Versione di Cicerone

Libro 2, Par. da 71 a 75

Traduzione della Versione "Libro 2, Par. da 71 a 75" di Cicerone

Testo Originale Latino

Paragrafo 71 Quam ob rem melius apud bonos quam apud fortunatos beneficium collocari puto. Danda omnino opera est ut omni generi satis facere possimus sed si res in contentionem veniet nimirum Themistocles est auctor adhibendus qui cum consuleretur utrum bono viro pauperi an minus probato diviti filiam collocaret 'Ego vero inquit malo virum qui pecunia egeat quam pecuniam quae viro'. Sed corrupti mores depravatique sunt admiratione divitiarum; quarum magnitudo quid ad unumquemque nostrum pertinet? Illum fortasse adiuvat qui habet; ne id quidem semper; sed fac iuvare; utentior sane sit honestior vero quomodo? Quod si etiam bonus erit vir ne impediant divitiae quominus iuvetur modo ne adiuvent sitque omne iudicium non quam locuples sed qualis quisque sit. Extremum autem praeceptum in beneficiis operaque danda ne quid contra aequitatem contendas ne quid pro iniuria; fundamentum enim est perpetuae commendationis et famae iustitia sine qua nihil potest esse laudabile. Paragrafo 72 Sed quoniam de eo genere beneficiorum dictum est quae ad singulos spectant deinceps de iis quae ad universos quaeque ad rem publicam pertinent disputandum est. Eorum autem ipsorum partim eius modi sunt ut ad universos cives pertineant partim singulos ut attingant quae sunt etiam gratiora. Danda opera est omnino si possit utrisque nec minus ut etiam singulis consulatur sed ita ut ea res aut prosit aut certe ne obsit rei publicae. C. Gracchi frumentaria magna largitio exhauriebat igitur aerarium; modica M. Octavii et rei publicae tolerabilis et plebi necessaria ergo et civibus et rei publicae salutaris. Paragrafo 73 In primis autem videndum erit ei qui rem publicam administrabit ut suum quisque teneat neque de bonis privatorum publice deminutio fiat. Perniciose enim Philippus in tribunatu cum legem agrariam ferret quam tamen antiquari facile passus est et in eo vehementer se moderatum praebuit--sed cum in agendo multa populariter tum illud male 'non esse in civitate duo milia hominum qui rem haberent'. Capitalis oratio est ad aequationem bonorum pertinens qua peste quae potest esse maior? Hanc enim ob causam maxime ut sua tenerentur res publicae civitatesque constitutae sunt. Nam etsi duce natura congregabantur homines tamen spe custodiae rerum suarum urbium praesidia quaerebant. Paragrafo 74 Danda etiam opera est ne quod apud maiores nostros saepe fiebat propter aerarii tenuitatem assiduitatemque bellorum tributum sit conferendum idque ne eveniat multo ante erit providendum. Sin quae necessitas huius muneris alicui rei publicae obvenerit (malo enim quam nostrae ominari neque tamen de nostra sed de omni re publica disputo) danda erit opera ut omnes intellegant si salvi esse velint necessitati esse parendum. Atque etiam omnes qui rem publicam gubernabunt consulere debebunt ut earum rerum copia sit quae sunt necessariae. Quarum qualis comparatio fieri soleat et debeat non est necesse disputare; est enim in promptu; tantum locus attingendus fuit. Paragrafo 75 Caput autem est in omni procuratione negotii et muneris publici ut avaritiae pellatur etiam minima suspicio. 'Utinam' inquit C. Pontius Samnis 'ad illa tempora me fortuna reservavisset et tum essem natus quando Romani dona accipere coepissent. Non essem passus diutius eos imperare.' Ne illi multa saecula expectanda fuerunt: modo enim hoc malum in hanc rem publicam invasit. Itaque facile patior tum potius Pontium fuisse si quidem in illo tantum fuit roboris. Nondum centum et decem anni sunt cum de pecuniis repetundis a L. Pisone lata lex est nulla antea cum fuisset. At vero postea tot leges et proxumae quaeque duriores tot rei tot damnati tantum [Italicum] bellum propter iudiciorum metum excitatum tanta sublatis legibus et iudiciis expilatio direptioque sociorum ut inbecillitate aliorum non nostra virtute valeamus.

