Versione di Cicerone

Paragrafo 46

Traduzione della Versione "Paragrafo 46" di Cicerone

Testo Originale Latino

Ego vero propter sermonis delectationem tempestivis quoque conviviis delector, nec cum aequalibus solum, qui pauci admodum restant, sed cum vestra etiam aetate atque vobiscum, habeoque senectuti magnam gratiam, quae mihi sermonis aviditatem auxit, potionis et cibi sustulit. Quod si quem etiam ista delectant, (ne omnino bellum indixisse videar voluptati, cuius est fortasse quidam naturalis modus), non intellego ne in istis quidem ipsis voluptatibus carere sensu senectutem. Me vero et magisteria delectant a maioribus instituta et is sermo, qui more maiorum a summo adhibetur in poculo, et pocula, sicut in Symposio Xenophontis est, minuta atque rorantia, et refrigeratio aestate et vicissim aut sol aut ignis hibernus; quae quidem etiam in Sabinis persequi soleo, conviviumque vicinorum cotidie compleo, quod ad multam noctem quam maxime possumus vario sermone producimus.

Traduzione Italiana

In realtà proprio per il piacere della conversazione trovo diletto anche in banchetti prolungati, e non solo con i miei coetanei, che ormai sono rimasti molto pochi, ma anche con quelli della vostra età e assieme a voi, e provo profonda riconoscenza per la vecchiaia, che ha fatto crescere in me la voglia di conversare, mentre mi ha tolto (quella) di mangiare e di bere. Se poi queste cose piacciono a qualcuno - per non sembrare del tutto che io abbia dichiarato guerra al piacere, di cui forse esiste un limite naturale - , penso che neppure in questi piaceri la vecchiaia sia priva di sensibilità. Anzi a me piacciono i magisteri conviviali, istituiti dai nostri antenati [colui che moderava la discussione a tavola e sceglieva le bevande era detto 'magister bibendi'], e quel discorrere che, secondo il costume dei padri, comincia dal posto d'onore con la coppa in mano [il posto d'angolo del letto a destra della mensa era considerato il 'summus locus', cioè il posto d'onore], e le coppe, come nel "Simposio" di Senofonte, "piccole e stillanti", e il fresco d'estate e al contrario il sole o il fuoco d'inverno; cose che io sono solito praticare anche in Sabina, e ogni giorno riempio di vicini il banchetto, che prolunghiamo in vari discorsi quanto più possiamo fino a notte inoltrata.