene lo stesso ora, Quinto, quel che tu dicevi poc'anzi: che la tavoletta ne condanni molto meno di quanto soleva il voto orale, poiché al popolo basta avere la facoltà; serbando questa prerogativa, per il resto affida la sua volontà all'ascendente e al credito (degli ottimati). Pertanto, a parte la corruzione pecunaria nelle votazioni, non vedi come, appena il broglio taccia, si vada chiedendo il voto quale sia il parere degli ottimati? Per cui, con la nostra legge si rispetta l'ideale di libertà, si mantiene l'autorità dei nobili e si elimina una causa di conflitto.