Traduzione Italiana

Paragrafo 71 Perciò ritengo che sia meglio collocare un beneficio presso i buoni che presso i dotati di fortuna. Bisogna, in genere, adoperarsi per soddisfare persone di ogni classe sociale, ma se si dovrà scegliere, certamente bisognerà seguire l'esempio di Temistocle; avendogli chiesto un tale se dovesse dare la figlia in isposa ad un uomo onesto ma povero o ad un uomo ricco ma meno onesto, rispose: "Preferisco, in verità, un uomo che manchi di denaro, anziché il denaro che manchi di un uomo ". Ma a causa dell'ammirazione per le ricchezze si corrompono e depravano i costumi; ma la grandezza di esse in che riguarda ciascuno di noi? Forse giova a colui che le possiede, e neppure sempre; ma ammettiamo che giovi: sia pure, ma in qual modo potrà essere più onesto? Che se sarà anche un galantuomo, le sue ricchezze non dovranno impedire che gli si faccia del bene, purché non ne siano la ragione. Ogni giudizio riguardi non quanto ciascuno sia ricco, ma quali siano le sue qualità morali. L'ultimo consiglio nel dare benefici e nel rendere servigi è di non fare nulla contro l'equità e nulla a favore dell'ingiustizia; il fondamento di un continuo favore e di una fama perpetua è la giustizia, senza la quale non può esistere nulla degno di lode. Paragrafo 72 E poiché si è trattato di quel genere di benefici che riguardano le singole persone, si deve, poi, discutere di quelli che riguardano tutto l'insieme dei cittadini e lo Stato. Di questi stessi alcuni riguardano tutti i cittadini, altri i singoli, e questi sono anche più graditi. In genere ci si deve adoperare, per quanto possibile, per l'una e l'altra categoria, e, se non è possibile, perché si provveda anche alle singole persone, ma in modo tale che ciò o giovi o almeno non sia d'ostacolo allo Stato. Grande fu la distribuzione di grano di Gaio Gracco: vuotava, perciò, l'erario; moderata quella di Marco Ottavio, tollerabile per lo Stato e necessaria alla plebe, salutare, dunque, per i cittadini e per lo Stato. Paragrafo 73 In primo luogo chi governa uno Stato dovrà badare a che ciascuno conservi il proprio patrimonio e non sia adoperata una decurtazione dei beni privati per opera dello Stato. Si comportò in modo pericoloso Filippo durante il suo tribunato, proponendo la legge agraria, che, tuttavia, egli permise facilmente che fosse abrogata, dimostrandosi in questo molto moderato; ma come nella sua attività disse molte cose in modo gradito al popolo, così fu dannosa quella sua affermazione: "Non ci sono nelle città duemila persone che abbiano una proprietà ". E' un discorso criminale, che porta al livellamento dei beni; quale peste può esser più rovinosa di questa? Soprattutto per questo motivo, cioè per conservare le proprietà, si sono costituiti gli Stati e le città. Infatti gli uomini si fossero riuniti in società per l'impulso della natura, tuttavia cercavano la protezione delle città nella speranza di difendere i propri averi. Paragrafo 74 Si deve fare in modo che non si applichino tasse. il che presso i nostri antenati accadeva spesso per la scarsezza dell'erario e la frequenza delle guerre, e perché ciò non accada bisognerà prendere provvedimenti molto tempo prima. Se invece una qualche necessità di un tale contributo si presenterà ad uno Stato (preferisco fare questa supposizione per un altro Stato piuttosto che per il nostro, e, del resto, non parlo solo del nostro, ma di ogni Stato), ci si dovrà adoperàre a che tutti capiscano che si devono sottomettere alla necessità, se vogliono essere salvi. Anche tutti quelli che governeranno uno Stato dovranno provvedere a che ci sia abbondanza dei generi necessari per il sostentamento. Non è necessario trattare come si soglia e si debba provvedere a procurarseli: è stato sufficiente l'avervi accennato. Paragrafo 75 Il punto principale nella cura d'ognì affare e nell'amministrazione d'ogni pubblico ufficio è l'evitare anche il minimo sospetto di avidità. "Oh, se la sorte - disse il Sannita Gaio Ponzio - mi avesse riservato per quei tempi, e fossi nato allora, quando i Romani cominciarono ad accettare doni! Non avrei tollerato più a lungo che essi mantenessero il dominio ". E non si sarebbero dovuti attendere neppure molti secoli, perché ora anche questo male è entrato nel nostro Stato. E perciò sono ben lieto che Ponzio sia vissuto piuttosto allora, se veramente egli ebbe una così grande energia morale. Non sono ancora trascorsi centodieci anni da quando Lucio Pisone propose la legge contro i delitti dì concussione, mentre prima non ce n'era stata alcuna; ma dopo, in verità, tante furono le leggi e le più recenti anche più severe, tanti i colpevoli, tanti i condannati, tanto grave la guerra italica scoppiata per la paura dei processi, e tante le spoliazioni e le estorsioni degli alleati, essendo state abrogate le leggi ed i tribunali, che siamo salvi per la debolezza degli altri, non per il nostro valore.