Versione di Cicerone

Libro 2, Par. da 86 a 89

Traduzione della Versione "Libro 2, Par. da 86 a 89" di Cicerone

Testo Originale Latino

Paragrafo 86 In his autem utilitatum praeceptis Antipater Tyrius Stoicus qui Athenis nuper est mortuus duo praeterita censet esse a Panaetio valitudinis curationem et pecuniae; quas res a summo philosopho praeteritas arbitror quod essent faciles; sunt certe utiles. Sed valetudo sustentatur notitia sui corporis et observatione quae res aut prodesse soleant aut obesse et continentia in victu omni atque cultu corporis tuendi causa praetermittendis voluptatibus postremo arte eorum quorum ad scientiam haec pertinent. Paragrafo 87 Res autem familiaris quaeri debet iis rebus a quibus abest turpitudo conservari autem diligentia et parsimonia eisdem etiam rebus augeri. Has res commodissime Xenophon Socraticus persecutus est in eo libro qui Oeconomicus inscribitur quem nos ista fere aetate cum essemus qua es tu nunc e Graeco in Latinum convertimus. Sed toto hoc de genere de quaerenda de collocanda pecunia (vellem etiam de utenda) commodius a quibusdam optimis viris ad Ianum medium sedentibus quam ab ullis philosophis ulla in schola disputatur. Sunt tamen ea cognoscenda; pertinent enim ad utilitatem de qua hoc libro disputatum est. Paragrafo 88 Sed utilitatum comparatio quoniam hic locus erat quartus a Panaetio praetermissus saepe est necessaria. Nam et corporis commoda cum externis [et externa cum corporis] et ipsa inter se corporis et externa cum externis comparari solent. Cum externis corporis hoc modo comparantur valere ut malis quam dives esse [cum corporis externa hoc modo dives esse potius quam maximis corporis viribus] ipsa inter se corporis sic ut bona valitudo voluptati anteponatur vires celeritati externorum autem ut gloria divitiis vectigalia urbana rusticis. Paragrafo 89 Ex quo genere comparationis illud est Catonis senis: a quo cum quaereretur quid maxime in re familiari expediret respondit: "Bene pascere"; quid secundum: "Satis bene pascere"; quid tertium: "Male pascere"; quid quartum "Arare"; et cum ille qui quaesierat dixisset: "Quid faenerari?" tum Cato: "Quid hominem" inquit "occidere?" Ex quo et multis aliis intellegi debet utilitatum comparationes fieri solere recteque hoc adiunctum esse exquirendorum officiorum genus. Reliqua deinceps persequemur.

Traduzione Italiana

Paragrafo 86 Riguardo a questi precetti sull'utile, lo Stoico Antipatro di Tiro, che da poco è morto in Atene, pensa che Panezio abbia trascurato due temi: la cura della propria salute e quella del patrimonio. Penso che quel sommo filosofo li abbia tralasciati per la loro facilità; sono certamente utili. Ma la salute si mantiene con la conoscenza del proprio corpo, con l'osservazio ne di ciò che solitamente ci giova o ci nuoce, con la morigeratezza nel vitto e nel mantenimento del corpo, per conservarlo sano, tralasciati i piaceri, ed infine con l'attività. professionale di quelli, la cui scienza riguarda queste cose. Paragrafo 87 Il patrimonio familiare si deve ricercare con mezzi dai quali sia lontana la disonestà, conservare con diligenza e parsimonia e accrescere con gli stessi mezzi. Senofonte, discepolo di Socrate, trattò tutti questi temi in modo assai adeguato in quel libro che s' intitola 'Economico', che io tradussi dal Greco in Latino quando avevo press'a poco la tua età. Ma dell'intera questione relativa al modo di procurarsi il denaro e di investirlo (e vorrei anche sul modo di usarlo bene), si discute con maggiore opportunità da parte di certe brave persone che risiedono presso il Giano di mezzo, che non da parte di alcun filosofo in una scuola. Tuttavia si devono conoscere; riguardano, difatti, l'utile, del quale si è trattato in questo libro. Paragrafo 88 Ma il paragone tra due cose utili - poiché questo era il quarto punto, tralasciato da Panezio e spesso necessario: infatti si è soliti paragonare i vantaggi del corpo con quelli esterni [e gli esterni con quelli del corpo] e quelli stessi del corpo tra di loro, e gli esterni con gli esterni. Si paragonano i vantaggi fisici con quelli esterni, quando ci si chiede se si preferisce la salute alla ricchezza, [si paragonano quelli esterni coi corporali in questo modo, per vedere se è possibile esser ricchi piuttosto che avere una forza fisica grandissima] e quelli stessi fisici sì da anteporre la buona salute al piacere, la forza alla rapidità; ed infine il confronto degli esterni, così da anteporre la gloria alle ricchezze, le imposte delle città a quelle delle campagne. Paragrafo 89 A questo genere di raffronto appartiene quel detto di Catone il vecchio: essendogli stato chiesto che cosa giovasse massimamente al patrimonio, rispose: "Allevare bene il bestiame"; e che cosa, in secondo luogo: "Allevarlo sufficientemente bene"; e che cosa, in terzo luogo: "Allevarlo male"; che cosa, in quarto luogo: "Arare". E avendogli detto l'interrogante: "E che, del dare ad usura?" allora Catone rispose: "E che dell'uccidere un uomo?". Da questo e da molti altri esempi si deve capire che i paragoni tra le cose utili si fanno comunemente, e che opportunamente è stato aggiunto questo quarto tipo di indagine sui doveri. Passeremo, quindi, al resto.