Versione di Cicerone

Libro 3, Par. da 51 a 55

Traduzione della Versione "Libro 3, Par. da 51 a 55" di Cicerone

Testo Originale Latino

Paragrafo 51 In huiusmodi causis aliud Diogeni Babylonio videri solet magno et gravi Stoico aliud Antipatro discipulo eius homini acutissimo; Antipatro omnia patefacienda ut ne quid omnino quod venditor norit emptor ignoret Diogeni venditorem quatenus iure civili constitutum sit dicere vitia oportere cetera sine insidiis agere et quoniam vendat velle quam optime vendere. "Advexi eui vendo meum non pluris quam ceteri fortasse etiam minoris cum maior est copia; cui fit iniuria?" Paragrafo 52 Exoritur Antipatri ratio ex altera parte: "Quid ais? tu cum hominibus consulere debeas et servire humanae societati eaque lege natus sis et ea habeas principia naturae quibus parere et quae sequi debeas ut utilitas tua communis sit utilitas vicissimque communis utilitas tua sit celabis homines quid iis adsit commoditatis et copiae? Respondebit Diogenes fortasse sic: "Aliud est celare aliud tacere neque ego nunc te celo si tibi non dico quae natura deorum sit qui sit finis bonorum quae tibi plus prodessent cognita quam tritici vilitas. Sed non quicquid tibi audire utile est idem mihi dicere necesse est." Paragrafo 53 "Immo vero" inquiet ille "necesse est si quidem meministi esse inter homines natura coniunctam societatem." "Memini" inquiet ille "sed num ista societas talis est ut nihil suum cuiusque sit? Quod si ita est ne vendendum quidem quicquam est sed donandum." Vides in hac tota disceptatione non illud dici "quamvis hoc turpe sit tamen quoniam expedit faciam" sed ita expedire ut turpe non sit ex altera autem parte ea re quia turpe sit non esse faciendum. Paragrafo 54 Vendat aedes vir bonus propter aliqua vitia quae ipse norit ceteri ignorent pestilentes sint et habeantur salubres ignoretur in omnibus cubiculis apparere serpentes sint male materiatae et ruinosae sed hoc praeter dominum nemo sciat; quaero si haec emptoribus venditor non dixerit aedesque vendiderit pluris multo. quam se venditurum putarit num id iniuste aut improbe fecerit? "Ille vero" inquit Antipater. "Quid est enim aliud erranti viam non monstrare quod Athenis execrationibus publicis sanctum est si hoc non est emptorem pati ruere et per errorem in maximam fraudem incurrere. Plus etiam est quam viam non monstrare; nam est scientem in errorem alterum inducere." Paragrafo 55 Diogenes contra "Num te emere coegit qui ne hortatus quidem est? Ille quod non placebat proscripsit tu quod placebat emisti. Quod si qui proscribunt villam bonam beneque aedificatam non existimantur fefellisse etiam si illa nec bona est nec aedificata ratione multo minus qui domum non laudarunt. Ubi enim iudicium emptoris est ibi fraus venditoris quae potest esse? Sin autem dictum non omne praestandum est quod dictum non est id praestandum putas? Quid vero est stultius quam venditorem eius rei quam vendat vitia narrare? Quid autem tam absurdum quam si domini iussu ita praeco praedicet: "6domum pestilentem vendo?"

Traduzione Italiana

Paragrafo 51 In casi simili diversa è l'opinione di Diogene di Babilonia, stoico importante e serio, e di Antipatro, suo discepolo, uomo di straordinaria acutezza: secondo Antipatro bisogna dichiarare tutto, perché il compratore non ignori nulla che sia noto al venditore; secondo Diogene occorre che il venditore riveli i difetti, limitatamente alle prescrizioni del diritto civile, tratti il resto senza frode e, dal momento che vende, cerchi di vendere al prezzo più vantaggioso. "Ho importato la merce, l'ho esposta, la vendo a un prezzo non maggiore degli altri, forse anche minore, poiché ne ho una quantità più grande. A chi faccio torto? " Insorge dall'altra parte il ragionamento di Antipatro: 5 Paragrafo 52 "Che dici? Tu, che dovresti preoccuparti degli uomini e dedicarti alla società umana, tu che sei nato sotto questa legge ed hai questi principi naturali, ai quali devi obbedire e conf ormarti, e cioè che il tuo utile sia l'utile comune e per converso l'utile comune sia il tuo, tu nasconderai agli uomini il vantaggio e l'abbondanza che si presentano loro?" Diogene risponderà, forse, così: "Una cosa è nascondere e un'altra tacere; e io non ti nascondo, adesso, se non te lo dico, quale sia la natura degli dei, quale il sommo bene, cose che, una volta conosciute, ti gioverebbero di più del sapere il basso prezzo dei grano. Ma non è necessario che io ti dica tutto ciò che a te è utile ascoltare". Paragrafo 53 "Anzi, [ríbatterà quello], è necessario, se pure ti ricordi che tra gli uomini c'è, per natura, un vincolo sociale". "Me ne ricordo", dirà l'altro, "ma questa società è forse tale che nulla appartenga più privatamente a ciascuno? Se cosi fosse, non bisognerebbe neppure vender nulla, ma donare". Puoi constatare che in tutta questa discussione non si dice. "Benché ciò sia vergognoso, pure, dal momento che è utile, lo farò" ma (da parte dell'uno) che è utile così da non essere vergognoso, da parte dell'altro che non si deve fare perché è immorale. Paragrafo 54 Un galantuomo vende una casa per dei difetti a lui noti e ignoti agli altri; la casa è malsana ma la si ritiene salubre, si ignora che in tutte le stanze saltano fuori dei serpenti, è costruita con materiale cattivo ed è in sfacelo, ma tutto questo non lo sa nessuno, tranne il padrone; io chiedo: se il venditore non dicesse questo ai compratori e vendesse la casa ad un prezzo molto più alto di quanto si sarebbe aspettato, compirebbe un'azione ingiusta e disonesta? "Certo" dice Antipatro. "Che altro è il non indicare la via a chi sta vagando - cosa punita in Atene con la pubblica esecrazione - se non questo, lasciare che il compratore agisca sconsideratamente e per questo errore cada in una gravissima frode? E', anzi, di più che il non mostrare la strada, perché è indurre consapevolmente un altro in errore ". Paragrafo 55 E Diogene di rimando: "Ti ha costretto forse a comprare, chi non ti ha neanche esortato a farlo? Quello l'ha messa in vendita, perché non gli piaceva, tu l'hai comprata, perché ti piaceva. Se quanti mettono in vendita una villa come bella e ben costruita non vengono ritenuti frodatori, anche se la villa non è né bella né ben costruita, molto meno dovrebbero esserlo considerati coloro che non hanno decantato i pregi della casa. Quando, difatti, la decisione è lasciata al compratore, quale potrebbe essere la frode del venditore? Se, poi, non bisogna mantenere tutto quello che è stato detto espressamente, pensi che si debba mantenere ciò che non è stato detto espressamente? E che c'è, poi, di più sciocco del fatto che il venditore elenchi i difetti della sua merce, e che cosa di più assurdo, se il banditore, per ordine del padrone, andasse gridando: vendo una casa malsana"?