Versione di Cicerone

Libro 1, Par. da 136 a 140

Traduzione della Versione "Libro 1, Par. da 136 a 140" di Cicerone

Testo Originale Latino

Paragrafo 136 Sed quomodo in omni vita rectissime praecipitur ut perturbationes fugiamus id est motus animi nimios rationi non obtemperantes sic eiusmodi motibus sermo debet vacare ne aut ira existat aut cupiditas aliqua aut pigritia aut ignavia aut tale aliquid appareat maximeque curandum est ut eos quibuscum sermonem conferemus et vereri et diligere videamur. Obiurgationes etiam nonnumquam incidunt necessariae in quibus utendum est fortasse et vocis contentione maiore et verborum gravitate acriore id agendum etiam ut ea facere videamur irati. Sed ut ad urendum et secandum sic ad hoc genus castigandi raro invitique veniemus nec unquam nisi necessario si nulla reperietur alia medicina sed tamen ira procul absit cum qua nihil recte fieri nihil considerate potest. Paragrafo 137 Magnam autem partem clementi castigatione licet uti gravitate tamen adiuncta ut et severitas adhibeatur et contumelia repellatur atque etiam illud ipsum quod acerbitatis habet obiurgatio significandum est ipsius id causa qui obiurgetur esse susceptum. Rectum est autem etiam in illis contentionibus quae cum inimicissimis fiunt etiam si nobis indigna audiamus tamen gravitatem retinere iracundiam pellere; quae enim cum aliqua perturbatione fiunt ea nec constanter fieri possunt neque is qui adsunt probari. Deforme etiam est de se ipsum praedicare falsa praesertim et cum inrisione audientium imitari militem gloriosum. Paragrafo 138 Et quoniam omnia persequimur volumus quidem certe dicendum est etiam qualem hominis honorati et principis domum placeat esse cuius finis est usus ad quem accommodanda est aedificandi descriptio et tamen adhibenda commoditatis dignitatisque diligentia. Cn. Octavio qui primus ex illa familia consul factus est honori fuisse accepimus quod praeclaram aedificasset in Palatio et plenam dignitatis domum quae cum vulgo viseretur suffragata domino novo homini ad consulatum putabatur. Hanc Scaurus demolitus accessionem adiunxit aedibus. Itaque ille in suam domum consulatum primus attulit hic summi et clarissimi viri filius in domum multiplicatam non repulsam solum rettulit sed ignominiam etiam et calamitatem. Paragrafo 139 Ornanda enim est dignitas domo non ex domo tota quaerenda nec domo dominus sed domino domus honestanda est et ut in ceteris habenda ratio non sua solum sed etiam aliorum sic in domo clari hominis in quam et hospites multi recipiendi et admittenda hominum cuiusque modi multitudo adhibenda cura est laxitatis. Aliter ampla domus dedecori saepe domino fit si est in ea solitudo et maxime si aliquando alio domino solita est frequentari. Odiosum est enim cum a praetereuntibus dicitur: o domus antiqua heu quam dispari dominare domino quod quidem his temporibus in multis licet dicere. Paragrafo 140 Cavendum autem est praesertim si ipse aedifices ne extra modum sumptu et magnificentia prodeas quo in genere multum mali etiam in exemplo est. Studiose enim plerique praesertim in hanc partem facta principum imitantur ut L. Luculli summi viri virtutem quis? at quam multi villarum magnificentiam imitati! Quarum quidem certe est adhibendus modus ad mediocritatemque revocandus. Eademque mediocritas ad omnem usum cultumque vitae transferenda est. Sed haec hactenus.

