Versione di Cicerone

Libro 3, Paragrafo 17

Traduzione della Versione "Libro 3, Paragrafo 17" di Cicerone

Testo Originale Latino

Quintus: Magnum dicis malum. Nam ista potestate nata gravitas optimatium cecidit convaluitque vis multitudinis. Marcus: Non est Quinte ita. Non ius enim illud solum superbius populo et violentius videri necesse erat. Quo posteaquam modica et sapiens temperatio accessit* [Macrobius de differentiis et societatibus 176: Cicero de legibus tertio: Qui poterit socios tueri si dilectum rerum utilium et inutilium non habebit? Ü convertem lex in omnis est.]

Traduzione Italiana

Quinto: - Tu parli di un grande male; infatti con la nascita di questo potere, il prestigio degli ottimati decadde e si rafforzò la violenza della folla. Marco: - Non è così, Quinto. Infatti non solo quella potestà consolare doveva sembrare al popolo troppo superba, ma anche prepotente. Ma quando si fece strada un moderato e saggio temperamento*... la legge deve essere eguale per tutti.