Traduzione Italiana

Paragrafo 136 Un giusto e sapiente precetto vuole che noi, in ogni momento della vita, evitiamo i turbamenti dell'animo, cioè quei moti incomposti che si oppongono alla ragione. Ebbene, anche il discorso familiare dev'essere assolutamente libero da tali moti, perché non non si manifesti collera né alcun'altra passione, e perché non ne traspaia né fiacchezza né viltà di cuore né altro simile difetto. Soprattutto dobbiamo cercar di mostrare apertamente il nostro rispetto e il nostro affetto per quelli coi quali conversiamo. Talvolta sono necessari anche i rimproveri, e nel farli bisogna forse adoperare una intensità di voce maggiore e una più aspra gravità di parole; bisogna perfino atteggiarsi in modo da sembrare adirati. Ma, come i medici solo nei casi estremi ricorrono al ferro e al fuoco, cosi noi ricorreremo a questa specie di rimproveri, solo di rado e a malincuore, e non mai se non per necessità, quando, cioè, non si trovi nessun altro rimedio; ma anche allora stia lungi da noi l'ira, con la quale non si può far nulla né di giusto né di assennato. Paragrafo 137 Nella maggior parte dei casi basta fare un dolce rimprovero, non disgiunto da una certa sostenutezza, di modo che si adoperi la severità senza scendere fino all'offesa. E anche quel tanto di amaro che il rimprovero comporta, bisogna far capire che l'abbiamo adoperato per amor di colui che si rimprovera. E anche in quei contrasti, che sorgono tra noi e i nostri più fieri nemici, se pure ci accada di sentir cose indegne di noi, dobbiamo serbar tuttavia una dignitosa compostezza, reprimendo lo sdegno. Tutto ciò che si fa nell'impeto d'una passione, non può né rispettare la coerenza né ottenere lode dai presenti. Gran brutta cosa è anche il decantare i propri meriti, soprattutto non veri, e imitare il soldato millantatore, provocando le risa di chi ci ascolta. Paragrafo 138 Io voglio, o almeno vorrei, trattare compiutamente ogni cosa; conviene perciò dire anche quale dev'essere, a mio parere, la casa di un uomo che gli onori e i meriti hanno posto in alto. Scopo principale della casa è l'utilità pratica; e appunto a questa deve conformarsi la struttura generale dell'edificio; bisogna tuttavia tener conto a un tempo della comodità e della dignità. A Gneo Ottavio, che, primo della sua famiglia, fu eletto console, tornò, com'è noto, a grande onore l'aver costruito sul Palatino una bellissima e dignitosissima casa; e poiché tutti andavano a vederla, si credeva che quella avesse aiutato il suo padrone, uomo nuovo, ad arrivare al consolato. Scauro la demolì per farne un'appendice al suo palazzo. Fu cosi che, mentre quello portò per primo nella sua casa il consolato, questi, figlio di un grande e illustre personaggio, riportò nella sua casa più volte ingrandita non solo la sconfitta elettorale, ma anche il disonore e la sventura. Paragrafo 139 E giustamente: poiché la dignità della persona deve trovar nella casa il suo ornamento, ma non deve cercare in essa la sua prima ed ultima ragione. Non la casa deve conferir decoro al padrone, ma il padrone alla casa. E come in tutte le cose si deve tener conto non solo di sé, ma anche degli altri, così trattandosi della casa di un personaggio illustre, nella quale bisogna ricevere molti ospiti e ammettere molta gente d'ogni sorta, si procuri che essa abbia una giusta ampiezza; se no, una casa troppo vasta, se rimane vuota e deserta, risulta indecorosa per il padrone, tanto più se, in altro tempo e con altro padrone, era di solito molto frequentata. Fa pena sentir dire dai passanti: 0 casa antica, in quali man cadesti! cosa che in questi tempi si può dire a proposito di molti. Paragrafo 140 E bisogna guardarsi, specialmente se uno si fabbrica per sé la sua casa, dall'eccedere nella spesa e nella magnificenza: in questo campo il cattivo esempio è contagioso e pernicioso. I più, infatti, specialmente a questo riguardo, si sforzano di imitare gli atti esteriori dei grandi. Chi, ad esempio, imitò l'intima virtù del grande Lucio Lucullo? Quanti, invece, non imitarono la magnificenza delle sue ville! Ma almeno in fatto di ville si osservi la modestia, e ci si attenga alla giusta misura; e la giusta misura, la si applichi anche a tutti i bisogni e a tutti i comodi della vita. Ma di ciò basti.